1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

L'insostenibile leggerezza del telaio

Discussione in 'Guide sui Materiali' iniziata da Gattoettore, 4 Gen 2016.

  1. Gattoettore

    Gattoettore Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Ciao a tutti, premetto che sono un giocatore super-dilettante ed anche abbastanza schiappa, nonostante mi alleni 2 volte alla settimana. Però, come per altri sport che ho praticato (vedi tiro con l'arco), mi piace usare un attrezzo che mi sono costruito con le mie manine.
    Il primo telaio che ho costruito, a mò di esperimento, l'ho fatto con del multistrato comprato al Brico, peso mezza tonnellata. Poi sono passato alla balsa, 2 strati da 2mm + 2 finali in tranciato di rovere da 1mm, peso contenuto, circa 80gr., che con su 2 gomme cinesi ne è venuta fuori una recchetta difensiva accettabile che uso ormai da 2 anni. Ora ho voluto fare il grande balzo: un telaio 7 strati con carbonio al centro (0,5mm), 2 strati di tiglio (molto leggero) per parte e 2 strati di impiallacciatura di castagno, spessore totale 5,5mm per un peso di...148gr!!!(sigh!)
    La mia domanda è: come cavolo fanno a fare telai 7 strati, con essenze che non sono più leggere del tiglio che pesano 80-85gr?
    Grazie per eventuali risposte
     
  2. tommygv

    tommygv Utente Noto

    La risposta è: balsa.
    Cmq volevo farti i complimenti per l'intraprendenza e per il titolo :-D
    Inoltre nel forum troverai sicuramente anche chi saprà suggerirti. Per i telai artigianali ti do un nome su tutti: Animus. Il resto scoprili tu. Buona ricerca.
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 4 Gen 2016 ---
    @Claudio Barbieri
     
    Ultima modifica: 4 Gen 2016
    A Claudio Barbieri piace questo elemento.
  3. politiz29

    politiz29 attaccante... nà volta!

    Nome e Cognome:
    Tiziano Poli
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    oltre al balsa ci sono il Paulonia (a volte chiamato Kiri) e Samba... altra cosa importante è non esagerare con i collanti ;)
     
  4. rozzopicchiatore

    rozzopicchiatore Utente Attivo

    Mi sembra che il carbonio lo collochino tutti sul penultimo strato. Perche tu lo hai messo al centro?
     
  5. Gattoettore

    Gattoettore Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Il carbonio irrigidisce il telaio, mettendolo all'esterno si ottiene una racchetta off, io non la volevo tanto off
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 4 Gen 2016 ---
    Ci sono anche il Koto ed il Limba, molto usati dal famoso Animus (è proprio lì che ho visto telai 7 strati da 85gr. grrr appunto), ma tutti quanti sono legni non più leggeri del tiglio che ho usato io
     
    Ultima modifica: 4 Gen 2016
    A Claudio Barbieri piace questo elemento.
  6. Claudio Barbieri

    Claudio Barbieri Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Claudio Barbieri
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Grazie di avermi chiamato in causa.
    Ancora buon anno a tutti.
    A onor di causa, una piccola rettifica sul Kiri - (a volte chiamato Paulownia).
    Pianta meravigliosa cino-giapponese conosciuta da più di 3000 anni, importata dagli olandesi nell'800 e dato il nome Paulownia in onore della principessa russa Paulownia figlia dello Zar.

    Caro Ettore, davvero complimenti per la tua dedizione e ricerca del "tuo" telaio fatto da te.
    Ho usato il tiglio, non molto però...il castagno mai non l'ho conosco molto; vero il fatto però come dici tu non c'è molta differenza di peso con Koto-Limba.
    Per il peso dipende sostanzialmente dai collanti che usi (in particolare per il carbonio - e mi sembra solo di grammatura troppo alta) e soprattutto dalla pressa o il sistema che adotti per chiudere.
    All'inizio di questa avventura, mi è capitato di non chiudere bene la pressa e i 10-20 gr "se li tiene dentro", ma arrivare a 148 gr c'è qualcos'altro da mettere a punto.
    Se vuoi leggerezza (ma quanto leggero vorresti?) la Balsa è fondamentale....ma anche con la balsa non è facile trovarla come voglio io e del peso che voglio.....ha densità che variano dagli 80 ai 500.
    Le varianti sono molteplici, sembra facile ma assolutamente non è.....i compromessi come in ogni attrezzo sportivo sono tanti.
    I miei 7 strati di carbonio e balsa arrivo anche a 80 gr. oppure la serie Neptunus con Kiri-Paulownia Km0 carbonio limba kotò siamo intorno ai 90.
    E' uno studio lungo e dispendioso e hai la mia più completa ammirazione-comprensione!
    Buon viaggio
     
    A tommygv, yoyorichy e mendmax piace questo messaggio.
  7. Gattoettore

    Gattoettore Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    WOW! Non mi aspettavo un intervento di un mito fra i costruttori e con i complimenti anche! Basta sono soddisfatto, abbandono tutti i lavori che sto facendo.
    ......scherzo! Anzi, innanzitutto grazie a tutti per i consigli, ho già ordinato altri pannelli di carbonio, li ordino in Cina perchè costano poco, ci impiegano un mese e mezzo ad arrivare, ma arrivano. Per la prossima penso di abbinarli alla balsa (non avevo mai valutato la densità, ora ci sto attento) ed al tiglio (ce l'ho!) oppure a qualcuno di questi legni dai nomi esotici, dipende da cosa riesco a trovare. Per la pressatura, finora ho usato morsetti da falegname e due pannelli di nobilitato, però in ditta c'è una pressa pneumatica se me la fanno usare...la colla epossidica che ho usato per il carbonio in effetti mi sembrava un pò troppo "carpenteiare" e probabilmente ha influito molto sul peso, vedrò di trovare una resina più fluida.
    Per il momento appiccico 2 gomme sul telaio appena fatto, quello da 148gr, e vedo come reagisce, magari ci si riesce anche a giocare :)
    Non so quanti mesi passeranno prima che sia pronto i mio prossimo telaio, però se interessa a qualcuno posso poi postare i risultati.
    Ultima cosa: mi sono buttato in questa impresa sia per il motivo che ho detto all'inizio, sia perchè non mi sembrava il caso di spendere 100euri per un telaio, ma poi, fra materiale buttato, materiale usato, colle varie (è vero che con un barattolo di colla epossidica ci fai una decina di telai, ma anche per farne uno devi comunque comperare un barattolo!), alla fine la spesa è di poco inferiore. Ora è diventata una questione di pricipio: fare il telaio dei miei sogni o morire nel tentativo!! Bè....non proprio morire....ma più o meno così
     
    A tommygv, Ortensio, paolom e 2 altri utenti piace questo messaggio.
  8. mendmax

    mendmax Utente congruo ed appropriato

    Nome e Cognome:
    massimo mendeni
    A me interessa tantissimo.... vaiiiiiii gattoettore sei una grandeeeee!:metal::hail:
     
  9. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Anche la colla pesa. Bisogna stenderla uniformemente su ogni lato ma in quantità bassissima.
    Questo è il segreto del peso.

    Poi, vanno alternati legni con caratteristiche simili (a seconda che si cerchi rigidità o flessibilità) ma con pesi diversi per bilanciare il tutto.
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 5 Gen 2016 ---
    Vedo ora che sulle colle hai già avuto suggerimenti autorevoli (Tiziano e Claudio), chiedo scusa.
     
    A politiz29 piace questo elemento.
  10. Gattoettore

    Gattoettore Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Continuo ad inviare umilmente ed a testa bassa ringraziamenti a tutti per i suggerimenti. Sicuramente starò molto più attento sull'uso della colla a cui finora non ho dato peso (;) notato il gioco di parole?). Grazie ancora
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 5 Gen 2016 ---
    Ho trovato dell'impiallacciatura di Kotò ad un prezzo accessibile. Per lo Zebrano qualcuno mi sa dire qualcosa? (rigidità / peso).
    Grazie
     
  11. Claudio Barbieri

    Claudio Barbieri Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Claudio Barbieri
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Bello Zebrano, non facile da utilizzare:
    It is a heavy, hard wood with a somewhat coarse texture, often with an interlocked or wavy grain. The interlocked grain of this wood, like that of many tropical woods, can make it difficult to work. It is also a decorative exotic wood, used in a limited way for veneer, wall paneling, custom furniture, furniture trim, inlay bandings, marquetry, specialty items and turnery. It is also sometimes seen as stocks of shotguns and rifles or in exotic guitars. In the past, it was used in Cadillacand Mercedes-Benz automobiles. Because of its hardness, it can also be used for skis and tool handles.
    Quindi pesante e duro, è importante capire come usarlo e assemblarlo ad altre essenze possibili.
    Se vedi alcuni miei, utilizzo molto il Palissandro Santos, bellissimo, duro e pesa il doppio di un limba o cipresso, ma vengono comunque fuori telai importanti.

    Dai un occhio anche a questo: Elenco di legno - Wikipedia
    è facile da capire.

    ....ma se vuoi qualche foglio di kotò, limba o altro fammi sapere. Non è un problema darti dei fogli, non sei il primo a cui......capita sempre più frequentemente, anche all'estero, e sono contento di farlo.
     
    A Ortensio e yoyorichy piace questo messaggio.
  12. Gattoettore

    Gattoettore Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Sono profondamente e sinceramente commosso, quando ho dato il via a questa discussione non pensavo minimamente di arrivare a questo. I consigli arrivati da tutti mi hanno messo la voglia di riprovare subito a fare un (o qualche) nuovo telaio. Il carbonio lo avevo già comprato, deve solo arrivare, in internet ho trovato dell'impiallacciatura 6/10 di Zebrano e di Kotò, ne ho comperati 10 fogli per tipo da mm180x280. Posso trovare facilmente della balsa, però non riesco a capirne la densità.
    Per Claudio: mi interessa moltissimo la tua proposta, se mi scrivi su gattoettore@gmail.com ne possiamo parlare, soprattutto se hai e puoi darmi dei fogli in spessori maggiori (1-2mm).
    Grazie di nuovo a tutti

    P.S.: domani provo il telaio che ho fatto, peso totale con gomma 220gr. (la racchetta che uso da un anno circa, telaio fatto solo con balsa, pesa 214gr.) pensavo peggio.....
     
    A yoyorichy piace questo elemento.
  13. corsa46

    corsa46 Utente Noto

    Squadra:
    TT VALLEUMBRA
    Benvenuto nel fantastico mondo del custom ;)
    da parte mia ti dico di fare attenzione sugli spessori del carbonio per non andare fuori "norma" e rendere il tuo telaio "fuorilegge": massimo spessore 0,35 mm e comunque non superiore al 15% dello spessore totale del telaio. (che in realtà non è il telaio ma solo il piatto, con telaio si comprende anche le faccette del manico)
    Un'altro consiglio importantissimo che non se ne parla molto è il rapporto tra il peso del manico e il bilanciamento del telaio; non è detto che un telaio debba per forza pesare 85g ... anzi ultimamente sempre più "campioni" richiedono telai da oltre 100 grammi (dovuto anche dall'introduzione della nuova pallina in plastica) ma con un bilanciamento "particolare" :approved:

    Buon divertimento e se puoi postaci le tue creazioni... sono per sempre opere d'artte ;);)
     
    A yoyorichy e Claudio Barbieri piace questo messaggio.
  14. ziggy

    ziggy Utente Attivo

    Buongiorno, se visita il mio sito www tt ziggysport.com potrà notare che ho messo a catalogo un telaio ( Q R S) 7 strati con lo" zebrano" che troverà nella sezione novità. Devo dire che non mi dispiace affatto come tipo di essenza , anzi...
    Bisogna considerare solo alcuni aspetti: peso specifico medio /alto, duro, legno molto ricco di minerali e per questa caratteristica non proprio facile da lavorare. Produce un odore non proprio gradevole quando si tratta, ma regala risultati interessanti.
    E' importante porre l'attenzione ai legni che vengono scelti in abbinamento allo zebrano, perché modificano radicalmente le sue qualità principali.
    Il telaio che ho proposto prima, per esempio, è stato creato per un giocatore cinese di alto livello con balsa e fichte, essenze che hanno reso le caratteristiche qualitative dello zebrano spiccatamente offensive. Se la può incuriosire sul sito ci sono tutte le specifiche tecniche e qualitative in questione.
    In bocca la lupo per i tuoi lavori!
    Alfonso Ziccardi
     
    A yoyorichy e eta beta piace questo messaggio.
  15. Gattoettore

    Gattoettore Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Visto! Molto bello! Complimenti ( avrei preferito l'impugnatura scura, ma bello lo stesso).
    Grazie per le dritte
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 8 Gen 2016 ---
    Azz. Questa non la sapevo! Ma se il mio telaio è 5,5mm di spessore, il 15% è 0,825. Vuole dire che posso mettere tanti fogli di carbonio di spessore 0,35mm o meno fino ad uno spessore totale di 0,825mm? Se ne metto uno solo di 0,5mm non va bene? Posso sempre dire che ne ho messi 2 da 0,25mm accoppiati, sfido chiunque a verificare che non sia così! Le questione è sicuramente interessante, ma personalmente mi preoccupa poco perchè, come ho detto all'inizio, sono un giocatore molto dilettante, non faccio tornei se non quelli dove sono accettate pure le schiappe come me e lì nessuno controlla come è fatta la tua racchetta. Grazie comunque per l'informazione.
     
    Ultima modifica: 8 Gen 2016
    A yoyorichy e Sartori Giovanni piace questo messaggio.
  16. Gattoettore

    Gattoettore Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Per chi interessa:
    Venerdì ho provato la racchetta, ha una indole offensiva ma non troppo. Penso la si potrebbe catalogare come una off-- (so che non esiste, ma è un pò meno off di una off-;)). Il peso di 200gr (gomme comprese) è leggermente sbilanciato sulla punta che, come mi sembra di avere capito, rispecchia la "moda" del momento. Il suono è un pò secco. Dopo due ore di gioco tutto sommato non mi sentivo il braccio appesantito come lo avevo con la prima racchetta che ho fatto (quella con il multistrati acquistato al Brico). In conclusione sono abbastanza soddisfatto, volevo una racchetta non troppo offensiva e così è.
    Allego alcune foto (purtroppo non ne ho del solo telaio, per la foga di provarla non ne ho fatte)
    [​IMG] [​IMG] [​IMG]
    I legni utilizzati sono, partendo dall'interno: carbonio - tiglio - castagno - tiglio. Il manico è in wengè
    Non guardate il ritaglio della gomma, su quello ci devo ancora lavorare....
    La forma è più squadrata e più grande di una normale racchetta, una delle mie principali "doti" pongistiche è quella di steccare le palline, così mi autoconvinco che ne stecco meno (ognuno è matto a modo suo)
    Naturalmente si accettano sia complimenti che critiche....meglio complimenti:)
    Ciao
     

    Files Allegati:

    A Ortensio, Sartori Giovanni e politiz29 piace questo messaggio.
  17. mendmax

    mendmax Utente congruo ed appropriato

    Nome e Cognome:
    massimo mendeni
    Bellissimo, anche la forma quadrata del piatto non mi dispiace affatto, anzi mi ricorda i vecchi telai con impugnatura a penna!!! l'unica cosa è che avrai difficoltà a trovare gomme usate adattabili al tuo piatto ma.... forse è meglio così!!!
    Il manico scuro è elegantissimo.
    BRAVO! :clap.
     
  18. Gattoettore

    Gattoettore Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Mendmax, preciso che non ho tendenze omosessuali ma...già ti amo!:nerd:
     
    A mendmax piace questo elemento.
  19. mendmax

    mendmax Utente congruo ed appropriato

    Nome e Cognome:
    massimo mendeni
  20. politiz29

    politiz29 attaccante... nà volta!

    Nome e Cognome:
    Tiziano Poli
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    bravo non male... però così ad occhio, ripeto ad occhio, lo strato di carbonio sembrerebbe fuori norma come spessore (giusto per essere pignoli)
     

Condividi questa Pagina