1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Parole belle

Discussione in 'Chiacchiere su tutto il resto!' iniziata da John Locke QDL, 9 Set 2019.

  1. John Locke QDL

    John Locke QDL Fondatore Gruppo Rinco

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    La prima parola è “Permesso”. PoiGrazie! col punto esclamativo (che non è un dettaglio). A seguirePrego“, Scusa, “Buongiorno eBuonasera. Sei paroline con le quali oggi si è persa un po’ di dimestichezza. Quella che vedete qui in basso è la pagina di un vecchio Sussidiario, che un sito ha preso e rilanciato in rete. E’ un libro dei primi anni delle elementari, uno di quelli sui quali noi tutti un po’ datati abbiamo imparato a leggere e a scrivere.
    Ma non solo.
    A scuola, come dimostra questa vecchia paginetta, si condivideva l’abc dell’educazione. Forse appena una manciata di regole che la mamma ti metteva in cartella, con la merenda, il quaderno e la matita. E che la maestra ti faceva tirare fuori, fin dal primo giorno di scuola, appena ti sedevi dietro al banco.

    Mi ha fatto sorridere leggere che a scuola si insegnava a chiedere “scusa al compagno quando inavvertitamente lo si urta”. Quale maestra oggi mette tra una somma e un’analisi grammaticale anche un po’ di sana “buona educazione”? Che se ne occupino i genitori, pensa l’insegnante. Che se la sbrighino da soli i bambini, pensano mamme e papà troppo spesso sostenitori convinti di un’autonomia precoce che somiglia ormai a una spietata legge della giungla. E così crescono generazioni di ragazzi convinti che la gentilezza sia sinonimo di debolezza.

    Probabilmente queste “parole belle” a poco a poco ci sono sembrate talmente scontate che ad un certo punto si è smesso di insegnarle. C’è davvero bisogno di mamme e papà che ti imboccano a dire “permesso? quando si entra in un locale dove ci sono altre persone”… Ci vorrà mica la maestra che ti insegna a chiedere scusa al compagno se passando tiri uno spintone…

    E invece guarda caso forse ci vogliono proprio babbi e mamme che non danno per scontato proprio per niente nessuna di queste semplici paroline. Così come ci vogliono maestre e maestri che in prima elementare ti insegnano a chiedere scusa prima di vedere proliferare piccoli bulli.

    Banale? Non tanto. Appena un anno fa il preside dell’istituto «Pralormo» di Empoli, ha scritto una circolare in cui invitava i suoi 1675 studenti a salutare e salutarsi. Ne ha fatta addirittura una circolare in cui avvisava gli studenti che a dire buongiorno, buonasera, salve, ciao non ne sarebbero usciti traumatizzati, ma che invece la gentilezza fa bene alla scuola.

    Salutate i professori, salutate i compagni. In fondo non è mai troppo tardi per recuperare un buongiorno dimenticato.

    [​IMG]
     
    A neox3, Max, ggreco e 5 altri utenti piace questo messaggio.
  2. John Locke QDL

    John Locke QDL Fondatore Gruppo Rinco

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Se avete altre parole o pensieri o aneddoti belli scrivete qui, nella paginetta del libro cuore di John Locke De Amicis
     
  3. T__T-Rex

    T__T-Rex Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Approfitto e lancio un esperimento:
    quando usciamo da un supermercato o da un negozio non proprio ferrato in pratiche commerciali, capita spesso di lanciare il nostro "arrivederci" a vuoto.
    Io l'ho sostituito da un po' con "buon lavoro" e devo dire che sono rimasto sorpreso.
    Vi invito a farlo ed a condividere cosa succede...
     
    A ggreco e John Locke QDL piace questo messaggio.
  4. cunni

    cunni Utente Noto

    Categoria Atleta:
    3a Cat.
    Rispetto!
    Fondamentale in un mondo costituito da persone che a loro volta costituiscono la nostra vita....
    ...eremiti esclusi
     
    A ggreco e T__T-Rex piace questo messaggio.
  5. John Locke QDL

    John Locke QDL Fondatore Gruppo Rinco

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Buongiorno a tutti! (detto chiaramente, senza fretta e accompagnato da un sorriso garbato) :)
     
  6. T__T-Rex

    T__T-Rex Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Ma buongiornooooo;)
     
  7. John Locke QDL

    John Locke QDL Fondatore Gruppo Rinco

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    ;)

    Se avessi iniziato il thread "parole brutte" e avessi invitato a mandare affanmulo qualcuno secondo me adesso saremmo già a 30 interventi...
    Da questo si deduce che ci siamo notevolmente imbarbariti e quindi magari sarebbe davvero opportuno che le "parole belle" tornassero di nuovo tra i banchi di scuola :book:

    Quasi quasi adesso lo apro..:meschino:
     
    Ultima modifica: 10 Set 2019
    A Cecio, enzopacileo, VUAAZ e 1 altro utente piace questo messaggio.
  8. T__T-Rex

    T__T-Rex Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Tra i banchi di scuola però ci dovremmo tornare anche noi a reimpararle...
    quanto erano belli gli angoli delle piazze in cui ci si aspettava fra amici... la curiosità di conoscersi e il fantasticare su questo e quello... oggi tutto si risolve in un "mi piace" e con una sbirciata sul profilo... ed un po' di ruggiti da tastiera...
     
    A VUAAZ e John Locke QDL piace questo messaggio.
  9. John Locke QDL

    John Locke QDL Fondatore Gruppo Rinco

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Quando è l'ultima volta che avete visto qualcuno giocare a pallone in strada?
    Secondo me gli ultimi sono stati quelli della mia generazione (elementari negli anni 80)
    Sbaglio?

    (però mentre giocavamo non usavamo tante parole belle, anzi...:D:D)
     
    A Max, VUAAZ e T__T-Rex piace questo messaggio.
  10. T__T-Rex

    T__T-Rex Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    le divise fatte con le buste di plastica... neri contro bianchi...
    Ma ancora: da quanto tempo non chiamate questo o quell'amico per sapere come sta?
    Ma certo che è tanto... a che serve chiamarlo... so dove è stato in vacanza, cosa ha mangiato ieri sera e che prima è venuto a camminare per 6 km in 1 ora e 6 min attorno al mio palazzo, gli ho messo pure il cuoricino al post...
     
    A Francesko e VUAAZ piace questo messaggio.
  11. John Locke QDL

    John Locke QDL Fondatore Gruppo Rinco

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    :hail::hail::hail:

    Se vuoi farti prendere dalla "nostalgia" dai un'occhiata qui Ritorno all'infanzia
     
  12. Trilly

    Trilly Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Credo che l’educazione non sia scontata però bisogna esercitarsi. Il cellulare secondo me ha contribuito un sacco a limitare lo spazio da dedicare anche semplicemente ad ascoltare un discorso di un amico. Conserviamo un bellissimo ricordo dei pomeriggi passati con gli amici durante i quali perdevamo cognizione del tempo vero? Ma se ci fossero stati i cellulare ci avrebbero chiamato i nostri genitori e via tutti a casa. Quante volte durante una cena diciamo “scusate è una chiamata di mia madre/mio padre/ mio marito/ mia moglie” e magari interrompiamo un discorso? Penso che a volte bisognerebbe essere solo più attenti e respirare un attimo più che tornare tra i banchi di scuola :)
     
    A VUAAZ piace questo elemento.
  13. T__T-Rex

    T__T-Rex Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
  14. John Locke QDL

    John Locke QDL Fondatore Gruppo Rinco

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Peccato che tante immaginette postate non siano più visibili, ma alcuni racconti sarebbero da inserire in un libro
     
    A T__T-Rex piace questo elemento.
  15. T__T-Rex

    T__T-Rex Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Il paradosso mi sembra incredibilmente esemplare:
    non cerchiamo più il contatto, il dialogo, perché tanto abbiamo tutto sotto gli occhi in un display, poi, capita di sentire una botta di nostalgia per qualcuno e ci rendiamo conto che quello che pensavamo di avere vicino in realtà è non disponibile...
     
    A John Locke QDL piace questo elemento.
  16. John Locke QDL

    John Locke QDL Fondatore Gruppo Rinco

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Stima a oltranza :approved:
     
    A T__T-Rex piace questo elemento.
  17. ggreco

    ggreco Arrotatore di dritto, picchiatore di rovescio.

    Nome e Cognome:
    Giovanni Greco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    CUS Torino
    Stima!
     
    A T__T-Rex piace questo elemento.
  18. Max

    Max Utente Noto

    Squadra:
    TT Aquile Azzurre - Milano
    Chiedo venia, vedo solo ora questo thread. Desidero contribuire con ciò che io considero una specie di mio personale credo quasi-religioso e che tengo ben presente nella vita di tutti i giorni.

    Arriva da colui che considero il mio mentore, il professore di informatica americano Randy Pausch; sono le regole da rispettare che distribuiva in aula ai suoi studenti il primo giorno di corso.

    Tips for Working Successfully in a Group
    By Randy Pausch, for the Building Virtual Worlds course at Carnegie Mellon, Spring 1998

    Meet people properly. It all starts with the introduction. Then, exchange contact information, and make sure you know how to pronounce everyone’s names. Exchange phone #s, and find out what hours are acceptable to call during.

    Find things you have in common. You can almost always find something in common with another person, and starting from that baseline, it’s much easier to then address issues where you have differences. This is why cities like professional sports teams, which are socially galvanizing forces that cut across boundaries of race and wealth. If nothing else, you probably have in common things like the weather.

    Make meeting conditions good. Have a large surface to write on, make sure the room is quiet and warm enough, and that there aren’t lots of distractions. Make sure no one is hungry, cold, or tired. Meet over a meal if you can; food softens a meeting. That’s why they “do lunch” in Hollywood.

    Let everyone talk. Even if you think what they’re saying is stupid. Cutting someone off is rude, and not worth whatever small time gain you might make. Don’t finish someone’s sentences for him or her; they can do it for themselves. And remember: talking louder or faster doesn’t make your idea any better.

    Check your egos at the door. When you discuss ideas, immediately label them and write them down. The labels should be descriptive of the idea, not the originator: “the troll bridge story,” not “Jane’s story.”

    Praise each other. Find something nice to say, even if it’s a stretch. Even the worst of ideas has a silver lining inside it, if you just look hard enough. Focus on the good, praise it, and then raise any objections or concerns you have about the rest of it.

    Put it in writing. Always write down who is responsible for what, by when. Be concrete. Arrange meetings by email, and establish accountability. Never assume that someone’s roommate will deliver a phone message. Also, remember that “politics is when you have more than 2 people” – with that in mind, always CC (carbon copy) any piece of email within the group, or to me, to all members of the group. This rule should never be violated; don’t try to guess what your group mates might or might not want to hear about.

    Be open and honest. Talk with your group members if there’s a problem, and talk with me if you think you need help. The whole point of this course is that it’s tough to work across cultures. If we all go into it knowing that’s an issue, we should be comfortable discussing problems when they arise -- after all, that’s what this course is really about. Be forgiving when people make mistakes, but don’t be afraid to raise the issues when they come up,

    Avoid conflict at all costs. When stress occurs and tempers flare, take a short break. Clear your heads, apologize, and take another stab at it. Apologize for upsetting your peers, even if you think someone else was primarily at fault; the goal is to work together, not start a legal battle over whose transgressions were worse. It takes two to have an argument, so be the peacemaker.

    Phrase alternatives as questions. Instead of “I think we should do A, not B,” try “What if we did A, instead of B?” That allows people to offer comments, rather than defend one choice.
     
    A SilvaM95, ggreco, John Locke QDL e 2 altri utenti piace questo messaggio.
  19. T__T-Rex

    T__T-Rex Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Potente, difficile, efficace!
     
    A Max piace questo elemento.
  20. John Locke QDL

    John Locke QDL Fondatore Gruppo Rinco

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Molto bello, grazie!
    Se ne hai voglia e tempo traducilo (possibilmente non usando traduttori automatici) per chi con l'inglese non ha molta dimestichezza.
     

Condividi questa Pagina