1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Indice della mano che fuoriesce dal piatto telaio

Discussione in 'Principianti' iniziata da Tuot, 24 Set 2020.

  1. Tuot

    Tuot Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Andrea Cherubini
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Insieme ad un mio compagno di allenamento ci si interrogava sul seguente problema:
    cosa si fa quando l’indice della mano fuoriesce dal piatto racchetta e non si riesce ad avere il controllo del colpo se non piegando l’indice a “collinetta”?
    Curiosando sul web abbiamo visto che anche Persson aveva lo stesso problema.
    Qualcun altro vive la stessa situazione? Come avete risolto?
    Allego due foto di Persson per far capire la situazione di cui parlo:
     

    Files Allegati:

  2. utut

    utut Never Give Up

    Categoria Atleta:
    Fuori Quadro
    IMO, Credo che Persson abbia una presa molto arretrata sul manico, giocoforza l'indice rimane fuori dal piatto
     
    A demonxsd piace questo elemento.
  3. luca.dalco

    luca.dalco utente scarso

    Nome e Cognome:
    Luca Dal Conte
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Sisport Torino
    Ancor di più chi gioca senza mettere l'indice sul rovescio, ma impugna quasi da tennista..
     
  4. andras

    andras Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Riccardo Belli
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    T.T. MONDOVI'
    A meno di avere una mano veramente enorme 9 volte su 10 e xchè uno impugna in modo errato.
    Spesso troppo in "profondità" nella mano
    Tieni presente che nel caso di impugnatura concava "fl " la parte della mano sottostante al pollice deve andare a riempire la concavità.
    La cosa si vede molto bene in alcune foto di zhang jike e di fan zhendong al termine della esecuzione del dritto.
    La racchette è quasi totalmente sostenuta da pollice e indice e sembra quasi uscire dalla mano
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 25 Set 2020, Data originale: 24 Set 2020 ---
    Person ha sempre usato un impugnatura molto personalizzata che libera maggiormente il polso ma a livello scolastico è totalmente sbagliata.....chiaro che con lui andava a meraviglia
     
    A demonxsd piace questo elemento.
  5. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    si amputa
     
    A demonxsd e andras piace questo messaggio.
  6. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Mi par di capire che il forumista che ha posto la domanda non abbia
    problemi di eccessiva lunghezza delle dita,ma...vuol sapere "cosa si fa
    quando l'indice della mano fuoriesce dal piatto della racchetta",
    impedendogli precisione e accuratezza del colpo.Cosa farà adesso lui? Dovrà cambiare qualcosa?Fare come prima e ha sempre fatto?Seguire l'esempio di qualcuno,bravo,meglio ancora se già Campione mondiale con un suo stile
    già affermato?Poi ,mentre noi vediamo nella foto solo un frammento del tutto, chissà se
    quel colpo risulta identico all'intenzione di chi lo vuol emulare.Forse,dopo averlo visto, è meglio fare diversamente?
    E come?Resta il fatto che,per ora,il controllo del colpo resta ancora carente.Quale soluzione sarà consigliabile adottare,o avrà già adottato chi ha posto la domanda?
    Dicono che allenarsi di più è un buon antidoto e si migliora.Bastera'?
    ettore
     
  7. Marchese F.

    Marchese F. Utente Attivo

    Categoria Atleta:
    3a Cat.
    Squadra:
    TT Marco Polo
    Concordo sul fatto che non sia un problema di mano grande ma di impugnatura scorretta.
    La "soluzione" sarebbe quella di impugnare più in basso.
    Detto questo, faccio parte anch'io del club di Perrsson:rotfl: (allego foto)... negli anni ho provato a correggere l'impugnatura ma ne perdevo davvero troppo in sensibilità. Inoltre, diversi allenatori alla fine me l'hanno "avallata" dicendomi che comunque l'impugnatura rimane molto personale e ci sono stati negli anni fior di campioni che hanno primeggiato con impugnature atipiche, non ultimo Timo Boll che in risposta al servizio corto mette il dito indice praticamente al centro della gomma!
    IMG_8962.JPG
     
  8. genioboy

    genioboy Mille e 1 notte...insonne

    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Si fa quello che faceva Persson, che non teneva l'indice a collinetta, ma lo faceva uscire di fuori; poi ci si allena e si diventa campioni d'Europa o del mondo a squadre. Se aspiri a qualcosa di più, non ci è dato sapere se con quell'impugnatura ci si possa riuscire: il limite potrebbe essere questo!
     
    A T__T-Rex piace questo elemento.
  9. utut

    utut Never Give Up

    Categoria Atleta:
    Fuori Quadro
    Whatever Works!
     
    A Sartori Giovanni piace questo elemento.
  10. demonxsd

    demonxsd Utente Noto

    Eh ma questo non ha senso ^^
     
  11. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    esatto
    comunque Andrea, evidentemente tendi a impugnare molto alto, dovresti evitare allora, se già non lo fai, manici concavi e optare per gli anatomici o quantomeno dritti

    ps
    scarterei l'amputazione

    però magari tieni ben corta l'unghia
     
    Ultima modifica: 27 Set 2020
  12. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Wathever Works (?!)
    Qualsiasi cosa va bene?Ho tradotto (abbastanza) correttamente il significato?Resta da capire,pur in questi tempi di scarso e difficoltoso allenamenti in generale,se è stata ripensata e riprovata la presa della mano sulla racchetta.In che senso?
    Più alta,stretta e aderente? Più bassa,leggera e sciolta?La classica via di mezzo?,che più o meno soddisfa l'interpretazione media di tutti i colpi?Riprovando e riprovando quale presa dà più "soddisfazione" e sicurezza nei colpi?Quali colpi,soprattutto?
    Non credo che tutto vada bene per tutto e magari per tutti.Oppure?
    Sarebbe interessante sentire più voci
    in merito,soprattutto da parte di chi sta riprovando e ripensandoci su.
    Aggiungi una mia domanda.Dopo aver provato un po',anche a modificare qualcosa,posizionamento delle dita,presa alta o più bassa, c'è un effettivo aumento di velocità nel gesto complessivo mano/braccio?anche maggior precisione? E' questo, ciò che effettivamente si va a cercare?Oppure più rotazione?
    In base alle impressioni raccolte si potrà,strada facendo,dare un informazione ancor più aderente alle necessità e curiosità del forumista che per primo ha
    posto la domanda.Poi si migliora,strada facendo...
    ettore
     
  13. utut

    utut Never Give Up

    Categoria Atleta:
    Fuori Quadro
    traduzione ove necessaria: qualsiasi cosa basta che funzioni!.......punto.
     
  14. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Qualsiasi cosa proprio no!Guarda che qualcuno ha proposto di amputare il dito.Anche potrebbe andar bene?
    ettore
     
  15. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    si ma poi ho optato per tenere l'unghia corta.
    fuori dello scherzo 2 possibili errori:
    -impugnatura troppo alta
    -punta della racchetta rivolta in alto
    dopo di che io penso che nel tennistavolo (e non solo) fai punto se mandi la pallina in campo avversario una volta in più del suddetto avversario, fine della storia.
    affinchè ciò avvenga è necessario o molto e costante culo o che i tuoi colpi siano efficaci.
    spesso l'efficacia si abbina alla bellezza e plasticità del gesto ma non necessariamente.
    se il colpo parte brutto ma arriva bene non vado a dannarmi l'anima per diventare bello per la soddisfazione degli esteti.
    quindi se un difetto mi penalizza cerco di correggerlo altrimenti chi se frega.

    ps
    quanto detto secondo vale per gli adulti, ovviamente i ragazzini vanno impostati bene
     
  16. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    I possibili errori?Non credo proprio,nessun errore.Due diversi modi di tenere la racchetta,due soluzioni diverse,due colpi finalizzati in modo diverso.Finisci con le dita morbide hai il max di rotazione,a volte non necessaria e
    superflua.La traiettoria del top
    occupa molto "spazio"nel salire,poco o nulla in profondità.
    Finisci con tale dito più rigido,ma
    parlerei di dita,che devono essere maggiormente coinvolte,il colpo risulta più diretto,spinto in avanti,meglio s'addice a chi gioca prevalentemente di scambio.
    Ora si tratta di trovare la giusta misura e per fare che. E questo riguarda tutti,amatori e giocatori professionisti,anche se non a tutti interessa allo stesso modo.
    Tu, intanto prova,poi se vuoi approfondire sul come....quali dita,cosa devono fare nel momento in cui,...Sai,per migliorare bisogna anche alimentare la curiosità di saperne di più...
    O accontentarsi.Vedi tu.
    ettore
     
  17. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    avevo capito si parlasse dell'indice che sbuca fuori dal piatto
    non di dito rigido/dito molle
    scusate
     
  18. Tuot

    Tuot Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Andrea Cherubini
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Infatti si parlava di indice che sbuca fuori dal piatto.
     
  19. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    L' indice che sbuca...fuori dal piatto
    Detta così sembra la mano "morta",macabramente cotta e fredda, che sporge fuori e non dovrebbe...di cui ci si meraviglia anche.Ma la mano è viva!E' viva ,perchè tutti i suoi elementi sono mobili,interconnessi,che si muovono per un preciso scopo e ordine cui si dà.
    Tuot,che ha aperto il quesito,parla del problema del dito indice,che sporge e quindi risulta dritto e "rigido",il che gli impedisce di avere un buon controllo sulla racchetta,
    per cui cerca di ovviare piegando l'indice a "collinetta".Nel farlo ammorbidisce e allenta la tensione dello stesso dito,in realta' di tutta la mano che ne è coinvolta,ma così spinge meno, "arrotolando" per un tempo più lungo la palla,per un azione che tende verso l'alto.Porta a documentazione delle foto di Persson che ,in tali frangenti,fa lo stesso.Ci si chiede se questi sono errori,oppure modalità di presa sconsigliabile
    per principianti e non addetti ai lavori.No,non sono errori.
    Solamente non ci è dato sapere perchè, lui, modifichi la presa in due distinti modi. Quali colpi sta eseguendo?Immaginiamo che debba riprendere una palla che cade distante,per giunta con un certo ritardo,quindi già
    "bassissima" o sotto la rete e abbondantemente di lato,come sarà la presa sulla racchetta,con lo scopo di tirarla su?Stretta, con le dita irrigidite e allungate ,oppure rilassata con una presa più morbida e le dita che si "fanno collinetta"?
    Questo per dire che non c'è un solo modo fisso e immodificabile di tenere la racchetta in mano.E' come imparare a suonare,bene!,la chitarra o altro strumento.Chi si fossilizza su una sola modalità,dita rigide,o al contrario dita morbide,otterrà un solo suono.Ma la musica ,come il buon tennis tavolo giocato,diventa melodia accordando più suoni,che si ottengono con diverse pressioni e modularità composite delle dita,di tutte le dita della mano sullo strumento,in questo caso la nostra racchetta.O qualcuno pensava che bastasse cambiare la racchetta?
    Oltreaciò:
     

Condividi questa Pagina