1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Un principiante (stagionato, e pure nonno!)

Discussione in 'Presentatevi qui!' iniziata da Kubala, 2 Mag 2019.

  1. Kubala

    Kubala Utente

    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Ciao, mi presento :)

    Ho giocato a ping pong da ragazzino tra gli 11 e i 14 anni ... all'epoca ero "bravo da oratorio", nel senso che valeva la regola che chi vinceva restava in campo, ed io ero arrivato al livello in cui quando era ora di uscire lo decidevo io ... poca roba in termini assoluti, insomma ;)

    Poi sono stato senza più toccare la racchetta per 40 anni (mannaggia!) e, su invito di un amico, ho ripreso lo scorso inizio dicembre. Scoprendo che mi divertivo ancora come un matto, da gennaio mi sono iscritto ad un circolo e, tra quel che faccio al circolo e quel che gioco col mio amico, faccio 8-10 ore settimanali.

    Ho temperamento e caratteristiche da attaccante, quasi a tutti i costi ... nonostante il mio amico mi consigliasse inizialmente di cercare soprattutto il controllo, ho continuato a fare di testa mia, ritenendo che il controllo arriva con l'abitudine, ma se faccio movimenti che non sono i miei, per rallentare la palla, poi rimettere il movimento a posto diventa un problema. Al momento, sembrerebbe avessi ragione io, i miglioramenti (rapidissimi all'inizio, poi più lenti) ci sono ed il controllo aumenta, senza snaturare i miei movimenti, e se all'inizio il mio amico vinceva praticamente tutti i set ora ne vinco di più io.
    Al circolo, gioco ovviamente nella parte "bassa" dei neofiti ma ogni tanto qualcuno di quelli bravi (e classificati) scambia e gioca con me ... mi mazzuola, ma mi tira fuori anche il meglio. E, nonostante io non ami affatto perdere, mi diverto enormemente!

    Come caratteristiche, ripeto, sono un attaccante, ogni volta che mi sembra di vedere l'occasione appena appena buona non so resistere.
    Destrimano, tendo a giocare ravvicinato al tavolo. Se devo dire pregi (ovviamente ai miei livelli) e difetti, direi
    come pregi:
    a) che ho un dritto che sembra far male anche a giocatori molti più bravi di me, e mentre all'inizio ovviamente quando sparavo ne mettevo dentro una si ed una no, ora riesco a tirare pallate con una percentuale di riuscita più valida;
    b) che sembro avere una qualche predisposizione ad indirizzare la palla ... nel senso che, ogni volta che mando la palla di là, cerco di immaginare dove la voglio mettere (tendenzialmente, molto vicino ad una riga laterale), e sembra abbia una decente capacità di metterla spesso davvero lì (due dita più a destra o a sinistra, più avanti o più indietro, ma tendenzialmente vicina a dove la volevo). Quando, invece di forzare, gioco sull'anticipo, piazzando la palla da un lato e dall'altro, ed anche quello sembra venire abbastanza bene.
    come difetti:
    a) non mi sono ancora trovato un servizio che realmente mi convinca fino in fondo;
    b) all'inizio non entrava affatto il rovescio, poi sembrava lo avessi messo abbastanza a posto, ora mi sembra quasi di essere regredito, mi accorgo che troppo spesso lo eseguo con il gomito che termina alto (credo sia un errore che ho introdotto cercando il rovescio anomalo, dal centro del campo ad uscire sul dritto dell'avversario) e lo devo assolutamente rimettere a posto;
    c) ovviamente, una mobilità ed un colpo d'occhio che saranno anche decenti per la mia età, ma non sono certo quelli di quando ero ragazzino;
    d) soprattutto, una discreta incapacità di giocare in taglio, un po' perché sinora mi sono sforzato di lavorare sui colpi che ritengo più vicini al mio gioco, un po' perché non credo di esserci naturalmente portato. Cerco di arrangiarmi, ma è un punto debole. Molte volte, il risultato delle partite (con avversari alla mia portata, ovvio) è deciso da "chi riesce a costringere l'avversario sul suo piano" ... se riesco ad attaccare e costringo l'avversario a stare sul mio gioco, più facile la spunti io, se è lui a costringermi al gioco di taglio e di controllo, più facile la spunti lui.

    Tutto ciò detto, avrei bisogno di un consiglio (o devo rivolgermi nella specifica sezione?).
    A dicembre mi ero preso la "classica" racchetta da Decathlon ed appena ho cominciato ad andare al circolo mi sono sentito dire (un altro "classico") che faceva ca.are.
    Non sapendo ancora bene come orientarmi, mi sono preso
    come telaio, una ALL+, la DHS Wang Liquin Magic (magari una stupidaggine ma, ripeto, agli inizi non sai bene orientarti)
    come gomme, una XIOM Omega IV Euro per il dritto ed una XIOM Musa per il rovescio.
    Una volta "distrutte" queste gomme, la Doniq Coppa X1 Gold sia sul dritto sia sul rovescio. Fatta la mano abbastanza in fretta sul dritto, ho fatto un po' più di fatica col rovescio ma, con mia sorpresa, in tempi recenti ho scoperto che adesso mi trovo meglio con la Coppa X1 che con la Muse anche sul rovescio.

    Ora, vorrei farmi una seconda racchetta, e qui iniziano i miei dubbi ...

    Da un lato, nonostante la mia tendenza ad attaccare, il sapere di essere tuttora un principiante/intermedio mi fa pensare di rivolgermi ad un telaio elastico e "facile" (in questo senso penserei al Doniq Appelgreen Allplay) e casomai a gomme medio-dure (pensavo alle Stiga Mantra H sul dritto ed M sul rovescio, o in alternativa alle Acuda S2 ed S3)
    dall'altro, aver provato la racchetta del mio amico, che ha un telaio cinese, una ventina di grammi più pesante e col carbonio. mi ha fatto venire qualche dubbio. Perché intanto non ho avvertito affatto un cattivo feeling (pur se, giocando vicino al tavolo, in teoria un telaio più pesante credo dovrebbe essere un problema ...). Poi soprattutto perché negli scambi col mio amico, io col mio telaio lui col suo, ho come la sensazione di avere in mano un fioretto contro una clava, nel senso che quando andiamo di potenza tutti e due ho quasi l'impressione la sua palla arrivi più "pesante". Non so se sia un'impressione errata o vera, se sia conseguenza del peso della racchetta o del carbonio.

    So benissimo che un giocatore lo puoi giudicare dopo averlo visto, o meglio ancora dopo averci scambiato assieme, e non sulla carta ... ma se magari i giocatori più esperti del forum sono arrivati alla fine di questa lunga tiritera e fossero così gentili da rami qualche consiglio (va bene anche "non hai capito un ca..o del tennis tavolo!", non mi offendo ;))
     
    Ultima modifica: 2 Mag 2019
  2. cunni

    cunni Utente Noto

    Categoria Atleta:
    3a Cat.
    Non è che per caso ti chiami Ettore?
     
    A Tany86, LO YETI, Nenad e 6 altri utenti piace questo messaggio.
  3. Kubala

    Kubala Utente

    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    No, non mi chiamo Ettore, ma Davide.

    Rileggendo il mio messaggio, mi sembra un po' borioso, e non voleva esserlo, è che sono in preda al tipico entusiasmo di chi è alle prime armi (o, quanto meno, ricomincia dopo quarant'anni).
    E' ovvio che sono solo uno che ha ripreso la racchetta in mano da pochi mesi, quelle che ho scritto sono più o meno le impressioni che ho del mio gioco, più o meno confermate da quelli con cui gioco, e servono spero a dare un'idea delle mie caratteristiche, nulla di più.
     
    A Mikiol, Sartori Giovanni e cunni piace questo messaggio.
  4. LO YETI

    LO YETI Utente Noto

    Sicurissimo di non chiamarti Ettore? Eppure....
     
  5. Kubala

    Kubala Utente

    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Mi sa che c'è qualche battuta che non comprendo ... :confused:

    In ogni caso, tra le poche certezze della mia vita c'è di sicuro quella di non chiamarmi Ettore.
     
    A LO YETI, eta beta e andras piace questo messaggio.
  6. gene.tro

    gene.tro Nuovo Utente

    Nome e Cognome:
    Generoso Troiano
    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Squadra:
    TT Parrocchia Immacolata Concezione Boscoreale (NA)
    Ciao posso capirti ...ben arrivato e in bocca al lupo.
     
  7. andras

    andras Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Riccardo Belli
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    T.T. MONDOVI'
    Ciao benvenuto.
    P.s. Ettore è un utente di lungo corso particolarmente prolisso.......:D:birra:
     
    A eta beta piace questo elemento.
  8. ggreco

    ggreco Arrotatore di dritto, picchiatore di rovescio.

    Nome e Cognome:
    Giovanni Greco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    CUS Torino
    Ma insomma, un po' di rispetto per un mio coetaneo novizio del forum!
    Cosa ne può sapere lui di Ettore?
    Benvenuto nel forum e nel mondo del tennistavolo.
    Pensa meno ai materiali e più a giocare e capire il gioco...
     
    A Milocco Ettore e eta beta piace questo messaggio.
  9. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Categoria Atleta:
    Promozionale
    "novizi" del forum ma non .. di primo pelo al tavolo. ;)

    :D

    Benvenuto in questa gabbia di matti !

    E buona lettura ! Le metafore di Ettore
     
    Ultima modifica: 3 Mag 2019
    A LO YETI piace questo elemento.
  10. Kubala

    Kubala Utente

    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Grazie del benvenuto e del consiglio.
    Giocare OK, ogni volta che posso (8-10 ore settimanali) ... capire il gioco ovviamente è meno scontato :)
     
  11. andras

    andras Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Riccardo Belli
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    T.T. MONDOVI'
    8-10 ore settimanali....porca pupazza :):)
     
    A ggreco e Tany86 piace questo messaggio.
  12. LO YETI

    LO YETI Utente Noto

    Benvenuto anche da parte mia, ovviamente scherzavamo......
    Visto che ti sei dilungato "un pochino" ti abbiamo subito paragonato al "nostro Ettore" che è un Campione di simpatia e di "lunga scrittura":teach::teach::campione::campione:
     
  13. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Evviva!
    ettore
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 4 Mag 2019, Data originale: 4 Mag 2019 ---
    la"lunga scrittura"....
    Quello che cerco di stimolare con i miei scritti è solo la presa di convinzione che possiamo fare tutti di più e meglio nell'intento di far elevare anche di uno scalino solo il tennis tavolo italiano.Nel Forum dedicato ai recenti Campionati mondiali di Budapest/2019 World Table Tennis Championships molti hanno approfittato dell'occasione per elucubrare in lodi sperticate le proprietà e la bontà della propria racchetta,gomme comprese.Mi sa che dovrò scrivere ancora....:) :birra::birra: :D
     
    A LO YETI e andras piace questo messaggio.
  14. ggreco

    ggreco Arrotatore di dritto, picchiatore di rovescio.

    Nome e Cognome:
    Giovanni Greco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    CUS Torino
    Non ricordo più in quale anno del secolo scorso ho giocato 8 ore nella stessa settimana... :(:(:(
     
    A VUAAZ e andras piace questo messaggio.
  15. Francesko

    Francesko Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Francesco
    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    Trezzano
    Nel mio piccolo la scorsa settimana ho fatto almeno 8 ore di allenamento (mar-gio-ven)... aggiungiamo 2 gare di campionato questa mattina... facciamo 9 e non se ne parli più.

    Ma mediamente sono spesso sopra le 6 a settimana.

    Pero' questa settimana il tutto è stato infarcito dal fatto che durante le feste pasquali, il comune o chi per esso ha pensato bene di busterizzare la superficie di appoggio, o incerare, o che ca..o ne so cos'hanno fatto, sta di fatto che non si scivolava... era più come giocare a ping pong appoggiati su una lastra di ghiaccio, ma senza pattini e con le scarpe da palestra.

    La cosa interessante a parte il fatto che almeno io non sono caduto (non ancora) è come mi sia "abbituato" ad un gioco totalmente diverso, non potendo nemmeno muovere un passo lateralmente senza perdere subito l'appoggio, ho iniziato ad aprire di piu' il braccio, non solo usando avambraccio, ma aprendo del tutto il braccio, in piu' sfruttato al massimo ogni grado rimasto possibile nella rotazione del polso, per ultimo con palla molto addosso, l'utilizzo della schiacciata da rischio tendinite, sempre per l'impossibilità negli spostamenti.

    Ma tornando alla domanda... seconda racchetta... piu' che consigliarti quali gomme e telaio scegliere, ti consiglierei di provare qualcosa di non troppo diverso da cos'hai ora, qualcosa che possa, se va bene, in parte o totalmente assimilarsi o sostituirsi a parti della tua prima racchetta... altrimenti rischieresti poi di volere una terza racchetta, una quarta e cosi via... risultato... potrebbero passare anni a cercare il materiale migliore, tralasciando cosi il miglioramento tecnico.

    p.s.: mi rendo conto di essere stato prolisso, chiedo scusa ad Ettore, spero di non aver violato regole del copyright e del forum.
     
  16. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    ...

    Non ti preoccupare, l'importante è farsi capire. Poi nessuno scrive lunghissimi post per autoflagellarsi o autotediarsi, a volte c'è proprio bisogno di entrare nel dettaglio in uno sport come il nostro,dove non di rado si ragiona tanto ...al metro,o tanto a ...racchetta.
    E allora,come al solito, colgo l'occasione dallo spunto tecnico offerto sul piatto,per porre alcune(due!) domande.
    1)Per .....(aver)"sfruttato al massimo ogni grado rimasto possibile nella rotazione del polso",
    cosa intendi?Ciò significa forse che prima lo tenevi più rigido e bloccato?Posso supporre che i tuoi colpi di dritto sono molto arrotati?
    2)laddove dici ..."non potendo nemmeno muovere un passo lateralmente senza perdere subito l'appoggio",hai mai pensato che puoi spostare (non sei mancino,vero?)prima il piede sinistro,per mantenere la distanza e quindi l'equilibrio abituale?Se poi (non è facile,lo so!),in risposta al servizio riesci a stare più basso e con un compasso di gambe più ampio
    ti sarà più facile spostarti,ed essere più reattivo e giocare in sicurezza anche su quel "parquet" così scivoloso e accidentato.Hai forse provato?
    A volte sono proprio le situazioni estreme a farci escogitare soluzioni prima mai pensate.
    stima ettore
     
    A Francesko piace questo elemento.
  17. T__T-Rex

    T__T-Rex Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Ciao e benvenuto nel forum. Dico la mia: di allenamento ne fai tanto quindi puoi tranquillamente provare un telaio più rigido... provalo con le stesse gomme che hai sull'attuale e vedi come davvero ti trovi... quando le avrai bruciate ( da quanto scrivi basteranno tre settimane ;)) valuti cosa modificare...
     
  18. Kubala

    Kubala Utente

    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Grazie ... mi sorge il sospetto che le gomme io le tengo un po' troppo a lungo (circa 80 ore, quindi 8-10 settimane) ... :nondegno:
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 6 Mag 2019, Data originale: 6 Mag 2019 ---
    Più vado avanti, più aumenta la mia confusione.
    So benissimo di essere "alle prime armi" (l'esperienza di 40 anni fa serve OK, è come aver imparato ad andare in bici da bambino, ma resta limitata e lontana), per quanto ci stia dando dentro parecchie ore a settimana.
    Quindi una parte di me dice di andare su un telaio che, da quanto capisco, dovrebbe essere più "facile", elastico e non troppo veloce (Stiga Allround Classic? Donic Appelgreen Allplay?), un'altra parte avrebbe voglia di provare qualcosa di già un filo po' più offensivo (Stiga Clipper? Stiga Offensive Classic?), un'altra parte avrebbe voglia di provare qualcosa al top (tipo una Nittaku) sapendo benissimo che con ogni probabilità farei più danno che altro ... insomma, mi sento un po' schizofrenico! ;)
     
  19. T__T-Rex

    T__T-Rex Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Sono anch'io rientrato da poco vicino al tavolo... è dura districarsi all'inizio, tanta offerta di materiali ed il proprio gioco ancora da capire. Se hai un gioco piatto, fatto di scambi e schiacciate, un telaio rigido non ti ostacolerà, anzi... Ne esistono anche di non velocissimi. Mixare sin da subito gomme diverse potrebbe generare confusione, lo dico per esperienza personale... Viste le ore che passi al tavolo hai un vantaggio: conosci bene i materiali che usi ora, cambiare il solo telaio ti consente di capire subito le differenze. Considera che da settembre ad ora io ne ho cambiati 4, tutti profondamente diversi, oggi sto studiando semplicemente le gomme più adatte al tipo di gioco che VORREI fare ;)
     
  20. luca.dalco

    luca.dalco Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Luca Dal Conte
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Sisport Torino
    Mi sembra che comunque tu non sia esattamente sprovveduto, e prima di parlare, ti sia fatto un' idea.
    Per questo io mi sentirei solo dirti di continuare a provare, a "studiare e studiarti".
    Volendo dare un indirizzo agli obiettivi tecnici del prossimo futuro, anche se comprensibilmente vuoi mantenere la tua natura offensiva, ragionerei sull'idea di avere un rovescio più "amichevole", che ti agevoli su controlli e facilità nella gestione del taglio. Restando su gomme lisce, qualcosa come una tackiness, solo per citare un esempio "famoso".

    Consiglio meno tecnico, per provare materiali, non dimenticarti di usufruire della sezione dedicata al mercatino ;)
     

Condividi questa Pagina