1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Velocità di esecuzione top

Discussione in 'Allenamento e Tecniche di Gioco' iniziata da SImone.MTT, 28 Apr 2018.

  1. SImone.MTT

    SImone.MTT Utente

    Nome e Cognome:
    Simone Bova
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Morelli
    ciao a tutti... chiedo qualche consiglio in merito ad un problema che mi porto dietro da parecchio tempo.
    Premetto che ho ripreso a giocare dopo ben 13 anni. ( giocavo a livello agonistico ) e riprendendo ad allenarmi facendo delle private, sto constatando un problema che a quanto capito è abbastanza grave. Mi spiego meglio.

    Partiamo dal dire che prevalentemente ho un buon rovescio in top. Il dritto non è mai stato il mio forte ma essendo il colpo principale devo per forza allenarlo se per forza di cose voglio proseguire nel giocare a certi livelli. Il problema è che apparte il movimento che a fatica faccio, non riesco a gestire la potenza del braccio cioè non riesco a toppare piano ma carico inesorabilmente per tirare la BOTTA, di conseguenza il top ( parlo del dritto ) lo tiro per forza forte, quando magari vorrei tirarlo lento e carico di spin. Solo che se mi sforzo a non caricare mi concentro troppo su quale movimento giusto devo fare tra busto avambraccio ecc... e lo canno completamente.. mentre se lo carico forte non sempre ma forse senza rendermene conto il movimento lo faccio giusto presumo e il top mi entra. Chi mi allena poverello più vado veloce e più fa fatica a vedere il movimento che faccio e fa fatica anche a correggermi dicendomi continuamente di tirare piano ma proprio nn ci riesco. E se ci provo bhe mi vien da piangere solo a pensarci per lo schifo che mi esce scusate la pappardella... ma vorrei qualche consiglio ae possibile su come superare sto muro...

    Ps. Ho cercato con la funziona cerca ma non ho trovato nulla in merito a questo argomento
     
  2. TableT.maniac

    TableT.maniac The Spin Machine

    Squadra:
    di solito uso il righello
    Hai provato e fare un video mentre tiri il top di dritto?
    Vedere il video potrebbe aiutarti a comprendere cosa non va
     
    A ggreco piace questo elemento.
  3. SImone.MTT

    SImone.MTT Utente

    Nome e Cognome:
    Simone Bova
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Morelli
    Proverò a farne uno e a postarlo... comunque è un problema che ho solo sul dritto perché di rovescio grossi problemi non ne ho. Sarà che magari Son poi portato al rovescio. Ma sta cosa del dritto è diventata per me un ossessione
     
  4. d.zagami

    d.zagami Nuovo Utente

    Categoria Atleta:
    4a Cat.
     
  5. SImone.MTT

    SImone.MTT Utente

    Nome e Cognome:
    Simone Bova
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Morelli
    ??
     
  6. d.zagami

    d.zagami Nuovo Utente

    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Scusa, ma stavo provando a scrivere dal cellulare...
    dicevo che a me fanno fare un esercizio molto efficace per rallentare l'esecuzione del top di dritto: posizionare una transenna lateralmente e dopo ogni top andare a toccarla con la mano libera. Ovviamente più tiri veloce e meno avrai tempo per toccare la transenna...
     
  7. SImone.MTT

    SImone.MTT Utente

    Nome e Cognome:
    Simone Bova
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Morelli
    Grazie ! Ma nn riesco a capire dove è posizionata la transenna mmmmm
     
  8. d.zagami

    d.zagami Nuovo Utente

    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    laterlamente a una distanza di circa 1 metro (o anche meno) dal tavolo. dunque se sei destro: tiri il top di dritto con pallina che ti arriva nella parte centrale/sinistra del tavolo e poi ti sposti rimanendo basso sulle gambe e tocchi la transenna con la mano sinistra... più difficile a dirsi che a farsi...
     
  9. SImone.MTT

    SImone.MTT Utente

    Nome e Cognome:
    Simone Bova
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Morelli
    Ok adesso ho capito vedrò di provare a farlo. Anche te stesso problema?
     
  10. d.zagami

    d.zagami Nuovo Utente

    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    problema aggravato dal fatto che avendo ricominciato a giocare dopo 30 anni (trenta) ho trovato praticamente un altro sport!
     
    A Provolino70 piace questo elemento.
  11. SImone.MTT

    SImone.MTT Utente

    Nome e Cognome:
    Simone Bova
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Morelli
    Aia... più o meno lo stesso problema mio ma più aggravato... c’è la faremo ahHa
     
  12. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    .... non riesco a gestire la potenza del braccio cioè non riesco a toppare piano ma carico inesorabilmente per tirare la BOTTA, di conseguenza il top ( parlo del dritto ) lo tiro per forza forte, quando magari vorrei tirarlo lento e carico di spin
    Mettersi a discutere del top è come,nel giorno delle elezioni,mettersi a discutere con altri del partito preso,non c'è verso,ognuno ha il suo e poi dovranno insieme governare e trovare delle sinergie e convergenze per ottenere un disegno di programma compatibile.Come?Si arrangino.
    E così nel top ognuno coltivi,in santa pace,la propria idea,secondo le proprie convinzioni tenendo conto anche delle situazioni contingenti e delle continue variabili.. e prima di arrivare a qualcosa di organico.....magari un giorno s'arriva.
    Ciò detto entro in merito,incuriosito dalla tipicità del problema posto.Immagino subito dopo la battuta arriva una palla sufficientemente giocabile e comoda per organizzare un top lento ,che ti riesce meglio,come osservi, se gli assesti una botta veloce,ma senza renderti conto dell'effettivo movimento fatto e ancor poco ripetibile in situazione analoga,che il braccio è già partito a modo suo.Giusto?

    Prima ,però, un accenno di fisica applicata a quello che andrò a sostenere e spero di non annoiare,detta poi da uno che tale materia non l'ha mai digerita a fondo.Bene,molto tempo fa,da un libretto aperto casualmente nel seguire le istruzioni per costruire una trottola giocattolo a corde,m'ha colpito il seguente esempio.Leghiamo a un bastone di scopa,fissato verticale in un vaso o per terra, una lunghissima corda con attaccato ad un capo di essa un sasso.Prendiamo ora il sasso e lanciamolo a viva forza.Noteremo che la corda comincia a roteare in un senso e si avvolge attorno al bastone.Ma come?Prima a lente volute,fintantochè la corda è lunga,poi man mano che s'accorcia via via più veloce,fino ad avvinghiarsi completamente al legno.Che si può dedurre?Se vuoi tirare un top più lentamente devi allargare maggiormente le braccia,cioè distanziare bene le mani-effetto corda lunga-,prima di eseguire il classico movimento per colpire la pallina.Quando stringi le braccia,invece,e qui ci vuol maestria usando le mani e i gomiti,attorno al corpo,tutta l'energia raccolta si riversa nel movimento rotatorio del tronco,aumentando vieppiù la velocità complessiva e la spinta trasmessa alla pallina-effetto corda corta-.
    Ricorda che sarà prioritario spingere in avanti,rispetto al salire,che tanto la rete è alta solo 16 cm.Quindi spingere in avanti in senso circolare.Quale sarà la velocità giusta di crociera?Se usi soprattutto, o unicamente, il braccio racchetta sarà difficile poi controllare la velocità,che quando il braccio parte,non lo regoli più e come lo tieni a freno?Quindi comincia ad utilizzare per tempo l'altro braccio-non racchetta,a guisa di un immaginario "lazo" o volante che tieni e fai scorrere per le mani,poi lo attiri e avvolgi attorno al corpo-bastone.Mi raccomando deve essere un azione regolare,coordinata,senza sbalzi e senza abbassare o rilassare all'improvviso un braccio slegato rispetto all'altro,che questo brusco movimento blocca e frena davvero la traiettoria correttamente iniziata. Otterrai un' azione più ampia,sorretta da entrambe le braccia, sarà più agevole regolare e modulare l'inclinazione del braccio-racchetta rispetto alla distanza della palla , alla velocità più idonea, quella appunto ricercata e voluta.
    Quindi operazione per conseguire il massimo equilibrio dinamico complessivo,da ricercare per stadi ed adattamenti successivi,coinvolgendo tutti gli arti,se riesci ad aggiungere la componente fisica della "corda " innanzi descritta,...
    Ora non ti resta che provare,magari ne riparliamo.
    stima ettore
     
  13. SImone.MTT

    SImone.MTT Utente

    Nome e Cognome:
    Simone Bova
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Morelli
    Grazie Ettore molto tecnica come spiegazione ma penso di aver capito... ora il problema sarà provarlo appena andrò ad allenarmi... secondo me è più un problema mentale comunque.. cioè sono quasi sempre covinto di non riuscirci e puntualmente nn ci riesco. Devo stare più rilassato come quando vado in rovescio.
     
  14. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    ...più il gesto è tecnico,più riesce.Mentale viene dopo...
     
  15. Ragnolo

    Ragnolo Utente Noto

    Qualifica Tecnico:
    Allenatore FITeT
    Categoria Atleta:
    Fuori Quadro
    Proporrei un esercizio del genere, da analizzare con ripresa rallentata.
    Mettere in posizione base due cerchi in terra (o fare due croci con del nastro per carrozziere che individuano la posizione base frontale dove si pongono i piedi) che dovrai andare a “riempire” ritornando in posizione base e pronto per un altro top...
    Quindi: esecuzione di un colpo lento, cui seguono due colpi veloci con pallina lanciata dal cesto più velocemente, dove, dopo ogni singolo colpo si richiede il ritorno alla posizione base; in questo modo puoi fare un cesto che non solo metta palline al centro, ma che può sfruttare ogni posizione in quanto,lo scopo è da una parte automatizzare la posizione base e di conseguenza l’esecuzione del top sia lento che veloce.
    Riprendendo l’allenamento a velocità ridotta (visto che il tuo allenatore non riesce a vederlo) potrai confrontare, nella stessa posizione, cosa fai nel colpo veloce e in quello lento... e vedere se tutto è in ordine e nella giusta consecutio... e magari capire perché nel gesto più lento non colpisci la pallina.
    Poi dopo passare a variare le posizioni sul tavolo... ma prima darei un occhio alla posizione, su come ti riposizioni e ai successivi movimenti del colpo lento o veloce disaggregandoli... il tuo allenatore farà il resto indicandoti la giusta tecnica..
     
  16. SImone.MTT

    SImone.MTT Utente

    Nome e Cognome:
    Simone Bova
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Morelli
    Il filmarsi non è una brutta idea. In settimana in allenamento vedrò già il da farsi... speriamo di risolvere
     
  17. tOppabuchi

    tOppabuchi misantro-pong

    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Dico la mia: a me hanno insegnato che il top è una vera e propria “frustata” e che quindi non esiste la possibilità di eseguirlo lentamente.
    La differenza fra il tirarlo forte (per chiudere il punto) o che gira moltissimo (top carico di apertura su palla tagliata) è semplicemente l’inclinazione con la quale viene colpita la palla: più verso l’avversario per “chiudere”...più verso l’alto per “aprire” il gioco.
    La velocità di esecuzione però, rimane identica: molto, molto veloce.
    Semmai, se come dici tu hai ripreso dopo molti anni....conoscerai la vecchia tecnica del topspin partendo quasi da terra.
    Ecco, in questo caso....dimenticala.
    Coi nuovi materiali e le nuove palline l’ampiezza del movimento è praticamente dimezzata per lasciar spazio ad una maggior velocità di esecuzione del colpo.
    Buon divertimento col tuo top velocissimo!!
     
  18. SImone.MTT

    SImone.MTT Utente

    Nome e Cognome:
    Simone Bova
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Morelli
    Difatti dopo un po’ di anni e anche con la pallina cambiata da 40.. ho trovato qualche differenza. Rincomincerò tutto da capo.. come hai detto te il movimento avambraccio deve comunque essere veloce se no il taglio nn lo tiri mica su a quanto ne so...
     
    A tOppabuchi piace questo elemento.
  19. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Squadra:
    TT FIUMICELO
     
  20. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Nome e Cognome:
    Eugenio Bertagna
    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    @Ettore Milocco, una domanda:

    è più difficile insegnare il topspin o quotare sul forum?

    Forse mi risponderai che imparare il topspin dipende dalla capacità di apprendimento (o dell'elasticità) dell'allievo.. ecc...

    Ecco, anche quotare.
     
    Ultima modifica: 30 Apr 2018
    A tOppabuchi piace questo elemento.

Condividi questa Pagina