1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Migliorie e Desideri

Discussione in 'Chiacchiere sul Tennis Tavolo' iniziata da cunni, 10 Nov 2018.

  1. emilio68it

    emilio68it Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Emilio Arbasino
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    A.S.D. T.T. Derthona
    Allora dico: palestre concesse dai comuni senza lucrarci sopra, con riscaldamento funzionante e doccia e fondo curato e manutenuto, dove le attrezzature di ogni società non vengano vandalizzate dalle scuole al mattino. E aggiungo tornei con la possibilità di fare riscaldamento prima dell'inizio e con arbitri che contribuiscano a mantenere un ambiente rilassato e sano. E campionati dove siano presenti arbitri che garantiscano lo svolgimento corretto del match e non personaggi che girando i punti danno suggerimenti al loro compagno. E la lista sarebbe ancora lunga
     
    A cucciolo, Sartori Giovanni, eta beta e 2 altri utenti piace questo messaggio.
  2. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    che va pagato, non tutti hanno la possibilità di farlo.
    ma siamo OT
     
    A tritticorenale e emilio68it piace questo messaggio.
  3. VUAAZ

    VUAAZ Utente Attivo

    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    L'idea del doppio è bella e sembra che piaccia a tanti, però c'è bisogno di un arbitro fitet. Già ora ci sono i prepotenti di turno che chiamano net inesistenti, coprono i servizi, perdono tempo...Nel doppio c'è il problema del campo nel servizio... Era linea, no era di là... L'arbitro esterno fitet ci vorrebbe secondo me.

    Poi mi piacerebbe campionati non necessariamente regionali ma geografici, cioè se uno sta nelle Marche al confine magari gli viene meglio giocare col nord dell'Abruzzo o con la Romagna, se stai in Molise sarebbe meglio unirsi a Puglia o Abruzzo, ecc. ecc.
     
    A ttsermide e tritticorenale piace questo messaggio.
  4. neutro

    neutro Utente Attivo

    Categoria Atleta:
    Fuori Quadro
    OK, il mio messaggio è diverso dal resto. Ma @cunni che ha aperto il topic scrive:

    "Cosa migliorereste in merito a tutto il resto??
    Non limitatevi!!!!"

    Quindi, perché siamo OT?
     
    A cunni e Tsunami! piace questo messaggio.
  5. emilio68it

    emilio68it Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Emilio Arbasino
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    A.S.D. T.T. Derthona
    Io credo che la trasformazione in uno sport del Tennis Tavolo, non come impegno fisico e tecnica ma come organizzazione, passi proprio dall'avere un arbitro ufficiale ad ogni partita.
     
    A tOppabuchi, LO YETI, eta beta e 1 altro utente piace questo messaggio.
  6. LO YETI

    LO YETI Utente Noto

    Io prima di eliminare i campionati a squadre delle serie minori ci penserei bene visto il successo che hanno in certe regioni (vedi Piemonte con 41 squadre in D3). Noto inoltre che tanti giocatori si vedono solo nei campionati a squadre e non ai tornei, si perderebbero di conseguenza decine e decine di tesserati. Invece, come suggerito da qualcuno, sarebbe da cambiare la formula con l'introduzione dei doppi, più singoli etc etc
    Attenzione anche a creare campionati serali, almeno nella D2 e D3, come già successo gli anni scorsi ci sarebbe una morìa di squadre composte da ragazzini che la mattina vanno a scuola…..
    Sono riflessioni mie, per carità, potrei anche sbagliarmi……:mumble::mumble:
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 13 Nov 2018, Data originale: 13 Nov 2018 ---
    Hai perfettamente ragione ma il problema è che non ce ne sono di arbitri….. Da quest'anno qualcuno in più con l'introduzione degli A.G.A. anche se tesserati c'è, però prima di poterne avere uno per ogni incontro ne passerà del tempo….. e forse non ci saranno mai!
     
    A Chicco piace questo elemento.
  7. tritticorenale

    tritticorenale Utente Noto

    Nome e Cognome:
    marco
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    pol.comunale Albano
    Emilio hai sicuramente ragione, posso dirti che nel tennis, anche quando giocano seconde categorie non c'e l'arbitro, e ti assicuro che nel tennis è molto piu importante, i campionati di basso livello sono l'ossatura del movimento, anche se la cosa non piace ad alcuni, se si diminuisse l'attività in tal senso crollerebbe tutto, i tornei piacciono meno per molti motivi(si gioca poco, non si fa gruppo ecc ecc)
     
    A emilio68it piace questo elemento.
  8. emilio68it

    emilio68it Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Emilio Arbasino
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    A.S.D. T.T. Derthona
    Lo so, è vero, gli arbitri sono un argomento delicato, ma potrebbe essere facile cambiare le cose, almeno leggermente: fare un paio di concentramenti in ogni campionato, magari a gironi mischiati, con arbitri che valutino racchette e comportamenti fuori regolamento. La scorsa stagione una squadra avversaria che ci aveva battuto, una volta ai concentramenti ha avuto la squalifica racchetta ed è stata giustamente battuta e rimandata al mittente.
    Fare a meno dei campionati? MAI! io gioco solo quelli.
     
    A tOppabuchi, LO YETI, VUAAZ e 1 altro utente piace questo messaggio.
  9. LO YETI

    LO YETI Utente Noto

    Appunto! Come te sai quanti altri? Molti giovani alle prime armi che non si sentono ancora in grado oppure che gli allenatori non ritengono ancora idonei per vari motivi e centinaia di "diversamente giovani" di mezza età come me che si divertono tantissimo a squadre (più per il terzo tempo che per la partita in sé), che andrebbero persi…. Pensa se già oggi siamo pochi tesserati cosa vorrebbe dire per la federazione perdere centinaia se non migliaia di amatori che, ricordiamolo, sono quelli che pagano la tessera e come ritorno di soldi dalla federazione sono pari a zero….
     
    A Chicco, tOppabuchi, SilvaM95 e 1 altro utente piace questo messaggio.
  10. Li ning

    Li ning Nuovo Utente

    Nome e Cognome:
    Flavio Maietti
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Tt milano
    Penso che la gente voglia giocare, di conseguenza, tornerei alla doppia Davis su due tavoli, così facendo si avrebbero meno serie, con incontri più equilibrati, oppure tornare alla vecchia formula della lega europea con 4 singoli 1 doppio 1 femminile 1 misto, in questo modo si incentiva anche il settore femminile. Considerando che più atleti sono impegnati verrebbe anche a cadere il discorso d3.
     
  11. emilio68it

    emilio68it Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Emilio Arbasino
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    A.S.D. T.T. Derthona
    O se vogliamo mantenere la D3 mettere limiti di classifica per partecipare, trovare giocatori con 6000 e rotti punti giocare in D3.....
    Allora modificare la formula introducendo il doppio, obbligare la disputa su due tavoli e regolamentare gli atleti, almeno nella categoria più bassa.
     
    A Sartori Giovanni piace questo elemento.
  12. SilvaM95

    SilvaM95 Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Silvana Macedone
    Categoria Atleta:
    3a Cat.
    Squadra:
    CSI Gozzano Lago d'Orta
    Io proporrei queste cose:
    Formule:
    -Tornare a fare in modo che ci siano almeno 7/8 nazionali all'anno della propria categoria (magari facendone metà sdoppiati e metà unici per facilitare gli spostamenti ai giocatori)
    -Riaccorpare i nazionali femminili a quelli maschili senza separarci inutilmente come quest'anno
    -Permettere, nei predeterminati regionali, l'accesso alla categoria superiori (un 3a in Piemonte con 5 iscritti non si può vedere), ma personalmente io farei solo open con la possibilità di fare più gare in un giorno (e farci giocare con i maschi!!! :D )
    Premi:
    Secondo me, se proprio non si vuole mettere un premio in denaro sarebbe bello mettere, come già fatto altre volte, dei buoni da spendere in abbigliamento da tennistavolo, o altrimenti a me piacciono molto anche i premi "mangerecci", ma fatti come si deve!
    Per me queste piccole cose già incentiverebbero un po' di più la partecipazione, magari e sicuramente ci sono soluzioni migliori, ma già così tanti sono certa che, sapendo di giocare tanto e sperando di vincere premi decenti, se li farebbero quei km per andare al torneo!
    Poi per il resto, la prima cosa che mi viene in mente, anche se ovviamente è molto difficile da realizzare, aumenterei il numero dei corsi per allenatori (che è qualche anno che lo voglio fare :D) : ci vogliono più persone che seguano gli atleti, specie a far panchina ai tornei! Io ormai mi sono abituata e va bene lo stesso, ma ci rimango male quando vado ai tornei e vedo ragazzi molto più giovani di me (diciamo fra i 13 e i 17 anni, ma anche meno), che non hanno mai nessuno che li segue e tutto è delegato alla (fin troppo) buona volontà dei loro genitori.
    Ci sarebbero tante altre cose da dire ma poi verrebbe un manoscritto:LOL:
     
    A cunni e adygoro piace questo messaggio.
  13. emilio68it

    emilio68it Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Emilio Arbasino
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    A.S.D. T.T. Derthona
    Sono d'accordo anche sui premi, materiale sportivo o generi alimentari, e, aggiungerei, qualcosa per la partecipazione, spilletta, t-shirt, adesivo....
     
    A SilvaM95, caph e cunni piace questo messaggio.
  14. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    sono d'accordo, anche perchè in quasi tutti gli altri sport quando partecipi ad una manifestazione c'è sempre un riconoscimento materiale, anche piccolo.
    ad esempio noi come società di atletica del mio paese (di cui sono socio fondatore) diamo sempre in omaggio una maglia tecnica, a fronte di un costo di iscrizione di 5 euro, e ristoro a metà e fine corsa.
     
    A emilio68it piace questo elemento.
  15. emilio68it

    emilio68it Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Emilio Arbasino
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    A.S.D. T.T. Derthona
    Esatto! Questo manca, ci sono esempi in tanti altri sport e passatempi, magliette, patch, spille ecc. ecc. basterebbe che la Federazione rinunciasse all'obolo e rimarrebbe un guadagno per la società anche dopo aver acquistato i premi.
     
    A Tsunami! piace questo elemento.
  16. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Nome e Cognome:
    Eugenio Bertagna
    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Posso dire che questa discussione mi fa tenerezza?

    La federazione se ne frega una cippa dei nostri desiderata.

    La federazione crede che il tennistavolo si sviluppi e si conservi tutelando le società egemoni.

    Ma lo sapete che Castel ha ritirato fue atlete ai recenti concentramenti di A2 perché altrimenti la squadra perdeva l'aereo ?

    È una cosa che non si può fare (ritirarsi da due partite dello stesso incontro) eppure si fa.. e forse anche impunenteente.

    Il tennistavolo in Italia sta vivendo una bassa marea, come un'onda di riflusso ciclica.. solo che quando tornerà un'onda.. un'alta marea.. non sarà mai più alta della precedente, perché siamo uno sport vecchio che non sa rigenerarsi e intercettare i cambiamenti in atto nella società.

    Le ASD curano il proprio orticello e i giocatori si preoccupano solo di conservare le millemila varietà di gomme e telai. Assolutamente anacronistico.
     
    A Chicco, Ragnolo, capa97 e 5 altri utenti piace questo messaggio.
  17. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    qualcosa (coni) sta cambiando, speriamo che gli stessi che hanno iniziato questo processo si accorgano anche che si stanno buttando soldi nelle varie federazioni senza risultati tangibili (a parte nuoto, pallavolo, tiro e poco altro).
     
  18. cunni

    cunni Utente Noto

    Categoria Atleta:
    3a Cat.
    Ho aperto questa discussione perchè ho ancora voglia di portare avanti i sogni e i desideri, ci vorrà tempo ma anche se riuscirò a realizzare un solo desiderio (serio) su mille sarò soddisfatto.

    Dalla terza riga in poi son d'accordo con te
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 14 Nov 2018, Data originale: 14 Nov 2018 ---
    ....e comunque alcune proposte fatte qua sopra possono essere realizzate semplicemente anche dalle società senza l'approvazione o interferenza della federazione.

    Con affetto, per le polemiche apriamo un altra discussione dai...:);)
     
    A Chicco, SilvaM95, tritticorenale e 1 altro utente piace questo messaggio.
  19. tritticorenale

    tritticorenale Utente Noto

    Nome e Cognome:
    marco
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    pol.comunale Albano
    cento volte meglio questa che quella sul bat tester, quella era assurda :D
     
    A SilvaM95 e emilio68it piace questo messaggio.
  20. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    La federazione crede che il tennistavolo si sviluppi e si conservi tutelando le società egemoni.[/Quote]
    Centrato! Ora facciamo attenzione però a non rintuzzare o scalzare in un angolo, "brevi manu", quelle benemerite Società cosiddette "egemoni", da quanto si capisce concentrate in due o tre Regioni. Quindi in mano a quei pochi ed illustri personaggi che di fatto, credendo di apportare vantaggi circoscritti all'interesse esclusivo dei propri associati -vedi numero sproporzionato di atleti stranieri per squadre di prima fascia, che penalizzano non poco le formazioni autoctone maschili e femminili-, ne limitano e non poco la portata e il progresso a tutto il movimento pongistico italiano. Con che vantaggio reale di pubblico ed interesse dei mass media per titoli conseguiti in tal modo, se non il ritorno immediato della premialità di corta visione? Direi obbligato e limitato ai soliti noti, secondo prassi consuetudinaria, legato ai risultati di breve respiro, conseguiti senza una vera programmazione che valorizzi il proprio movimento giovanile e a catena quello delle altre Società, che, quasi costrette dall'andazzo, poi vi si adeguano?
    Se quelle,le "egemoni", poi si ribellano, che facciamo?
    Il calcio, pur non avendo agito in modo virtuoso in questi ultimi anni, ha già pensato a cambiare, istituendo un fondo davvero consistente a favore di quelle Società che impiegano nel Campionato di massima serie giovani cresciuti, cioè di provenienza certificata ed inequivocabile, nella propria cantera.
    Resta il fatto che dobbiamo rendere per tutti conveniente e premiante l'arricchimento, in numeri e qualità , del vivaio giovanile. Questa è l'urgenza, almeno per chi crede o continua a credere nel futuro. Ancora....
    ettore
     

Condividi questa Pagina