1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Un allenatore racconta...

Discussione in 'Allenamento e Tecniche di Gioco' iniziata da Max, 17 Giu 2021.

  1. Max

    Max Utente Noto

    Squadra:
    TT Aquile Azzurre - Milano
    Durante un cambio di campo un mio giocatore, che si preparava a giocare la bella, mi chiede che gioco poteva fare per ottenere la vittoria. Il ragazzo mi sembra un po' contratto. All'improvviso gli dico: "Perchè non fai una bella risata?" e aggiungo: "Il gioco che stai facendo va bene". Il giocatore ride, forse più per la sorpresa che per la necessità di distendersi. Va al tavolo e vince.
    La vittoria non era dovuta solo alla risata, che aveva il compito di tranquillizzare il mio giocatore. Questa aveva gettato nella preoccupazione l'avversario, che non riusciva a capire chissà quale diavoleria tattica gli avessi detto.

    Enzo Pettinelli, da "Mutamenti"
     
    A emilio68it, VUAAZ, superfrancis e 1 altro utente piace questo messaggio.
  2. emilio68it

    emilio68it Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Emilio Arbasino
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    A.S.D. T.T. Derthona
    Leggendo qualche testo sull'allenamento mentale degli sportivi, al di là di tante ovvietà spacciate per grandi segreti, uno mi è rimasto impresso: nella partita "aleggia" un 100% di energia, sta a te coglierne quanta più possibile perchè se non lo fai tu, lo fa il tuo avversario. Per farci capire che in molti casi, chi abbiamo di fronte ha le stesse "paure" e insicurezze nostre.
     
    A filiberto50 e Max piace questo messaggio.

Condividi questa Pagina