1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Confronto Spinlord Keiler Gipfelsturm Orkan II

Discussione in 'Consigli & Test sui Materiali' iniziata da mauriziopong, 29 Mag 2019.

Status Discussione:
ATTENZIONE! - L'ultima risposta a questa discussione ha più di 365 giorni!
Valuta se potrebbe aver senso aprire una nuova discussione sull'argomento o se il tuo intervento possa essere utile ad essa.
  1. mauriziopong

    mauriziopong Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Maurizio De Zuliani
    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Astt Eureka Roma
    Grazie Ric, il mio telaio è uno Ianus di Animus rivisto. Ha il carbonio dal lato del rovescio oltre allo strato più esterno in noce, mentre il dritto è un legno morbido. Io non ho intenzione di girare, ma vorrei poterla usare in maniera aggressiva. Ho giocato questi ultimi due anni in B2, e soprattutto quest'anno ho sofferto con due lisce (il livello era alto ed io non sono azzeccato per questo campionato). Volevo qualcosa che mi permettesse di spezzare il ritmo costringendo l'avversario ad un colpo lento o di rimessa piuttosto che giocare sempre con top e controtop, perchè alla lunga anche fisicamente non tengo. La possibilità di rallentare per avere la possibilità di usare il dritto a tutto braccio è qualcosa che sono certo può farmi la differenza. Il problema è che con le corte poco sopra citate il ritmo non cala, la palla non che torna non è cattivissima e cmq leggibile, anche se sono bastate un paio di sere a trovare la quadra. Con la Orkan ci ho messo un po' di più prima di poter sostenere un set decente e non è che non sia efficace, ma mi costringe a stare un po' tranquillo in attesa dell'occasione giusta piuttosto che fare gioco, e come immagino ti sarà capitato, quando l'avversario capisce che un determinato tipo di gioco gli si ritorce contro se non è pressato si prende alcuni lussi per scegliere la palla buona, o costringerti a forzare col rischio troppo alto. Da quì il sondaggio alla ricerca di una gomma con qualche potenzialità di in più in fase attiva anche a scapito di meno disturbo (sempre senza dover tornare alle corte). Per assurdo con la P4 (con cui ho giocato una stagione alcuni anni fa) alcune di queste caratteristiche c'erano, ma era inchiodata. Mi aspettavo anche la risposta fatidica: nn puoi avere tutto! Ma fare il tentativo sul forum non costa niente e non si sa mai...
     
    Ultima modifica: 30 Mag 2019
  2. vg.

    vg. Utente Noto

    Ciao Tsunami. Mi aggancio al tuo commento per chiederti un parere. 2 mesi fa incuriosito una Moristo SP sul rovescio del mio Xiom Zetro Quad (quindi carbonio)..... non ho cambiato di molto i movimenti. e comunque va molto bene.... Ho montato quindi una Victas 102 su Nittaku Ludeak ma non mi sembra tanto positiva la combinazione. Le gomme diciamo che si equivalgono (una un po meno...l'altra un po meglio.... dipende da cosa prendi in considerazione) quindi dalla mia esperienza direi che un telaio al carbonio è meglio del telaio in legno.........
     
  3. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    nell' esempio che citi equivale a dire che un telaio rigido è meglio di un telaio quasi elastico, col puntino ci sta ;) io ho voluto provare un redshank con la keiler, ingiocabile.
     
    A vg. piace questo elemento.
  4. vg.

    vg. Utente Noto

    Thanks ..... mi confermi una mia impressione. Ieri sera fatto tutto l'allenamento con Victas 102 su Nittaku Ludeak, riassumendo tutto in una parola : "incomprensibile".
    Non ho capito veramente niente di quello che succedeva.o_O
     
  5. ggreco

    ggreco Arrotatore di dritto, picchiatore di rovescio.

    Nome e Cognome:
    Giovanni Greco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    CUS Torino
    Secondo me la cosa è molto personale, @Zamma usa il corto (anche se sul diritto) proprio su un Ludeack...
     
    A vg. piace questo elemento.
  6. vg.

    vg. Utente Noto

    Sarebbe da chiedere che cosa addopera e come la addopera, anche se si innesca un delirante vortice :):):). Ieri sera per curiosità avevo fatto anche qualche scambio mettendo la puntinata Victas sul dritto; per funzionare funziona, e funziona anche bene (con i dovuti distinguo) ma cè troppa differenza con una liscia.
     
  7. ggreco

    ggreco Arrotatore di dritto, picchiatore di rovescio.

    Nome e Cognome:
    Giovanni Greco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    CUS Torino
  8. luca.dalco

    luca.dalco utente scarso

    Nome e Cognome:
    Luca Dal Conte
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Sisport Torino
    Io uso la tsp P4 sul rovescio (prima da 1 e adesso da 1.5mm) con telaio Animus Iupiter (non troppo diverso dal tuo direi), ed è effettivamente molto "rallentante", ma è quello lo scopo per cui la uso, visto che anche io sono un puntinaro per necessità.

    Potrei dirti che se spingi bene in punch o anche se dai un bel "manrovescio di putenza" (dicesi top di rovescio, ma con quella gomma il purista del tennistavolo non me la dà buona), la palla viaggia a sufficienza...ma a sufficienza per livelli probabilmente più bassi di quello che vorresti tu. L'anno prossimo mi affaccerò alla C2, pronto con il casco a prenderne Q.B..

    Ho paura che un mio consiglio manchi della giusta prospettiva, ovvero della conoscenza di un livello troppo superiore ai miei standard; ma sperando di essere utile ti dico che quando ho avuto modo di incrociare la racchetta con avversari evidentemente superiori, anche del livello che interessa a te, il materiale non ha rappresentato un limite, e sono riuscito a produrre un gioco che mi ha permesso di fare la mia porca figura e quantomeno obbligare l'avversario a sudarsi e meritarsi i punti e le vittorie..
     
    A VUAAZ piace questo elemento.
  9. vg.

    vg. Utente Noto

    Esperimento di ieri sera : montata la Victas 102 su Xiom Stradivarius.........altro pianeta. Sul rovescio va proprio molto bene e sul dritto va piu che bene.:)
     
  10. mauriziopong

    mauriziopong Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Maurizio De Zuliani
    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Astt Eureka Roma
    Grazie per il tuo contributo! La P4 fa veramente tante cose, però purtroppo è molto lenta. Sto continuando a provare con la Orkan ma mi sto rendendo conto che mi costringe a stare molto "calmo"...e la mia indole ci fa un po' a pugni. Riesco anche a tirarci da dietro, ma al tavolo se lascio andare il braccio è un casino. Mi sto convincendo che il telaio che uso come già detto da molti nei post precedenti sia un po' troppo elastico, e dovrei avere in prova a breve uno Ianus 3 (continuo a pensare che la possibilità di interagire col produttore sia troppo importante) che dovrebbe togliermi qualche dubbio. Dopo di questo se non trovo pace dovrò tornare o alla corta oppure liscia e pedalare...
     
  11. ggreco

    ggreco Arrotatore di dritto, picchiatore di rovescio.

    Nome e Cognome:
    Giovanni Greco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    CUS Torino
    Dipende molto da che mestiere fai o vorresti fare con il rovescio.
    Se hai una buona regolarità nello scambio di rovescio e vuoi mettere pressione piazzando la palla con velocità, e se riesci a gestire bene i servizi e le risposte corte, forse è più indicata la corta.
    Se riesci a resistere alla tentazione di spaccare subito con il rovescio e prediligere lo spostamento sul dritto per attaccare, e ti piace gestire il ritmo dello scambio piuttosto che andare a 1000, la media è indicatissima.
    Anch'io sono in fase di test, la Waran è più divertente della Orkan II, ma quest'ultima sembra offrire più opzioni di gioco...
     
  12. mauriziopong

    mauriziopong Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Maurizio De Zuliani
    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Astt Eureka Roma
    ...ehhh che mestiere voglio fare? Bella domanda! Vorrei essere competitivo esprimendo tecnica e carattere. Devo dire che tra tutti i puntini provati negli anni questa, e probabilmente le medie in generale, è quella che mi ha dato più filo da torcere. Non riesco a trovare un modo costante di fargli fare quello che dico io, e mi snervo. Con la lunga era più facile, ti fa fare alcune cose, altre no e punto. La Orkan sembra strizzare l'occhio a più opzioni ma che diventano ingestibili quando si alza il ritmo. Spero di capire meglio col telaio più rigido, altrimenti vuol dire che non sono capace a sfruttarla
     
  13. ggreco

    ggreco Arrotatore di dritto, picchiatore di rovescio.

    Nome e Cognome:
    Giovanni Greco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    CUS Torino
    Quando si alza il ritmo o lo spezzi (block rallentato passivo o difesa tagliata da fuori tavolo) o finisci il punto d'incontro. Se vuoi una continuità di gioco meglio una corta pretensionata (Waran, Tango Ultra, Express Ultra, Spectol Red o Blue, Spinpips Red o Blue) con spessore alto (1.8-2.0 mm).
     
  14. mauriziopong

    mauriziopong Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Maurizio De Zuliani
    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Astt Eureka Roma
    Si non fa una piega. Diciamo che speravo di avere vita più facile nel poter spezzare il gioco, pur mantenendo la possibilità di essere aggressivo. Dici bene di spezzare quando si alza la velocità, ma ad andare dietro e tagliare quando inizia lo scambio non si fa in tempo salvo impostare il gioco proprio in difesa. Il taglio viene molto bene nonostante la piuma da 2, la palla rimane tesa e non sempre è facile leggere l'effetto, però se uno sta già dietro è un conto, ma se stai vicino e vuoi spezzare lo scambio tagliando è tosta. Il block passivo ancora non l'ho capito: mi sembra che se sto fermo la gomma senta l'effetto, mentre se spingo svolazza un po' dove gli pare. Se il giocatore mi consente di giocare ad un ritmo basso non c'è storia, ci fai tutto, ma se dall'altra parte c'è un bomber (o una bomber l'altra sera...) è un pianto.
     
  15. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    per me è l'esatto contrario, più l'avversario è forte e più la gomma rende (su telaio rigido e veloce); se il livello è inferiore, devo riprendere il vecchio telaio wang-xi (def+ ma non così lento), gioco allround votato all'attacco.
     
    A bvzm71 e MR92 piace questo messaggio.
  16. ggreco

    ggreco Arrotatore di dritto, picchiatore di rovescio.

    Nome e Cognome:
    Giovanni Greco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    CUS Torino
    Il taglio si intende raccomandato quando sei pescato fuori zona, per esempio a causa di un block avversario angolato sul lato del rovescio se per sbaglio sei già fuori dal tavolo; con il block devi calibrare la spinta secondo la palla in arrivo: se hai questi problemi mi sa che il tuo punto di forza NON è il block, un minimo la media sente l'effetto, ma molto meno di una liscia e abbastanza meno di una corta, ma il fatto di sentire l'effetto consente anche di spingere quando serve.
    L'unica gomma che realmente non sente l'effetto è l'antispin frictionless, ma per contro tirare è proibitivo, si può solo spingere sui palleggi tagliati avversari piazzando la palla opportunamente.
    O impari a girare la racchetta e quindi usare una lunga ox o una antispin, o impari a usare una media per rompere il ritmo o una corta per accelerare e chiudere il punto in velocità.
     
  17. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Una volta un tedesco mi ha detto :
    "Keiler gipfelsturm orkan zwei!"

    Non ho capito cosa volesse dirmi ma sembrava incaxxato.

    Dall'alto della sua esperienza @ric58 ti dice che, per non essere impallinato da giocatori che sanno restituirti palla liscia nel palleggio, dovresti girare la racchetta e tu rispondi che non vuoi girare anche perché , par di capire, non vuoi perdere le caratteristiche del telaio combi. :eek:

    Ora, io non sono al tuo livello di giocatore ma.. :

    1) vuoi troppe cose dal puntino, lo vuoi fastidioso ma facile, lo vuoi che spezzi il ritmo ma pure aggressivo all'occorrenza...

    2) il telaio non può essere rigido da una parte ed elastico dall'altra (al massimo può variare un pelo la durezza esterna) quindi togliti certe paturnie e impara la girare la racchetta, altrimenti accontentati di una corta aggressiva e fastidiosa con la quale spingere il block oppure di una media tuttofare ma con la quale è difficile controllare il block spinto. ;)

    Hai già il "telaio magico" .. non pretendere anche la gomma magica. :approved:
     
    Ultima modifica: 6 Giu 2019
  18. mauriziopong

    mauriziopong Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Maurizio De Zuliani
    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Astt Eureka Roma
    :)))
    Caro Eta ho letto con interesse la discussione avuta con Carmelomaf sulla storia dei telai combi, ma visto che di mestiere faccio il tecnico (e nel tempo in vari settori) oltre ad avere delle buone basi di fisica (due anni di università nella facoltà) per non essere completamente d'accordo su quello che dici. Ci sarebbe da parlarne in maniera diffusa ma credo che sarebbe tedioso e ripetitivo per chi già ha seguito la precedente discussione. Cmq non penso sia magico, ma mi è bastato avere le sensazioni che mi danno "pace" nel gioco per decidere di tenerlo.
    Detto questo è chiaro che ognuno di noi ha la propria impostazione di gioco ed il proprio stile, per cui quello che va bene a me non va bene a te e così via, quindi è chiaro che chiunque riporti la propria esperienza di gioco, sa quello che fa ma non sa quello che fa l'altro. Si vorrei spezzare il ritmo, poter costringere l'avversario ad una palla incerta: non deve essere il colpo della vita però, cioè se entra è punto mio, se sbaglio è il suo. E per avere più sicurezza e contenere i colpi si rinuncia all'efficacia. Poi a sentire i vostri commenti, se con la media non sbagliate mai, sapete gestire ogni tipo di effetto, più vi sbombano e più fate punto mi aspetto che dietro i vostri nick ci siano diversi seconda...
    Io ho avuto in squadra un ottimo difensore che girava spesso la racchetta, ma aveva molto tempo stando distante dal tavolo, impostava il gioco in modo da stare sempre dove doveva stare, ed infatti è stato un bel terza. Ma ho visto in campionato un ragazzo con la media, gioca calmo di rovescio e senza girare niente appena ha l'occasione chiude di dritto ed è 60 d'Italia. Insomma non esiste una regola fissa per esprimere il proprio gioco. So che Ric58 è un gran manico, sa giocare con qualunque cosa abbia in mano (ormai è leggenda) e sa giocare di liscia e puntino indifferentemente di dritto e rovescio, ma è una sua dote e caratteristica e io non sono in grado di farlo, almeno a breve, o forse mai. Per cui conscio di quello che posso e non posso fare sto provando una strada in punta di piedi. Ho sempre giocato tirando top molto carichi sia di dritto che di rovescio, ma di rovescio in particolare, soprattutto durante la fase invernale della stagione, non riesco mai ad essere sufficientemente caldo e disinvolto per tirare sciolto e con movimento corretto. Perdo molti più punti di quelli che faccio nonostante in allenamento sia molto costante. Il mio colpo è il dritto sbracciato, ma se la velocità aumenta le possibilità di sfruttarlo si riducono. Urgeva e urge tuttora una alternativa valida. Non ho ne la possibilità di allenarmi tutti i giorni, ne tanti compagni disponibili in questo periodo a stare in palestra. E tra soli 2 mesi e mezzo si riparte. Devo trovare qualcosa che sia in qualche modo intuibile per le mie competenze e capacità tecniche, non necessariamente "facile", ma sicuramente comprensibile. Al momento sono molto smarrito da questa gomma. Potrebbe essere il telaio che è meno magico di quello che penso o che probabilmente non sia adatto a sfruttare il puntino. Volevo sapere delle differenze tra le gomme proprio per riuscire a leggere tra i vari (ma ne sono arrivati pochi) report un indizio che mi potesse far propendere più per una gomma rispetto ad un'altra. Proprio per questo non ho chiesto "come si gioca col puntino?", non voglio reinventarmi o stravolgere completamente i miei movimenti, ma trovare un materiale che mi permetta di essere capito al punto di trovare soluzioni e movimenti più naturali. Poi ripeto, una stagione ho provato a giocare con la lunga (la Tsp P4) e ho fatto la mia onesta figura (senza rimanere particolarmente soddisfatto), quindi non è impossibile quello che cerco...
     
  19. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    :D

    Prima di tutto quello di @carmelomaf non era un combi ma un telaio che, a detta sua, era elastico quando tirava piano e diventava più rigido quando tirava forte.

    Detto ciò, se come dici, hai una frequentazione con la scienza delle costruzioni saprai che uno strato di carbonio, che sia messo da un lato o da un altro, rispetto alla mezzeria della trave flessa, non puó assolutamente cambiare il grado di flessione (o la freccia se preferisci) oppure la frequenza della vibrazione, una volta sottoposto ad un carico.
    Come ti dicevo sono leggere variazioni di tocco per via della differente durezza dei diversi strati legnosi esterni ma se provi ad invertire le gomme noterai che si tratta di poca cosa.

    Scusa se non sono arrivato in fondo al tuo post ma quando hai scritto:
    " Poi a sentire i vostri commenti, se con la media non sbagliate mai, sapete gestire ogni tipo di effetto, più vi sbombano e più fate punto mi aspetto che dietro i vostri nick ci siano diversi seconda" .. beh allora mi sono fermato.

    Ciao.
     
    Ultima modifica: 7 Giu 2019
  20. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    in effetti è un pò estrema come conclusione, diciamo che sono stati condensati dei concetti estrapolandone solo una certa parte al fine di far emergere una situazione che non rispecchia appieno la realtà.
    io comunque rimarco il mio parere e cioè che contro il puntino (corto o medio che sia) più la pallina viaggia veloce e più la gomma rende; per un gioco di scambio o di difesa sono convinto che bisogna andare su altro.
     
    A eta beta piace questo elemento.
Status Discussione:
ATTENZIONE! - L'ultima risposta a questa discussione ha più di 365 giorni!
Valuta se potrebbe aver senso aprire una nuova discussione sull'argomento o se il tuo intervento possa essere utile ad essa.

Condividi questa Pagina