1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

così tanto per dire...

Discussione in 'Chiacchiere su tutto il resto!' iniziata da Tsunami!, 10 Gen 2021.

  1. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    copio-incollo da altro forum che frequento, non voglio fare del terrorismo psicologico, non c'entrano nulla i campionati, la federazione, l'attività in sicurezza o meno, ma solo una persona che conosco (seppur solamente via web), mi ha solo colpito la sua situazione; se non erro vive solo, per cui la situazione è molto più gestibile di coloro che convivono con moglie, figli o genitori.
    Tanto per rendere l'idea...
    ...
    Ciao a tutti.
    Dal 30 dicembre sera non sto bene.
    Respiro affannato, stanchezza, febbriciattola.
    Poi la febbre nei giorni sale e un brufen che prima stroncava ora solo accarezza.
    Al 4 dicembre l'affanno era terribile, il respiro corto, non andavo oltre, come dopo una corsa lunga e smodata, di quelle da sputare pallini per inseguire un ladro, ma io mi ero solo alzato dal divano.
    Mi sono trovato nel buio totale in sala con le dita tra i capelli, seduto con i gomiti puntati sulle cosce, l affanno della solita corsa per inseguire il solito ladro, e l unica luce che vedevo era quella del mio fonino...sbloccato... Li chiamo, non li chiamo? Aspetto? Aspetto...
    E la febbre arriva a 39 prima non era mai così alta.
    Dopo 1 settimana di tormenti affini sparisce la febbre.
    L affanno resta. Non ho mai avuto perdita di sapori, dolori, bisogno di ossigeno, ma ci sono stato molto vicino.
    La paura di non riuscire a respirare, di non avere mai abbastanza ossigeno, questo sentire che il cuore sta partendo, l affanno che lo segue sempre piu veloce...
    Provate a fere un piccolo sforzo, inspirate pochissima aria, buttatela fuori, ancora altra piccola inspirazione, fuori di nuovo.
    Sale un ansia, una paura mai provata prima.
    Mi sono passate davanti più volte le immagini degli ospedali, delle sale di rianimazioni e delle persone con problemi respiratori...state attenti... State tutti attenti... Non è una passeggiata, perché se non respiri non tiri avanti la carretta e non ascolti musica.
    Ora dopo 10 giorni sento il crepitio ai polmoni, scricchiolano. Ho diversi farmaci da ingurgitare al giorno ma... Piano piano vedo la luce. Domani il tampone mi dirà qualcosa del mio immediato futuro.
    In questi giorni il mio hi-fi è rimasto spento.
    Nonostante le tante ore a casa, come mai prima oserei dire, è rimasto tutto silente.
    Non ho grandi velleità.
    Non ho voglia. La sera scendo da solo a guardare un filmetto...
    ...
    non ho chiamato nessuno... Cioè nel senso no ambulanza... non volevo intasare un sistema sanitario già in difficoltà...
    Sia chiaro ogni giorno, due volte al giorno, scrivevo al dottore mio che mi dava medicine e posologia...
    Non ero un cane abbandonato.
    Ma la malattia ti fa capire il senso della sofferenza, la paura, a quanto stai camminando distante dall'orlo del burrone...
    ...
    i p.s. degli ospedali sono dei ricettacoli di coronavirus e ci sto alla larga... Tremo all idea di dover necessitare di ospedali in questo periodo, temo.
    Io comunque speravo di sentirmi meglio in un crescendo...veloce.
    Niente di piu sbagliato.
    I polmoni offesi sono li giorno e notte a ricordartelo e ti fanno: toc toc, enrico, stai calmo, siamo ancora offesi.
    ...
    poi ognuno è libero di sentirsi al sicuro e pensare che, se dopotutto finora nemmeno il 4% della popolazione italiana è stata contagiata, perchè dovrebbe capitare proprio a me che seguo tutte le regole e le indicazioni date...
     
    A Milocco Ettore e Arise piace questo messaggio.
  2. Arise

    Arise Utente Attivo

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    ho avuto anch'io casi di Covid in famiglia e posso assicurare che non è una passeggiata, è vero che ci sono gli asintomatici ed i casi leggeri, ognuno reagisce in modo diverso, ma se ti prende bene sono dolori...
     
    A Tsunami! e demonxsd piace questo messaggio.
  3. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    apprezzabile messaggio ma...

    leggo
    "Li chiamo, non li chiamo? Aspetto? Aspetto...!"
    esticaz! aspettava cosa?! di morire!?
    leggo
    "gli ospedali sono dei ricettacoli di coronavirus e ci sto alla larga"
    non più di casa sua a quel punto
    leggo
    "Io comunque speravo di sentirmi meglio in un crescendo...veloce.
    Niente di piu sbagliato.
    I polmoni offesi sono li giorno e notte a ricordartelo e ti fanno: toc toc, enrico, stai calmo, siamo ancora offesi.
    "
    magari se si faceva curare i danni ai polmoni sarebbero stati minori

    comunque auguri Enrico, un pò di pazienza (e magari di fiducia nei medici e nella medicina) e tornerai in forma

    ps
    4% è la percentuale di quelli risultati positivi ai test, si calcola che il numero reale (asintomatici&C.) sia da 2 a 8 volte tanto
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 10 Gen 2021, Data originale: 10 Gen 2021 ---
    io ho un'altro esempio, il marito 60enne di una cugina, la mattina è al supermercato, la sera si sente poco bene, la notte sta male, ambulanza, ospedale, dopo 1 ora è morto.
    meno fortunato di Enrico, cui rinnovo gli auguri e lodo per il messaggio
     
    A Tsunami! piace questo elemento.
  4. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    non tutti siamo uguali: soprattutto quando vivi da solo, in situazioni particolari, se non sei lucido certe decisioni fatichi a prenderle e quasi sempre sono sbagliate.
    mi viene in mente la mia povera mamma, quando stava male, non chiamava 'per non disturbare'...
     
  5. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    anche la mia, è morta per le conseguenze di una caduta mentre andava in bagno da sola 'per non disturbare'
     

Condividi questa Pagina