1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

obbligo presenza tecnico, indennità preparazione e figura di amatore

Discussione in 'Regole e Regolamenti' iniziata da Chicco, 14 Mag 2022.

  1. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    @lupo alberto tutti discorsi da anziano insofferente, senza voglia di rinnovarsi e rinnovare, al quale va bene vivacchiare e giochicchiare al sabato con gli amici. Siamo vecchi, è ora che ci si ritiri in buon ordine, largo ai giovani e agli Ettori. Dimmi quando ti ritiri che ti seguo a ruota, non è una fitet per vecchi.
     
    A emilio68it, vg., Sartori Giovanni e 1 altro utente piace questo messaggio.
  2. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    temo che a molti sfugga che ogni alta imponente e splendente piramide poggiava su un'ampia rozza e ruvida base di pietroni
     
    A T__T-Rex, Tsunami!, vg. e 1 altro utente piace questo messaggio.
  3. musicalle

    musicalle il maestro di Bertalex

    Nome e Cognome:
    Il Calle ;)
    Qualifica Tecnico:
    Allenatore FITeT
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Asd. TT Ossola 2000 Domodossola
    ... dalle mie parti gli anziani dicevano sempre "... a l'em simpar fac inscì!"

    se i giovani avessero seguito questa frase saremmo tutti all'alpe a custodir bestiame e spaccar sassi.

    Io capisco che nel nostro sport ci sono tanti "anta" che giocano, ed è giusto che rimangano, ma se vogliamo che questo sport, la Fitet, le Società e i giocatori cambino in meglio bisogna fare qualche passo avanti... o resteremo sempre qui sul forum a lamentarci...
     
    A AndreaTT e off-ready piace questo messaggio.
  4. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    ottimo ma per non perdere parte di una base che già è esigua (10.000 tesserati, ricordo bene?) sarebbe opportuno incentivare la dove è necessario e utile, non obbligare anche dove non serve a niente se non far smettere la gente.
    solo che per incentivare bisogna dare, obbligando si incassa

    ah, per quanto dicevano i vostri vecchi ... magari è interessante ... se ci fosse una traduzione ...
    comunque, in generale, io penso che se i vecchi, invece di intristire da soli e dar soldi a una badante, vivessero in famiglia con figli e nipoti, questi avrebbero ancora molto da imparare
     
    Ultima modifica: 17 Mag 2022
    A Tsunami! piace questo elemento.
  5. musicalle

    musicalle il maestro di Bertalex

    Nome e Cognome:
    Il Calle ;)
    Qualifica Tecnico:
    Allenatore FITeT
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Asd. TT Ossola 2000 Domodossola
    ... su questo sono d'accordo, oltre a dare degli obblighi la federazione dovrebbe anche dare incentivi, su questo non vi è dubbio, ed aiutare soprattutto le piccole società che non hanno budget come le medio-grandi, ma come sempre è un dare per avere... io ti aiuto=tu progredisci=tu migliori=io ti premio.

    "ma si è sempre fatto così!" inteso come "perchè cambiare?"
    ... fortunatamente ho imparato molto sia da mio nonno che da mio padre e ancora lo ascolto bene quando parliamo nonostante non sia più un ragazzetto, ma questo non vuol dire che bisogna fermarsi ai tempi loro.
    Se davvero vogliamo far crescere questo sport ed evitare che continuino a considerarci un gioco o passatempo da spiaggia o oratorio serve cambiare, progredire e migliorare.
    E per come la vedo io, e di questo ne ho parlato anche con Illustri personaggi del nostro TT(e mi han dato ragione), il solo modo è partire dai Tecnici(con la T maiuscola però!).
     
    A emilio68it piace questo elemento.
  6. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    secondo me sono parimenti importanti, se non di più,
    ambienti consoni e decorosi e possibilmente di proprietà
    arbitri federali
    e infine, perchè no, tecnici con patentino ma solo se si hanno tesserati under... 40?toh! mi rovino, 50
     
  7. musicalle

    musicalle il maestro di Bertalex

    Nome e Cognome:
    Il Calle ;)
    Qualifica Tecnico:
    Allenatore FITeT
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Asd. TT Ossola 2000 Domodossola
    ... ci arriveremo ma ci vuole più tempo, penso sia il sogno di tutti...

    ... se fosse per me metterei l'obbligo di avere almeno(se non di più) 1 tesserato per ogni squadra iscritta ai campionati e li mandi ad arbitrare le squadre nei gironi e serie dove non hanno squadre direttamente coinvolte....

    ... qualsiasi sport a qualsiasi livello se vuoi che sia "decente" o "decoroso" devi avere il tecnico.
    Hai mai visto circoli di golf o tennis o nuoto senza un tecnico?? da noi succede invece...
     
  8. enzopacileo

    enzopacileo Utente Noto

    Nome e Cognome:
    vincenzo
    Categoria Atleta:
    Fuori Quadro
    Pubblicato: 18 Settembre 2008
    La FITeT ha un impianto normativo, approvato dalla Giunta del CONI che inquadra i Tecnici Sportivi, definendone le caratteristiche, il percorso formativo, l’evoluzione della loro carriera.

    Ma proviamo a scoprire quali siano i principali riferimenti.
    Per cominciare …. possiamo notare immediatamente che tre differenti nomi inquadrano una carriera in evoluzione:
    - Tecnico identifica l’operatore, non ancora del tutto autonomo per la ridotta esperienza, al primo step della formazione e del background sportivo, con conoscenze certe riguardo lo svolgimento e la gestione delle competizioni e le caratteristiche della pratica del tennistavolo.
    - Allenatore diviene l’operatore al secondo gradino della formazione, con conoscenze e competenze certificate riguardo la progettazione, organizzazione, gestione di attività di preparazione e di competizione; una persona in grado di agire in autonomia, assumendo responsabilità educative e organizzative.

    Non ancora del tutto autonomo significa che sempre da regolamento il tecnico di base non può allenare se non in presenza di un allenatore o maestro federale quindi cosa vuol dire avere obbligatoriamente un tecnico di base per ogni società?
    Semplice...altri iscritti ai corsi e altre quote annue
     
    A Tsunami! piace questo elemento.
  9. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    nel lontano 1981 frequentai il primo corso allenatori obbligatorio di basket, tenutosi in via Piranesi a Milano allora sede della F.I.P. ; fu l'anno della svolta, ovvero la federazione obbligò tutti coloro che sedevano in panchina a guidare una squadra di qualsiasi categoria ad avere il patentino di allenatore.
    se non ricordo male erano 20 lezioni bisettimanali gratuite con obbligo di frequenza, esame finale (difficilissimo, nel mio corso passammo in 15 su 90) e obbligo di arbitrare 40 partite nelle categorie giovanili fino alla prima divisione (la serie D2 nel tennistavolo) con rimborso spese (dalle 7 alle 15.000 lire, allora non era male soprattutto per un ragazzo).
    però il movimento aveva tutt'altra base...forse nel tt bisognerebbe studiare qualcosa di più efficace/efficiente/idoneo/nonsofatevoi
     
  10. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    ci vuole la volontà di farlo e un mutuo da pagare tra 10/20 soci.
    si può fare

    bello
    ma deve essere un non giocatore
    e con un rimborso spese

    nelle partite di calcio amatori uisp ecc... il rimborso per l'arbitro (credo una ventina di euro) sono a carico della squadra di casa


    un circolo di golf o tennis o nuoto ha strutture, impianti e immobili tali che la presenza di uno o più istruttori gli fa un baffo
    ho giocato a calcio a livello amatoriale e l'allenatore non aveva nessun patentino (modulo preferito 5-5-nulla:p)
    ho giocato e gioco a biliardo con selezioni che i teoria arrivano anche al campionato nazionale e non è prevista la presenza di un tecnico

    tornando al tt, per tutte le società con 1/2/3 squadre composte di adulti, che non fanno corsi, la presenza di un tecnico di primo livello è inutile, serve solo a puppare soldi e a creare disagi per quello che obtorto collo accetta di fare il corso
    questo penso io.
     
    Ultima modifica: 17 Mag 2022
  11. Chicco

    Chicco superiperappassionato

    Nome e Cognome:
    eric
    Squadra:
    TTBiella
    mah io la vedo così,abituato da anni a seguire e promuovere attività giovanile.
    Immaginiamo che alla porta della palestra di dove giochicchiate o "allenate" per il vostro decoroso campionato di D3 o D2 che sia , si presenti una ragazzino di 5 anni accompagnato dal genitore. Due occhi che stravedono per il pingpong....
    lo accogli simpaticamente e gli dai un racchettino col manico modificato per manine piccole....
    Gli dici di mettersi da una parte del tavolo e tu dal lato opposto e lanci la prima palla con rimbalzo.... e la palla torna perfettamente una ,due tre volte e con grande contentezza del piccolo.... Lo esorti a tornare il giorno dopo col Tecnico presente in palestra.... comincia assiduamente a frequantare gli allenamenti seguito dal tecnico e dagli altri in palestra.... dopo due anni partecipa agli eurominichamp con la maglia azzurra e poco dopo conquista quattro medaglie d'oro ai CIG....
    Avesse trovato "anta " scazzati questo avrebbe fatto dietrofront... fare il tecnico presuppone pure una voglia di mettersi in gioco e imparare cose nuove seguire cosa si fa all'estero e adattarsi alla propria realtà.... imparare ad insegnare è difficile ed impagnativo e non è da tutti ,ma solo provandoci si può pensare di trovare persone stimolate a far bene e sempre meglio e così far crescere il tt anche tecnicamente . magari fra due generazioni nessuno più si sognerà di non alzare la palla nel servizio.....
     
    A ricsco, AndreaTT, off-ready e 1 altro utente piace questo messaggio.
  12. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    lo manderei in una delle due altre società della mia città, con squadre dalla A alla D3 e istruttori alla bisogna, anzi visto che è praticamente un fenomeno, dato che "lancio la prima palla con rimbalzo.... e la palla torna perfettamente una ,due tre volte " ce lo accompagno e lo propongo personalmente a nicola df che già sta allenando un promettente azzurrino
    ma questo perchè non ho voglia di prendermi l'impegno di tenere un corso, magari anche pagato, non che non sarei in grado di farlo e magari non l'abbia anche fatto, gratis e senza patentino.
    o pensi che se non c'è uno con un brevetto non ci sia uno o più di uno in grado, avendone voglia, di insegnare tennis tavolo?
    se alla fine finirò per fare 'sto catzo di corso penso che finirò per spiegare io qualcosa all'istruttore

    ps 5 anni, siamo al limite per cominciare, a quell'età giocano ma è presto perchè imparino, se non indirettamente attraverso appunto il gioco
     
    Ultima modifica: 18 Mag 2022
  13. emilio68it

    emilio68it Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Emilio Arbasino
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    A.S.D. T.T. Derthona
    Anche nella nostra società di ragazzini ne sono venuti, hanno imparato, li ho portati a mie spese ai campionati promozionali e poi hanno mollato. Tutti tranne 1 che ci allena con noi e gioca in una società più grande e dove può salire di livello ulteriormente. Quello che frena lo sviluppo non è la mancanza del patentino ma gli spazi. Ho spazio per 5 tavoli ( e ne ho 4), anche se venissero un mucchio di ragazzini li dovrei mandare via attualmente.
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 18 Mag 2022, Data originale: 18 Mag 2022 ---
    Si ok, ma il CSI costa 90 più le tessere, e con 150 arrivo ad iscrivere la società, questo mi permetterebbe di avere la palestra dal comune allo stesso costo e senza che si accorgano di alcuna differenza (assicurazione...c'è! iscrizione al CONI.....c'è!), poi ognuno si iscrive dove vuole se vuole fare il campionato, magari rinforzando qualche società messa male come noi, e ci si allena insieme.
     
  14. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Un aumento del numero di tecnici abilitati favorisce la crescita qualitativa del tennistavolo e di conseguente anche quantitativa.

    Valorizzare il ruolo del tecnico sportivo.. idem come sopra.

    Incentivare la frequenza ai corsi da tecnico, fornire materiale multimediale, intervenire con corsi brevi e mirati nelle aree geografiche dove la mancanza di tecnici è più marcata.. idem come sopra.

    Ma arrivare a questi risultati attraverso l'imposizione è troppo facile, comodo e risparmioso per la FITeT. In questo modo si scarica tutto il peso sulle Società .. e se anche una sola dovesse chiudere per non aver potuto ubbidire.. sarebbe un fallimento.

    Una cosa però non è stata detta : come premesso nella lettera del Presidente è il CONI a sollecitare questi cambiamenti che, come dice @musicalle , sono stati recepiti da altre federazioni da molto tempo. Se ci troviamo ora a dover correre ai ripari è colpa di chi in tutti questi anni ha guidato la FITeT in maniera inappropriata, e sta continuando a farlo a suon di libere e opinabili interpretazioni di leggi regolamenti e prescrizioni.
     
    A musicalle, emilio68it e Milocco Ettore piace questo messaggio.
  15. musicalle

    musicalle il maestro di Bertalex

    Nome e Cognome:
    Il Calle ;)
    Qualifica Tecnico:
    Allenatore FITeT
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Asd. TT Ossola 2000 Domodossola
    ... mah, quello che scrivi tu mi sembra solo un'interpretazione, io non leggo che un Tecnico di base NON possa allenare e insegnare i fondamenti di base senza la presenza di un'Allenatore.
    Quando ho fatto io il primo livello una delle tante cose che mi era stato detto e che mi ha subito colpito fu:
    "... l'unico modo per imparare a fare il tecnico e a migliorare è fare tanti cadaveri!"
    credo sia verissimo, serve la gavetta per poi diventare bravo e la fai col lavoro continuativo e tanta voglia...
     
  16. enzopacileo

    enzopacileo Utente Noto

    Nome e Cognome:
    vincenzo
    Categoria Atleta:
    Fuori Quadro
    Altrove viene spiegato ancora più chiaramente e sono certissimo di quanto affermo, non ci sono interpretazioni ma ci vuole solo la volontà di accettare che sia così
     
  17. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Colpa di chi?colpa di chi?
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 18 Mag 2022, Data originale: 18 Mag 2022 ---
    Abbiamo,hanno semplicemente trascurato il "far scuola",non la semplice scuola che scimmiotta quello che probabilmente fanno meglio da altre parti,ma proprio lo studio,l'atteggiamento critico verso ciò che si apprende per farlo in modo più appropriato e coerente suffragato da prove e controprove condotte sul campo per una miglior finalizzazione delle competenze verso chi le dovrà poi (ri)trasmettere e condividere. Alla base di tutto sta il limitato,definirei unico e "penoso"modo di concepire....il "far scuola" a beneficio di pochi, ne capisco ma solo in parte l'urgenza per i "prof" ex ISEF impegnati fin da subito nelle ASD in cui operano,mirante a dimostrare subito il loro immenso sapere e capacità nel creare il campione(non solo loro,non solo loro...e gli ex giocatori di cosiddetta prima fascia,improvvisati Tecnici,allora?)con cui rispecchiarsi,metodo difficilmente condivisibile e apportatore di ben pochi vantaggi,quando vediamo il resto della giovane compagnia,ragazzi e ragazze ,abbandonare ben presto il tennis tavolo dopo un primo iniziale e deludente abbozzo di apprendistato.
    E andiamo a toccare subito un (il!) punto critico degli attuali esami abilitanti e necessari per accedere a Tecnico base di prima fascia.Tecnico che andrà ad operare ....appunto dove,una volta ottenuto il brevetto?Nelle ASD,le molte cui fatto cenno più sopra,dei soliti 4 marpioni per cui il "segreto" insito e contenuto nel legno e nelle due gomme a loro disposizione è tutto ciò che serve, e anche di più, per continuare a giocare e divertirsi a ping pong? Lì,è dimostrato,lo si è gridato ad alta voce il nuovo Tecnico non serve.E allora dove servirà?Ovvio e facile rispondere:Dove si maturano le condizioni per avviare un Progetto con e a favore dei giovani.
    Non certo i giovani post liceali,con la stessa mentalità dei marpioni più sopra citati, che han già scelto il loro sport o attività ludica e provano il nostro,dopo aver scartato(o essere scartati da...) tutti gli altri.Il nuovo Tecnico di base più utile e incisivo sarà laddove si creano le condizioni,o lui stesso le ricerca e favorirà,per poter operare a favore dei giovani con cui potrà crescere e accrescere le proprie esperienze.Più folta, composita,soprattutto più giovane d'età media sarà la composizione di tali gruppi,meglio potrà operare per il futuro.
    E allora vediamo gli esami finali con tanto di distribuzione di palla a tempo servono?a chi soprattutto?allo sparring parner della scuola di Formia?a quell'altro per riscaldare i giocatori del Campionato di serie A prima della partita?a chi si fa "servetto" o scudiero servente per i pochi danarosi utenti che preferiscono il tecnico privato, pagato ad ore,tutto per sè?a coloro, che già in possesso dei primi requisiti e conoscenze tecniche,desiderano velocizzare ,semplicemente rendere i colpi sempre più veloci?basta questa sospinta ricerca di ripetuta e rapida mobilità per rendere il nostro tennis tavolo più moderno e prestazionale?E ritorniamo sempre lì:Con chi abbiamo a che fare realmente,verso chi dobbiamo focalizzare, preventivare e adattare il nostro intervento durante le sedute di allenamento?Se ai più giovani,sempre i soliti due,toh!:"Facciamoli giocare sempre più veloci,sai mai che imparano da soli la differenza fra un apertura di rovescio e uno scambio anticipato sul tavolo",facendoli diventare la preda preferita dei soliti 4 marpioni di cui sopra che,grazie alle loro inconsuete racchette,in partita dei "polli"ne fanno un sol boccone,vantando poi in giro le doti delle loro insuperabili gomme e statico modo di stare attaccati al tavolo. Riducendo il nostro tennis tavolo a un povero mercato per "materiale-esperti" o vanto di chi ha,conosce la racchetta migliore.
    Cosa occorre invece per una scuola che tende a insegnare,ma ancor prima ad imparare,ad accogliere e correggere ciò che non va?a favore di chi dovrà essere poi meglio indirizzato lo sforzo di tale, sperabilmente, utile e proficua azione?Poniamo:" fare una serie di controtop su tavolo,le canoniche 60 palline nel tempo di 60 secondi",non è questo che si richiede ancora per ottenere il brevetto?Quanto è utile al futuro tecnico formatore alle prese con i ragazzi se per fare veloce nel minuto registrato commette errori a ripetizione?non sarebbe sufficiente rimandare di là 20 -30 palle,senza frenesia,per fermarsi e correggere all'istante, a voce, motivo e origine dei propri ed eventuali errori commessi? oppure per iscritto quelli dei propri compagni di corso impegnati nella stessa "funambolica"attività?Poi,un giorno i Tecnici promossi che si trovano ad operare nelle ASD con gruppi di 10 ragazzini per volta,come agiranno?Non sarebbe più utile e formativo insegnare ai ragazzi e ragazzini stessi a diventare sparring partner dei propri compagni,alla/alle velocità consentite dall'esperienza e dalle limitate conoscenze tecniche del gruppo stesso "work in progress?" ,dove diventa primario la conoscenza del saper fare, prima del raggiungimento di una certa e discutibile velocità fine a se stessa?Per la velocità successiva non sono sufficienti i mille robot lancia palline,ormai accessibili e a buon prezzo per tutti?
    Cambiamo la scuola,cambieremo anche il nostron tennis tavolo.Io continuo a sperare per il meglio.Anche se qui a qualcuno dà fastidio solo il parlarne,vedi citazione quotata:
    "Fortunatamente non è compito di questo forum alzare il livello medio del tennis tavolo italiano
    Finalmente qualcuno lo ha scritto!!!!:
    "Ah,no è'?" E allora parliamo solo per abbassare quel (poco di) livello?
    Compito di chi allora?
    ettore

    --- Messaggio Unito Automaticamente, 18 Mag 2022 ---
    Bentornato!
    Evviva!!! il nostro caro Enzo,quello vero :" non ci sono interpretazioni ma ci vuole solo la volontà di accettare che sia così[/QUOTE]".....è di nuovo tra noi.
    Scuola ungherese,vero?:eek: :)
    ettore
     
  18. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Eleggiamo Ettore "campione dei tecnici di base" !

    Magari la Federazione ci ripensa.

    :azz:
     
  19. musicalle

    musicalle il maestro di Bertalex

    Nome e Cognome:
    Il Calle ;)
    Qualifica Tecnico:
    Allenatore FITeT
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Asd. TT Ossola 2000 Domodossola
    tu citi quello che c'è scritto sul sito Fitet:
    Tecnici Sportivi

    che prende spunto da questo:
    https://www.google.it/url?sa=t&rct=...Sportivi.pdf&usg=AOvVaw1DxM8rjrDIoI1NQjHd6eEV

    però io mi chiedo: un Tecnico di base se non può operare da subito in autonomia, quanto gli serve per poterlo poi fare? e dopo allora viene promosso ad Allenatore?? e chi li mette allora gli Allenatori supervisori??
    troppo vago secondo me per non essere interpretabile...
     
  20. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    "....il potere ha sempre ragione,ha sempre vinto.Noi possiamo solo convincere e quando abbiamo fatto opera di convinzione,allora possiamo sperare di cambiare la situazione......"
    ettore


     

Condividi questa Pagina