1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Esercizi per migliorare l'apertura di rovescio

Discussione in 'Allenamento e Tecniche di Gioco' iniziata da ricsco, 28 Apr 2022.

  1. ricsco

    ricsco Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Riccardo
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Squadra:
    Pierino Mazzetto C
    Ciao,
    Studio da un po’ di tempo con diverse persone dal vivo e tramite video anche su canali a pagamento il problema del “braccino corto” di rovescio che prima o poi frena quasi tutti e che tutti vorrebbero risolvere.

    Vediamo un po’ di mettere ordine. Tipicamente il rovescio nella maggior parte dei casi è meno allenato rispetto al dritto (parlo da un punto di vista di attaccante). Per chiudere il punto si usa preferibilmente il dritto. Col tempo si prende l’abitudine di spostarsi dalla parte del tavolo favorevole al dritto e finché si è giovani il gioco vale la candela. Quando l’età e i chili avanzano, si inizia a rimanere spiazzati perché non c’è più fiato e gambe, quindi si inizia a capire che forse sarebbe stato meglio sviluppare prima un buon rovescio e mantenere una posizione più centrale anche solo per limitare gli spostamenti, risparmiare il fiato, ma soprattutto non presentare un evidente punto debole all’avversario.

    Vi ritrovate in questa situazione? Bene continuiamo. Avete già raggiunto una consapevolezza importante. Come si rimedia? Con la tecnica ovvio, ma soprattutto facendo degli allenamenti mirati allo sviluppo del gioco di rovescio. Pena rimanere incatenati al taglio da sotto difensivo che dalla D2 in su vi farà perdere la maggior parte delle partite. Senza allenamenti specifici non si va lontano. Perché quindi non si fanno questi allenamenti specifici? Perchè non vi è venuto in mente? Perché nessuno ve l’aveva suggerito prima?

    Vi allenate tipicamente due giorni la settimana intensivi. Ebbene quanto tempo vi dedicate allo sviluppo del gioco di apertura di rovescio? Fate i soliti scambi lunghi incrociati oppure fate qualcos’altro?

    Vero che iniziate prima possibile a fare partite durante gli allenamenti per divertirvi? Peccato che in partita l’obiettivo è vincere, quindi non forzerete quasi mai i colpi nuovi e più temerari, ma giocherete conservativi e in questo modo il vostro rovescio non migliora. Se continuerete così, non migliorerete mai. Bisogna avere il metodo.

    Come? Avete già opzionato la puntinata corta che risolve magicamente il vostro gioco e vi toglie tutte le paure? Aspettate, magari la adotterete lo stesso, prima però provate a trovare uno sparring con cui condividere insieme degli allenamenti mirati seguendo questi video che ho selezionato per voi.In allegato nella mia cartella condivisa su Drive, 50 Mb in tutto da scaricare, una miseria alla portata anche del più scalcagnato smartphone.

    Dedicate almeno quattro mesi ad allenarvi specialmente (non dico solo, dico specialmente!) sul rovescio con un compagno seguendo gli schemi proposti, riducendo il tempo che dedicate di solito alle partite e poi riportate qui sotto i vostri progressi nell’apertura di rovescio, se volete.

    Allora, in allegato trovate il link a due schemi utili che ho portato nella nostra palestra. Questo è solo l’inizio di un percorso che porta a liberarvi dalla paura di osare di rovescio, ovvio che c’è dell’altro in sviluppo e preparazione, ma è un inizio nella giusta direzione.

    Entrambi i video derivano da TTEDGE. Ecco il link per scaricarli:
    ESERCIZI PER MIGLIORARE IL ROVESCIO CONDIVISI – Google Drive


    Consigli tecnici per impostare una buona apertura di rovescio:
    1) Mantenere il gomito alto sin dall’inizio dell’azione. Quanto alto? Dipende da ciascuno di voi, io come sapete non uso il metro da sarto per queste cose, osservate bene il video e cercate di replicare l’azione tutta.
    2) Acquistare potenza da tutto il corpo non solo dal leverismo braccio-avambraccio-spalla. Ricordare che una buona azione parte dalla posizione dei piedi e poi da lì si estende alle altri parti del corpo.
    3) posizione centrale partire con la racchetta molto vicina allo stomaco, posizione del corpo leggermente flessa in avanti (non indietro!), ginocchia piegate.
    4) Fare da fulcro (pivot) sul gomito senza spingerlo in avanti, e far ruotare l’avambraccio
    5) Preferibilmente con la parte superiore della racchetta impostare la rotazione della racchetta dal basso verso l’alto impattando la pallina cercando di imprimere una rotazione superiore. Maggiore è l’effetto inferiore da contrastare, maggiore è la rotazione (anche aiutandosi col polso) che bisogna imprimere alla palla
    6) Finire il movimento con la racchetta abbastanza in alto sopra la testa cercando di non limitare l’azione di rotazione.
    7) Si finisce l’azione di apertura col corpo flesso in avanti, ma pronto a recuperare velocemente la posizione di attesa.

    Esame tecnici dei due video.

    L’audio è in inglese, vi facilito nella comprensione.

    Schema 01:
    Il punto chiave è far lavorare il cervello velocemente per riconoscere in modo automatico tipo e qualità dell’effetto che arriva in modo da adeguare istintivamente l’azione
    . Con l’effetto inferiore che arriva bisogna ruotare partendo da una posizione più bassa della racchetta; con effetto superiore si esegue il colpo come se fosse uno scambio teso e la rotazione sarà meno accentuata. Concetto analogo al topspin di dritto, ovvio.

    Durante l’esercizio non bisogna far fare continuamente lo stesso movimento, ma variare in modo da creare le situazioni di una partita reale. Notate come l’allenatore cambia spesso l’effetto alle palline che lancia, non le lancia tutte uguali. IMPORTANTE: i cesti di palle tutte uguali lanciate allo stesso modo sempre con lo stesso effetto non sono così efficaci! Variare il più possibile le palle lanciate per allenare la reazione diversa dell’allievo ai diversi effetti.

    Schema 02:

    Allenatore: cesto, si inizia con taglio lungo sul rovescio
    Allievo: restituisce un taglio
    Allenatore: taglia sul rovescio o sul dritto (la componente casuale è essenziale!)
    Allievo: esegue topspin

    Col tempo abituare l’allievo ad aprire anche su palle corte andando a trovare e far riconoscere il limite.

    Effettuare delle partite usando solo il rovescio dal lato del rovescio in cui i punti valgono solo se sono vincenti su apertura tagliata (ho un video apposta da farvi vedere, ma ne parliamo la prossima volta, dipende dall’interesse che ho suscitato).

    Osservate bene il movimento e le posizioni

    Errori da non fare, stare particolarmente attenti a:

    Partire da racchetta troppo bassa sotto il tavolo

    Poca o nulla rotazione del corpo, specialmente nell’esecuzione del topspin di dritto

    Esagerare nel finire troppo in alto col braccio.

    Filmatevi o fatevi filmare durante gli esercizi e a posteriori giudicatevi senza pietà e cercate di migliorarvi correggendo di volta in volta i movimenti e le posizioni. Cercate di capire dove sbagliate e rimediate.

    Se volete, commentate pure qui sotto. Se ritenete utile approfondirò questo discorso con altri video e altre considerazioni.

    Grazie per l’attenzione.
    R.
     
    A Rolli’s tones e eta beta piace questo messaggio.
  2. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Molto interessante! Da NON tecnico il movimento di rovescio che si vede nel video mi sembra troppo ampio, il che rallenta parecchio il ritorno in posizione. I rovesci che vedo fare adesso sono molto più brevi, l'escursione dell'avambraccio è di pochi cm
     
    A Milocco Ettore piace questo elemento.
  3. curl t.

    curl t. Utente Noto

    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    tt lugo
    ottimo, sto cercando da qualche tempo di migliorare la costanza delle aperture con il rovescio perchè in allenamento sembro un 2a e in partita non lo tiro mai
     
  4. ricsco

    ricsco Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Riccardo
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Squadra:
    Pierino Mazzetto C
    Osservazione corretta. Si, aumentando la velocità il tempo di esecuzione si riduce e quindi bisogna rosicchiare tempo da qualche parte. Un modo è guadagnare tempo riducendo l'esecuzione e dare un colpo più secco. Liam Pitchford è uno spettacolo vederlo in questa tecnica. Ho un suo video che spiega bene.
    Non posso svelare tutto subito!;) Un po' di pazienza, caro @off-ready e ci arriviamo!
    Sono contento che questo argomento ti interessa. A presto, ciao.
    R.
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 28 Apr 2022, Data originale: 28 Apr 2022 ---
    Siamo in tanti ad avere questo difetto, consolati e trova uno sparring valido con cui provare!
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 29 Apr 2022 ---
    Aggiornamento del 29 aprile 2022
    Dal sito: TableTennisDaily Academy

    riporto questo articolo e ve lo traduco per rendere più agevole la comprensione che capita proprio a “fagiuolo” sull'argomento di questa conversazione. Se ancora non vi siete convinti dell’importanza di avere un buon rovescio, (migliorando in primis la vostra tecnica), forse questo articolo vi farà cambiare idea.

    The game of table tennis has been through many changes. From the introduction of sponge to the invention and banning of speed glue. To the more recent change to the plastic ball. Table tennis is always evolving. With each evolution, players need to adapt. Styles change and different techniques become more superior.

    Due to the introduction of the poly-ball, players are staying at the table more often. Closer to the table there is less time, so shorter aggressive shots are needed. It is much easier and more efficient to use backhands to maintain aggression close to the table. Forehands have a longer swing and therefore require a longer time to complete. With this, we have seen a change in the way many players are approaching the game.

    One reason that Ma Long has been able to continue being successful during this change is his adaptation from a forehand pivot monster not too dissimilar to Wang Liqin, into a player that can control the table from the backhand. His backhand corner is impenetrable, allowing him to stay closer and be ultra aggressive whilst looking to get his forehand in.

    Liam Pitchford is another player who has really excelled since the ball change. His short explosive backhand is so effective he is competing against the likes of Ma Long and Xu Xin. This shows just how important it is to have a strong backhand. Relying only on your forehand is no longer a viable option with the increased speed of the game.

    Traduzione (lievemente aggiustata da me) ottenuta tramite il traduttore automatico google:

    https://translate.google.it/?hl=it&tab=TT

    Il gioco del ping pong ha subito molti cambiamenti. Dall'introduzione della spugna all'invenzione e al divieto della colla fresca. Alla modifica più recente alla palla di plastica. Il ping pong è in continua evoluzione. Ad ogni evoluzione, i giocatori devono adattarsi. Gli stili e le tecniche cambiano. A causa dell'introduzione della polisfera, i giocatori stanno al tavolo più spesso. Più vicino al tavolo c'è meno tempo, quindi sono necessari colpi aggressivi più brevi. È molto più facile ed efficiente usare i rovesci per mantenere l'aggressività vicino al tavolo. I dritti hanno una rotazione più lunga e quindi richiedono un tempo più lungo per essere completati. Con questo, abbiamo visto un cambiamento nel modo in cui molti giocatori si avvicinano al gioco. Uno dei motivi per cui Ma Long è stato in grado di continuare ad avere successo durante questo cambiamento è il suo adattamento da un diritto eccezzionale non troppo dissimile da Wang Liqin, in un giocatore che può controllare il tavolo anche dal rovescio. Il suo angolo di rovescio è impenetrabile, permettendogli di stare più vicino ed essere ultra aggressivo mentre cerca di infilare il dritto. Liam Pitchford è un altro giocatore che si è davvero distinto dal cambio palla. Il suo corto rovescio esplosivo è così efficace che gareggia contro artisti del calibro di Ma Long e Xu Xin. Questo mostra quanto sia importante avere un rovescio forte. Affidarsi solo al diritto non è più un'opzione praticabile con la maggiore velocità del gioco.

    Sempre al solito link:
    ESERCIZI PER MIGLIORARE IL ROVESCIO CONDIVISI – Google Drive

    oggi vi aggiungo un frammento della sessione di allenamento del campione britannico Liam Pitchford. file: allenamento rovescio di Liam.mp4
    Studiatelo attentamente, spero che vi illuminerà come ha illuminato me ed ispirato a gestire un allenamento moderno. La cosa sorprendente è che è girato a velocità normale.
    Così noi poveri mortali capiamo quanto è la distanza che ci separa dai campioni.

    Per farla breve sono solo due miseri Mb di video, ma attenzione "due Mb di oro zecchino"!

    Per chi ha voglia di mettersi in gioco, of course!
    Per tutti gli altri ci sono le puntinate, con tutto il rispetto verso le puntinate, ci mancherebbe!
    R.
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 1 Mag 2022 ---
    Aggiornamento del primo maggio 2022
    Ho inserito un nuovo file su drive:
    ESERCIZI PER MIGLIORARE IL ROVESCIO CONDIVISI – Google Drive
    partita solo rovescio.mp4

    Le regole della partita “solo rovescio”:
    Scopo della partita è abituarsi a giocare bene col rovescio, usare il rovescio in apertura e in attacco, rispondere bene di rovescio, perdere la paura del “braccino corto di rovescio” che costringe i giocatori di basso livello a rimanere inchiodati per lungo tempo nello scambio di rovescio sperando in un errore dell’avversario.
    Consiglio vivamente di fare almeno due partite di questo tipo per ogni sessione di allenamento in aggiunta agli schemi già inseriti precedentemente su drive da fare con lo sparring o il tecnico.

    Partite agli 11

    I punti valgono se e solo se sono ottenuti nelle seguenti condizioni, altrimenti si ripete lo scambio.

    Condizioni:

    I punti sono validi e si conteggiano se fatti solo nei due quadranti diagonali di rovescio, ovvero usando il rovescio in apertura e in qualsiasi momento dello scambio: quindi topspin di rovescio, apertura contrattacco di rovescio (non palla tagliata tipica di un palleggio per intenderci, o blocco), o direttamente col servizio (vedi dettagli qui sotto specifico per punto su servizio)

    I servizi si possono fare come si vuole, sia di dritto che di rovescio, ma solo sul rovescio dell’avversario. Se chi risponde sbaglia la risposta di rovescio, il battitore fa il punto. Se chi risponde sbaglia la risposta usando il dritto, si ripete. Se chi risponde rimanda la palla in gioco, il gioco continua con le regole del gioco “solo rovescio”. Se il battitore fa un servizio non valido, oppure sbaglia il servizio perché ad esempio manca la pallina, la fa finire lunga senza rimbalzare sul tavolo ecc, si ripete il servizio (in questo modo il battitore è invogliato a fare servizi difficili da ribattere senza timore di rimetterci il punto e chi risponde sa che deve impegnarsi sempre).

    Se uno dei giocatori gioca di dritto (da qualsiasi parte del campo) e fa punto, oppure di rovescio fa punto sul quadrante di dritto dell’avversario, il punto non vale e si ripete lo scambio senza cambiare turno di servizio. (In una partita normale fare punto di rovescio sul dritto andrebbe bene, ma in questo modo si invitano i giocatori ad essere più precisi concentrandosi solo su un settore del tavolo).

    Se uno dei giocatori apre bene (effetto superiore, poco o tanto effetto non importa, importante è che sia superiore) di rovescio (sempre sul rovescio dell’avversario) e l’altro sbaglia tirando il dritto o rovescio, il punto è valido e si conta.

    Le partite “solo rovescio” durano quindi più del normale? Certamente. Un turno di battuta termina solo dopo che si sono fatti due punti secondo le regole qui sopra, quindi specialmente all’inizio che i giocatori useranno il palleggio, vedrete che bisognerà ripetere lo scambio più e più volte:

    Esempio:

    Giocatore A:0, giocatore B:0. In questa sequenza se non specifico il colpo, questo si intende eseguito di rovescio. Sono evidenziati in neretto i soli punti validi.

    Inizia a servire A:

    A serve e manca la pallina. (A:0; B:0)

    A serve, B risponde tagliato sul lato del dritto, A sbaglia (A:0; B:0)

    A serve, B risponde tagliato, A apre il gioco sul dritto, B rimanda di dritto controtop sul rovescio, A sbaglia (A:0;B:0)

    A serve, B risponde tagliato, A apre, B sbaglia (A:1;B:0)

    A serve, B risponde di dritto in topspin, A sbaglia (A:1;B:0)

    A serve, B risponde tagliato, A apre di rovescio, B blocca, A sbaglia il controtop (A1;B:0)

    A serve, B risponde tagliato, A apre di rovescio, B blocca, A controtop, B sbaglia (A:2;B:0)

    Cambio turno servizio

    B serve, A risponde banana flick, B sbaglia (A:3;B:0)

    B serve, A sbaglia risposta di dritto (A:3;B:0)

    B serve, A sbaglia risposta di rovescio (A:3;B1)

    Cambio turno di servizio

    A serve, B risponde tagliato, A sbaglia (A:3;B1)

    A serve, B risponde tagliato, A apre di dritto, B controtop, A sbaglia (A:3;B:2)

    A serve, B risponde tagliato, A apre di dritto, B controtop dritto, A sbaglia (A:3;B:2)

    A serve, B risponde tagliato, A apre, B controtop dritto, A controtop, B blocca, A controtop, B sbaglia (A:4;B:2)

    Cambio turno servizio

    ecc..

    In pratica si capisce che lo scopo è vincere il punto mediante:

    a) battuta vincente e risposta sbagliata di rovescio, oppure
    b) Flick vincente
    c) qualsiasi apertura di rovescio vincente.

    MONITORARE I PROGRESSI: QUANTIFICARE SE COL TEMPO FATE PIU' PUNTI IN APERTURA DI ROVESCIO E QUANTE PARTITE DI SOLO ROVESCIO VINCETE.

    NOTE:
    -Le regole le ho fatte io per gli allenamenti che faccio e faccio fare; nulla vieta di cambiarle o proporre miglioramenti, mantenendo però il focus sul premiare i punti fatti col rovescio attivo e non difensivo.
    -Questo schema funziona meglio nel caso di due giocatori entrambi destri o entrambi mancini. Nel caso uno solo dei due sia mancino... Bisogna usare la fantasia.
    -Esempio per un destro e un mancino i settori di gioco potrebbero essere frontali anzichè incrociati e far valere le stesse regole.
    -Questa partita potrebbe essere speculare ad una “solo dritto” per far migliorare il dritto e costringere ad aprire il gioco di dritto.


    Qui la fantasia si sbizzarisce perchè si potrebbero applicare variazioni diverse tra giocatori destri e mancini, come si vuole. Il concetto è: bisogna forzare ad aprire il gioco anche dal lato debole di ogni giocatore.

    Coraggio, lavorate duro durante gli allenamenti, monitorate i progressi e la paura di giocare dal vostro lato debole svanirà.
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 4 Mag 2022 ---
    Aggiornamento del 4 maggio 2022
    Variante 01 alla partita "solo rovescio".
    Questa è un'ottima variante in cui a turno uno dei giocatori è attaccante, l'altro è difensore.
    Si gioca sempre nell'angolo dei rovesci, ma l'attaccante segna punto (oltre che col servizio come nella partita normale) se ottenuto su apertura in top o scambio teso (effetto superiore), mentre il difensore fa punto solo su palleggio o blocco vincente. In questo modo a turno si forza ad eseguire l'apertura su palla tagliata, in modo analogo a come si dovrebbe fare in partita per non rimanere inchiodati al palleggio. Col tempo l'attaccante dovrebbe vincere sempre sul difensore.

    Fate la stessa variante 01 specularmente sulla partita solo dritto e valuterete (in modo grossolano, ma comunque è una prima valutazione) quanto il dritto vi crei maggiori opportunità di attacco vincente (o viceversa).

    Variante 02 alla partita "solo rovescio".
    Si possono fare anche partite Dritto Attaccante contro Rovescio Difensore (giocando lungolinea se entrambi destri), ecc...

    Valutate i progressi monitorando i risultati.
     
    A Tsunami!, Max e off-ready piace questo messaggio.
  5. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Molto interessante! Da NON tecnico il movimento di rovescio che si vede nel video mi sembra troppo ampio, il che rallenta parecchio il ritorno in posizione. I rovesci che vedo fare adesso sono molto più brevi, l'escursione dell'avambraccio è di pochi cm
    Osservazione corretta. Si, aumentando la velocità il tempo di esecuzione si riduce e quindi bisogna rosicchiare tempo da qualche parte. Un modo è guadagnare tempo riducendo l'esecuzione e dare un colpo più secco. Liam Pitchford è uno spettacolo vederlo in questa tecnica. Ho un suo video che spiega bene.
    Non posso svelare tutto subito!;) Un po' di pazienza, caro @off-ready e ci arriviamo![/Quote ricsco]

    Non posso svelare tutto subito!
    (Aaah,i soliti impazienti che vogliono sapere tutto e subito,che noia,vero? o_O)

    Mi piace!,sto seguendo con particolare attenzione,anche la risposta che hai dato a @off-ready:"
    Un modo è guadagnare tempo riducendo l'esecuzione e dare un colpo più secco. Liam Pitchford è uno spettacolo vederlo in questa tecnica......."e forse intraprendiamo la strada giusta per migliorare il rovescio,quello che serve per attaccare,anche alle nostre latitudini e,cosa importante per tutti davvero.Poi,non m'è sfuggito:" Non posso svelare tutto subito!;) Un po' di pazienza, caro @off-ready e ci arriviamo!" Mi raccomando,non te ne dimenticare,senza quella tecnica specifica lì,tutto
    viene lasciato a metà strada,cioè tutti gli scambi secchi su secchi,palline su palline rinviate a mille con robot o sparring partner,schemi su schemi,ripetute su ripetute,tutti utili invero,ma .....senza quel particolare,senza aver ben appreso come Liam Pitchford fa e dimostra in quel frangente in cui lui domina il campo,tutti gli esercizi a seguire si risolvono in mero sudore,va bene come pratica sportiva generalista,ma il rovescio poi,se stentato e tremebondo, non esce.
    Ora non darti fretta,ricorda comunque che @off-ready:,il sottoscritto e gli altri rimaniamo in trepida attesa. (n)(n) :approved: :) :birra::birra:
    Di nuovo complimenti,comunque per il corposo e sempre utile lavoro intrapreso.
    ettore
     

    Files Allegati:

    • wink.png
      wink.png
      Dimensione del file:
      1.004 bytes
      Visite:
      3
    • wink.png
      wink.png
      Dimensione del file:
      1.004 bytes
      Visite:
      3
    A ricsco piace questo elemento.
  6. ricsco

    ricsco Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Riccardo
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Squadra:
    Pierino Mazzetto C
    Grazie Ettore, fa sempre piacere ricevere dei feedback positivi, perché aiutano e spronano a mettere cose utili. Mi farebbe piacere che magari un giovane capitato qui per caso o perchè ha googlato "migliorare rovescio tennistavolo" riesca a trovare qualche spunto utile e che magari dopo aver messo in pratica i suggerimenti e migliorato la propria tecnica (suggerisco: con l'aiuto di un buon sparring o tecnico) racconti la propria esperienza qui sotto.

    Come hai scritto ho diversi altri video da condividere di Liam e di altri, nonché altre considerazioni, ma le voglio distribuire nel tempo perché così è più evidente la progressione.

    E poi il mio concetto di "progressione continua" prevede appunto di aggiungere, modificare ed elaborare i concetti, e su questo sono d'accordo con te quando affermi che il tennistavolo è in evoluzione.
    Soprattutto in termini di allenamento e interpretazione mediante la tecnica individuale, anche sfidando canoni consolidati si potrebbe fare molto di più. Cose che poi si ripercuotono nel rendimento in partita.
    Saluti e buone letture.
    R.
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 8 Mag 2022, Data originale: 6 Mag 2022 ---
    Aggiornamento 8 maggio 2022
    Ho inserito tre nuovi file su drive:
    ESERCIZI PER MIGLIORARE IL ROVESCIO CONDIVISI – Google Drive

    errori esecuzione rovescio01.mp4
    footworks.mp4
    impostazione rovescio corretta01.mp4

    Nel primo file si vede un’esecuzione sbagliata del rovescio tipica di un giocatore appesantito, al di là con gli anni, lento, poco reattivo. Naturalmente è il bravo allenatore che simula, ma il video è esemplarmente valido, chi ha superato come me gli “anta” si vede allo specchio o quasi (io sono molto più bello!:p).

    Precedentemente ho affermato l'importanza di non fare troppe ripetute di esercizi tutti uguali.

    Ad esempio un cesto di palline lanciate sul rovescio tutte tagliate da sotto e tutte uguali. Oppure un robot che vi spara palline tutte uguali.

    Il cervello dell’allievo in tale situazione memorizza l’azione del leverismo superiore: spalla-braccio-avambraccio-mano e non dovendo eseguire nessun aggiustamento particolare dopo qualche errore esegue correttamente l’esercizio, dando una falsa dimostrazione di esecuzione corretta.

    Quando si giudica un’esecuzione corretta? In condizione di stress, ovviamente, come in una partita, oppure in uno schema in cui si esce dalla comfort zone e si forza il giocatore ad eseguire il colpo con delle variabilità aggiunte.

    In questo caso lo schema è la transizione dritto e rovescio (un dritto e un rovescio sul dritto e sul rovescio). Il giocatore riceve una pallina sul dritto e una pallina sul rovescio, molto semplice.

    Se prima nell’esercizio del cesto su un solo lato l’allievo le tirava bene per la maggior parte, adesso su questo schema semplice arriva sempre in ritardo sul rovescio ed esegue un colpo brutto a vedersi e poco efficace. Così facendo non aprirà mai bene da questo lato, anzi sbaglierà il rimando offrendo palle facili da attaccare.

    Il problema risiede nel lavoro di piedi (footwork) deficitario. Non riuscendo ad arrivare correttamente coi piedi sulla pallina, istintivamente si cerca di compensare col braccio ecc..

    Ecco quindi che si capisce come l’esecuzione di un colpo corretto non è merito solo della parte alta del corpo, ma di tutto il corpo. L’insieme è efficace e armonioso se lavora tutto insieme coordinato.

    Bisogna quindi arrivare bene sulla pallina e per questo bisogna fare degli esercizi di transizione e di varietà tali da farci muovere e obbligare a variare continuamente posizione del corpo.

    Attività propedeutica consigliata: Fate una corsetta a piedi almeno 20 minuti una-due volte la settimana, due ore di bicicletta, un’ora in piscina, alternate lavoro aerobico/anaerobico (scatti brevi ed esercizi prolungati) in modo da rinforzare cuore/polmoni e avere un minimo di allenamento base. Tutto conciliando i vostri impegni, senza strafare ovviamente. Se riuscite a creare un buon fondo di questo tipo, riuscirete almeno a fare bella figura nel campionato regionale di serie D.

    E poi fate gli esercizi a ping-pong specifici che vi ho messo di esempio (vedi file: footworks). Il più famoso degli esercizi è il Falkenberg, che se eseguito veloce è molto, molto pesante difficile da fare bene.

    Lo spezzone di video che ho condiviso fa parte di una serie di video didattici della Tibhar, molto ben fatta. I bambini sono i protagonisti di questi video, la leggerezza con cui si muovono è una festa per gli occhi.

    I piedi quasi sfiorano il suolo, si passa da un colpo al successivo quasi volando su una nuvola. Lo scopo di questi esercizi è quindi non solo l’esecuzione corretta sopra il tavolo, ma anche e soprattutto cosa deve avvenire sotto il livello del tavolo, footworks o lavoro di gambe.

    Concludo per oggi facendo notare l’ottimo lavoro di gambe che si può vedere nel file: impostazione rovescio corretta01. Ho aggiunto delle frecce per evidenziare il lavoro di gambe. Notate i movimenti quasi impercettibili e soprattutto il movimento avanti e indietro oltre a quello laterale. L’atleta è massiccio, ciononostante si muove leggero. Ecco, per il rovescio è importantissimo eseguire bene il movimento in avanti e indietro con le gambe. Per questo chiedete allo sparring di darvi palline corte e lunghe, random, casuali.

    Durante gli esercizi filmatevi con uno smartphone con un cavalletto ben posizionato, rivedetevi a casa, annotate gli errori e cercate di correggervi la volta successiva ecc...

    Se arrivate in ritardo sulla palla non è quindi colpa della gomma, ripetete con me: “Non è colpa della gomma se arrivo in ritardo sulla pallina”!
    Quindi bando alle ciance, scaricate i video al link sopra e al lavoro!

    errore.png
     
    A Milocco Ettore piace questo elemento.
  7. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Bene,bene....stiamo intraprendendo la strada giusta....
    Innanzitutto permettimi un osservazione rivolta a"off-ready...
    Vero,se riferito ad un rovescio già ben strutturato per una partita in età adulta.Ma in allenamento,soprattutto a che fare con ragazzini in formazione,è sempre bene ampliare tutti i movimenti,poi diventa più facile ,se ben acquisiti,restringerli,il che vuol dire velocizzarli e farlo in modo senza sbilanciarsi.
    Partire invece con movimenti troppo ristretti,soprattutto senza completare la circonduzione di polso,come vedo fare di sovente,con punta di racchetta tenuta troppo alta e relativo polso bloccato, comporta una riduzione di movimento generale,difficilmente correggibile andando avanti con l'età.



    Ooohooh,è la prima volta che lo sento dire qui, e in maniera così netta,nel Forum.Un buon inizio per cambiare il ping pong istintivo di molti,che tanto,mi si dice,tutti sanno cos'è,tale "footwork"
    ma nessuno,o ancora troppo pochi,con la necessaria leggerezza e raziocinio vi fanno ricorso. Ora bisognerà aggiungere in che modalità,quali accorgimenti adottare,per rendere il tutto più facile,comprensibile e di immediata applicazione.
    Sui video....alcuni incompleti e non privi di imperfezioni,ma mirabili proprio per questo,perchè non potendo mai mostrare il top o scambio di rovescio perfetto,perchè appunto non esiste,ci fanno ragionare anche su certi errori in cui incorriamo, a volte inavveritamente, noi stessi.
    Vediamone alcuni e non per criticare,solo come riflessione per fare meglio,se si può.

    Partendo dall'alto,il primo video dei sei "Esercizi per migliorare il rovescio condivisi",che illustra il rovescio dell'inglese Liam Pitchford,stratosferico e megalattico,per come anticipa il colpo e va a colpire tutte le palle sul tavolo,forse per ammirare il suo gioco di gambe.Non vorrei che qualche illustre tecnico della squadra italiana,lo prendesse come esempio e pretenda che anche i nostri in partita giochino così.E' impossibile reggere a quei ritmi pazzeschi per più di mezzo set.E pure alcuni notabili in passato,non potendo fare diversamente, questo proponevano e questo pretendevano da chi indossava la maglia azzurra.Fatto salvo che dopo un set e mezzo,due al massimo scadevano di forma e crollavano nel rendimento e nessuno difatti gioca così,neanche con il dritto,troppo facile andare fuori ritmo e fuori posizione,perdendo di lucidità e di potenza pure.Che anche Liam,grande il suo rovescio!,andava soggetto,con il suo gioco sempre avanti tutta, a frequanti cali di tensione,deleteri nei punti finali.

    Vediamone un altro,il quarto video,o il primo di seconda riga a sinistra con il giocatore in maglia rossa intento negli esercizi riguardanti "L'impostazione rovescio corretto"....Ecco,qui veramente riesce a dimostrare l'esecuzione di un buon dritto,tirato (forse) troppo forte per poi ben agire e controribattere efficacemente anche di rovescio.Difatti gli ritorna una palla troppo veloce ,per poterla ben domare e rinviare inn modo incisivo..Che fa? Va a colpitre tutte le palle all'apice,invero non è un buon sistema per aumentare velocità e pericolosità esecutiva.Nella progressione stessa dei colpi che andremo a consigliare ai nostri eventuali e futuri allievi (spero giovani,se ce ne saranno,ma pensiamo comunque positivo,sic!),dovremo meglio insistere e differenziare nel colpire le palle prima in discesa per un top di rovescio,più accentuato verso l'alto,ma lento,poi in anticipo su palla in precoce ascesa,come Liam ad esempio sa magistralmente fare.La terza possibilità,colpire la palla all'apice,la riserviamo solo per i colpi di emergenza,quando arriviamo tardi o mal preparati all'impatto,come nel caso del video considerato, e ci accontentiamo di rinviarla solo di là,magari ben indirizzata.Preparandoci meglio per il colpo successivo.
    Va bene,dai oggi è domenica,facciamo bene quelle cose lì.Complimenti di nuovo,hai aperto una strada nuova,speriamo abbia un seguito(sento già starnutire,quelli della solita consorteria:tsk: :mad: :rotfl:)
    ......
    ettore
     

    Files Allegati:

    • O_o.png
      O_o.png
      Dimensione del file:
      893 bytes
      Visite:
      2
  8. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Non sono d'accordo. L'impostazione del movimento breve (più efficiente, perchè fa guadagnare tempo rispetto a un inutile movimento eccessivo) va data subito, perchè poi correggere l'errore è più difficile
     
    A lupo alberto piace questo elemento.
  9. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Più è ampio il movimento in partenza,più e meglio lo puoi stringere e velocizzare strada facendo.Pensiamo a come affrontiamo una curva ben angolata,diciamo ad angolo retto per intenderci,via! con automezzo o scooter.Per mantenere o aumentare via via la velocità,senza mai fermarci,è preferibile affrontare la curva stretta all'inizio per poi allargarci,oppure cominciare a fare un giro ampio per stringere successivamente?
    ettore
     
  10. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    In moto e nel ping pong è meglio imparare subito nel modo giusto
     
  11. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Tutte due affrontano una curva(o più!) e sono soggetti alle stesse leggi di fisica,centrifughe e centripete.
    ettore
     
  12. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Con la differenza che con la moto fare la curva larga è più facile e serve per non andare a sbattere, mentre nel ping pong il movimento eccessivamente lungo non serve a niente (anzi è controproducente) e non è più facile del movimento corto, per cui tanto vale imparare subito il movimento giusto
     
  13. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Per entrambi il movimento giusto,economico e che serve per non andare a sbattere è quello di iniziare largo,ma senza ovviamente uscire di pista,utilizzando tutto lo spazio disponibile per poi andare a stringere,mantenendo la traiettoria sempre in senso circolare.Per tutti i colpi eseguiti in senso circolare,cioè praticamente tutti! Solo allora essi possono godere dei vantaggi delle leggi fisiche citate, mentre la moto ha tratti rettilinei,lì non può essere confrontata nel merito,nè otterrà vantaggio alcuno.
    ettore
     
  14. John Locke QDL

    John Locke QDL Fondatore Gruppo Rinco

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Vero se lo insegni ad una persona adulta che, a livello fisico, non crescerà più

    Quando insegni ad un bimbo/a che, con lo sviluppo, cambierà di molto il rapporto "tavolo-corpo-palla" è preferibile iniziare con una impostazione tecnica che preveda movimenti leggermente più ambi che poi l'atleta varierà praticamente quasi autonomamente e gradualmente al mutare del proprio corpo (cosa che a volte avviene nel giro di pochi mesi)


    Ps.
    Imparato e testato sul campo! ;)
     
    A Sartori Giovanni, eta beta e enzopacileo piace questo messaggio.
  15. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Perfetto, adesso siamo certi di avere opinioni diametralmente opposte
     
  16. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Benissimo,senza però sottrarci e soprassedere alla domanda di come fare e operare per il meglio al fine ultimo di "mantenere o aumentare via via la velocità,senza mai fermarci".Vale per il dritto e vale per il rovescio,cioè otttenere colpi sempre più validi,precisi e bilanciati,indipendentemente dall'età,dalla costituzione fisica di chi sta imparando o da quello che finora,per mancanza d'alternative, s'è sempre fatto.
    ettore
     
  17. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Quando ero un bimbo all'oratorio facevo il topspin di dritto con movimento molto ampio, come tutti quelli che cominciano senza istruttore. Quando, dopo un paio d'anni, qualcuno ha tentato di accorciarmi il movimento non c'è stato niente da fare e, per la disperazione di non riuscirci, ho messo una puntinata lunga sul dritto, che per motivi del tutto casuali, ha fatto la mia fortuna pongistica, portandomi fino alla A2.

    I casi personali però non fanno testo e quindi mi baso su quello che ho visto frequentando con le mie piccole figliocce decine di stages in Italia e in Francia: come per tutte le scienze non esatte gli approcci sono vari, tra chi asseconda i gesti naturali e chi li corregge subito. Io continuo a preferire il metodo "corto subito", anche perchè l'evoluzione del gioco tende sempre più a privilegiare la velocità
     
    A Milocco Ettore piace questo elemento.
  18. John Locke QDL

    John Locke QDL Fondatore Gruppo Rinco

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Basandomi sulle esperienze e sui riscontri avuti nel tempo allenando qualche allievo in erba, sostengo che il movimento corto sia il punto di arrivo e non la base di partenza.
    Ma non voglio assolutamente convincere nessuno
     
    A Sartori Giovanni, AndreaTT e Milocco Ettore piace questo messaggio.
  19. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Non mi sottraggo mai, nè soprassiedo al raggiungimento dei fini ultimi, dato che sono un cultore dell'escatologia (ἔσχατος "ultimo" e λόγος "discorso").

    Considero la velocità un fine ultimo, quindi ritengo la brevità del movimento un suo corollario imprescindibile
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 8 Mag 2022, Data originale: 8 Mag 2022 ---
    Non voglio convincere il prode Ettorre, figurati se voglio convincere te;)
     
  20. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Più scuole di pensiero,meglio è...
    Però nel frattempo ho capito cosa intendeva "off-ready",più o meno.Verifichiamo.
    1° caso.Se lui guarda dall'alto,ovvero da una posizione privilegiata, o avvalendosi di un drone posto esattamente sopra la testa di un giocatore,a sua scelta bravo o meno bravo ,che si accinge a fare un colpo,uno qualsiasi, dritto o rovescio,mettiamo in questo caso rovescio,se nota un movimento circolare ampio,bello orizzontale a braccia spalancate,storcerà sicuramente il naso.Ma per ora non dice niente.
    2° caso.Invitiamo allora "off -ready" ad osservare lo stesso giocatore di lato,in esecuzione degli stessi gesti,mettendosi accanto a lui.Gli sembrano ancora così orizzontali,rispetto al piano del tavolo,o del pavimento?soprattutto saranno più o meno larghi,o della stessa ampiezza di prima?Osserva,magari storce il naso,gli sembrerà ancora il tutto eccessivo, ma non dice nulla,per ora.
    Ebbene,vogliamo misurare con un immaginario metro da sarta il percorso della racchetta,in cm lineari dallo stato di fermo iniziale a quello di fine corsa,se la misura registrata sarà la stessa nei due casi,o diversa?

    3° caso_Ora off ready può finalmente parlare.Darà dei consigli appropriati al giocatore di prima per stringere,assumere o mettere in atto un "movimento breve",(più efficiente,perchè fa guadagnare tempo rispetto a un inutile movimento eccessivo).[questo a suo dire e... come dargli torto?avrà pensato più di qualcuno......]
    Non ci resta che osservare da tutti i fronti,sopra e di lato,lo stesso giocatore,stesso materiale impiegato,stessi gesti nei primi due casi,.....gesti modificati,abbreviati ,cioè minor escursione nello spostamento di racchetta nel terzo e ultimo caso.
    Credo che sia sufficiente per dare un giudizio già ad occhio nudo,ci sono differenze e in quali casi sarà più semplice mantenere una velocità media o addirittura con una maggior velocità d'uscita della pallina?Se non ne siamo sufficientemente convinti,proveremo a dare suggerimenti per ampliare ancor di più la gestualità nei primi due esempi,all''incontrario daremo suggerimenti per restringere e abbrevviare ulteriormente nel terzo caso.
    Poi,certo,troviamo un giocatore che gioca a braccia spalancate come vigile di Milano intento a dirigere il traffico,tipo l'Alberto Sordi di un noto film,anni 60,siamo tutti dalla parte di off ready, nel pensare che il gesto vada un po' corretto,ma verso dove?per far che?come soprattutto?
    Diciamo a coloro che pensano allo stesso modo di off ready,di star tranquilli,esagerazioni in un senso o nell'altro non vanno mai bene,"in media stat virtus",soprattutto quando si interviene con i ragazzi che devono crescere e allenarsi insieme,progredendo possibilmente tutti alla stessa velocità esecutiva.Ancora una cosa,consentitemi:laddove si dice:movimento breve
    (più efficiente,perchè fa guadagnare tempo rispetto a un inutile movimento eccessivo
    )?
    metto un bel punto di domanda[/Quote stesso off-ready]
    Il tempo che "si perde" affrontando una curva presa alla larga non è mai inutile,
    1)con scooter o altro automezzo le ruote girano con più facilità per l'accelerazione nella fase conclusiva e motori ben caldi e ruggenti per affrontare la sterzata finale,con un colpetto di gas aggiuntivo,poi
    2)con movimento amplificato, all'inizio della tipica gestualità pongistica (di "ogni" e non solo in senso orizzontale!),proprio strada facendo si ricaricano di nuova energia i muscoli "motori" dei migliori "ottani".Servono,servono!In sopraggiunta,solo con una traiettoria favorita e trattenuta bella larga almeno per metà dell'intero tragitto circolare completo,si può beneficiare della forza centripeta,come una irresistibile calamita che attrae verso il centro,riducendo il raggio d'azione e dando quella sterzata di energia supplettiva e quindi tanta velocità in più,che coloro che sono sparagnini nei movimenti iniziali,non hanno mai avuto la fortuna nè di provare l'ebbrezza,nè di apprezzare appieno i vantaggi così ottenuti. Certamente più cauti e ligi a ciò che le nonne di una volta saggiamente dicevano:"chi va piano,va sano e lontano".E forse per loro si addice meglio un gioco di difesa ad oltranza.Chi glielo spiega,ora a quelli della vecchia confraternita?
    ettore
     

Condividi questa Pagina