1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Come farci conoscere!

Discussione in 'Chiacchiere sul Tennis Tavolo' iniziata da 25H, 9 Apr 2019.

  1. 25H

    25H Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    'Sera a tutti, ancora a fare un altro post su questo forum che ormai come il tt è diventato una droga, mi piace informarmici e ogni sera mi perdo a leggere i vostri post.

    Un post molto ricorrente è quello del ''il nostro sport è poco conosciuto in Italia/Non viene preso sul serio/Ci sono pochi tesserati ecc''

    Giocando a TT da un bel po' noto anche io questa ''ignoranza'', in Italia si pensa che il TT sia quel classico ''gioco'' da spiaggia che fai in vacanza, la mia stessa sorella, una persona con una laurea e che ha viaggiato per il mondo (quindi per non farvi capire che stiamo parlando di Pino il benzinaio sotto casa mia, nulla da togliere ai benzinai), quando le dissi di praticare il tennis da tavolo mi rispose ''Ma come, Tennis Tavolo sport? Non è un gioco che fai con gli amici per divertirti? Ormai abituato a questi commenti (che in Friuli-Venezia-Giulia sono piu' contenuti, quando abitavo in Campania la gente sfotteva di piu'), prendo il telefono e le mostro ''Xu Xin The Showman'', ne è rimasta stupita e ha iniziato a interessarsi e a farmi mille domande.

    Quindi, in Italia il TT è molto preso sottogamba, anche dagli stessi allenatori (tranne qualche eccezione), la mia squadra è composta da 2 allenatori, uno che gestisce il tutto che chiameremo PINO e l'altro che aiuta negli allenamenti che chiameremo GINO.

    GINO mette un video su youtube dove viene mostrato il metodo di allenamento ''cinese'', il riscaldamento, come allenare l'esplosività e la memoria muscolare e via dicendo, insomma quei classici video dove vedi un istruttore cinese allenare in contemporanea 200 bambini di 3 anni che ti danno 4 set a 0.

    GINO fiducioso propone anche a noi questo metodo di allenamento, ma prima la parola deve passare l'approvazione di PINO, PINO vede il video e schifato dice un direttissimo ''pfff, no, queste sono cinesate.''.

    Altri casi sono allenatori che dicono che tutte le gomme sono uguali e che non sanno quali materiali usare e ti propongono le racchette della declatonh pre-assemblate, gente che non ha mai visto un video del ITTF con i classici Ma-Long e Timo Boll, l'ignoranza è tanta in Italia, anche tra chi lo sport lo pratica da anni.

    Ecco, ora che abbiamo evidenziato ancora una volta quanto la situazione in Italia sia disastrata, (che hei forse sto esagerando anche io, forse sono davvero sfigato e ho beccato solo tipo o strafottenti degli allenamenti fatti come si deve e poi se vado da altre parti mi trovo allenatori seri e come di giusto), volevo proporvi una mia idea:

    Noto che nonostante gli anni di questo forum la gente continua a scriverci, quindi siete un gruppetto abbastanza attivo sul web, i vostri post mi hanno aiutato di piu' della mia associazione in 8 anni di tennis tavolo, ora questo discorso per parlato mi verrebbe meglio, vi giuro, a scrivere faccio pena, troppi argomenti e troppi concetti e troppe cose da dire, quindi arriverò al punto.

    Dobbiamo puntare sui giovani per questo sport, i giovani stanno mooolto sui social, ve ne parlo da ventenne, noto che gli altri paesi come Giappone, Cina, Svezia e Germania promuovono il TT con i social, il messaggio arriva ai giovani, i giovani si iscrivono alle società, arrivano soldi alle società, la società partecipa a tornei e così l'economia bene o male gira, si la sto dicendo in modo stra-semplificato perchè ci sono mille parentesi dietro, ma solo per non dilungarmi di quanto io già stia facendo.
    I forum come questo, ossia proprio il formato FORUM, no attira piu' di tanto i giovani, ormai siamo abituati ad avere tutto subito, nel forum devi fare un post e aspettare risposte, è una chat a rilento, sarebbe comodo fare una chat telegram con i membri del forum per confrontarsi velocemente e in tempo reale e chiedere pareri e consigli, dico telegram e non wazzappo perchè offre piu'Privacy, non serve dare un numero di telefono per entrare in un gruppo o essere contattati.
    Sarebbe figo promuovere il nostro sport con i social, ad esempio su istagram, quello che è piu' utilizzato al momento, potremmo scambiarci foto sul gruppo mentre si pratica il tennis da tavolo e postarle su istagram con hashtag #tennisavoloitalia #nomedellasocietà/regione ecc, questi sono solo esempi, ma se già in tot membri del gruppo iniziassero a farlo si potrebbe smuovere qualcosa, è gratis promuovere le cose tramite social attraverso una foto, perchè non tentare?

    Ditemi cosa ne pensate, ormai vedendo come siamo messi, non mi sembra una cattiva idea.
     
  2. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    ottima idea.
    poi quando un utente instagram qualsiasi va a provare in palestra, impressionato dal livello di questi cinesi, con la racchetta in prestito in una mano e l'aifon nell'altra, e scopre che non riesce a buttarla di là manco morto perchè non è così facile come sembra, torna a friggersi il cervello con i forum e i social network ovviamente su altri argomenti.
    come in tutti gli sport, la spinta viene dall'alto : quando c'era Tomba tutti sciatori, quando c'erano Cova, Bordin e Pizzolato tutti maratoneti, ciclismo nuoto e scherma tirano sempre perchè ci sono sempre atleti italiani al vertice.
    che poi il tt non emerga per manifesta incapacità degli atleti, degli allenatori o degli scaldapoltrone...se ne è discusso sino alla noia, su questo insulso inutile e vetusto forum.
     
    A njpponjco e Milocco Ettore piace questo messaggio.
  3. emilio68it

    emilio68it Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Emilio Arbasino
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    A.S.D. T.T. Derthona
    Sabato abbiamo festeggiato la festa del Ping Pong in palestra, tanta gente, ragazzi e giovani. Due ragazzi vengono a giocare ieri sera e l'unico che li fa palleggiare sono io. Siamo così noi pongisti, vogliamo incrementare il movimento ma senza sacrificare tempo per allenamento...
     
    A rommel e Milocco Ettore piace questo messaggio.
  4. Luca G.

    Luca G. Utente Attivo

    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    DLF Poggibonsi
    @25H ha ragione, lo spazio sui social è importante, e quello istituzionale non è in grado di attirare i giovani (e neanche i vecchi, possibile che il sito di una federazione sportiva nazionale abbia solo 8000 followers?). Altre pagine Facebook interessanti ci sono (mi vengono in mente "Ping Pong Italia" e "Quelli che al tennis tavolo hanno già dato... danno o devono ancora dare") ma sono scritte da "vecchi" e quindi con un linguaggio diverso da quello che potrebbe attirare i giovani. Quindi sarebbe bello che una pagina Facebook nascesse scritta da giovani e rivolta ai giovani e così una pagina Instagram. Tutto vale, non c'è competizione con il caro vecchio forum, nè con le altre pagine, sarebbe un arricchimento per tutti. Ma chi la gestisce? Gestire un social è un impegno, se tu @25H hai fatto la proposta, dovrebbe stare a te dare il via all'idea!
    E rispetto ai giovani, sono diventato Tecnico di base proprio per loro, e di una cosa mi sono convinto in questo primo anno di allenamenti con i miei 14 bambini: niente è scontato, tutto si evolve, quindi mai sedersi, ma assecondare la crescita dei futuri atleti, perchè lo stile di ieri non è lo stile di domani, le gomme di ieri non sono le gomme di domani, i colpi cambieranno, quindi essere troppo castranti è deleterio. E ricordiamoci sempre che i nostri ragazzi hanno un diritto fondamentale: quello di NON diventare campioni. Formare allo sport persone complete e sane di fisico e di testa, questo l'obiettivo, e il tennis tavolo è uno sport ideale per questo!
     
    A LO YETI, elius, Milocco Ettore e 1 altro utente piace questo messaggio.
  5. luca.franzoso

    luca.franzoso Utente

    Nome e Cognome:
    Luca Franzoso
    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Squadra:
    ASD Tennis Tavolo Lambrugo Rogeno
    Se Montemagno volesse pubblicizzarlo di più, sicuramente potremmo ricevere molte più adesioni.. Se la Federazione gli riconoscesse qualcosa in cambio di ogni nuovo iscritto, sicuramente lo farebbe con più voglia e piacere... L'intervista con Costantini è stata molto interessante, ma adatta solo a chi già pratica il tennis tavolo.
     
  6. 25H

    25H Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Il problema con Montemagno è che viene visto come il ''tipo che ti insegna come sbocciare nel mondo del lavoro''.
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 10 Apr 2019, Data originale: 10 Apr 2019 ---
    Ho letto i vostri commenti, una cosa mi fa rimanere basito, il numero di risposte, ho visto post creati qualche minuto fa con un botto di gente sotto che discute e commenta, questo post che è per promuovere il nostro sport è poco ''cagato'', ragà fatevi sentire! Commentate, date idee e opinioni, se serve creare una pagina la creo, tanto postare qualche foto alla settimana non è chissà quale impegno, se dobbiamo fare un gruppo telegram facciamolo, non aspettiamo i comodi della fitet, agiamo noi per l'amore del nostro sport.
     
  7. Luca G.

    Luca G. Utente Attivo

    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    DLF Poggibonsi
    Tu dici che hai 20 anni, e ti rivolgi qui ai "ragà", ma secondo me ce ne sono pochi che frequentano questo forum. Noi siamo piuttosto tra i 50 e i 60... ecco che siamo tutti con vite strutturate, impegnati e in qualche modo anche stanchi. Sta a te trovare i ventenni con i quali costruire una nuova idea per lanciare il TT, e vedrai che molti di noi vi supporteremo e faremo il possibile, ma coinvolgi i ventenni, o anche i sedicenni, le nuove leve del TT! Questo il mio modesto parere di quasi sessantenne...
     
    A emilio68it piace questo elemento.
  8. 25H

    25H Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Sono del tuo parere ma c'è un MA, ovviamente mi servirebbe qualche foto da postare in pagina come inizio e magari nella descrizione della pagina mettere tutte le palestre in italia per regione dove uno possa allenarsi, e nelle foto inviate da diverse palestre mettere il tag del nome della società e regione, in modo da far capire alla gente che questo sport in italia è giocato in varie regioni e che bene o male dovunque tu ti trova, nord, centro e sud, puoi praticarlo, vorrei creare questo senso di unità.

    Un gruppo telegram mi sembra utile, sono d'accordo col tuo ''abbiamo una certa età e siamo impegnati'', ci mancherebbe, vi chiederei solo quelle volte che andate in associazione per allenarvi o soltanto che guardate un torneo, di inviare le foto/video sul gruppo telegram, poi, tali foto verranno pubblicate sulla pagina istagram (ovviamente col vostro consenso), in poche parole, non è un lavoro dispendioso, si tratta solo i inviare una o due foto quando partecipate a un evento sportivo o semplicemente giocate in società, dobbiamo far vedere che siamo attivi, cosa c'è di meglio delle immagini?
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 10 Apr 2019, Data originale: 10 Apr 2019 ---
    Sempre parlando di Montemagno, si potrebbe linkare anche a lui la pagina, sono sicuro che se l'iniziativa gli piace potrebbe consigliarla in un suo video o farla conoscere.
     
    A Sartori Giovanni piace questo elemento.
  9. luca.franzoso

    luca.franzoso Utente

    Nome e Cognome:
    Luca Franzoso
    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Squadra:
    ASD Tennis Tavolo Lambrugo Rogeno
    Se crei una pagina Telegram io mi unisco volentieri. In più, la squadra dove gioco attualmente ha già una pagina Instagram che si chiama ttvalma . Se volete seguirla intanto..non credo ci sia alcun tipo di problema a condividere le immagini della nostra pagina.
     
  10. Luca G.

    Luca G. Utente Attivo

    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    DLF Poggibonsi
    Fossi in te prima individuerei i possibili collaboratori. Creare una rete di "corrispondenti" sul territorio. Un giovane per società. Io nella mia ne ho uno di 16 anni che potrebbe fare al caso nostro. Inventati una idea carina, tipo: "diventa anche tu reporter del tennistavolo per la pagina XX!" E che il nome sia accattivante !
    E costruisci piano piano questa rete. L'elenco delle società sportive sul sito della Fitet lo trovi, scrivi una bella mail da inviare a tutte chiedendo di metterti in contatto con i giocatori dai 15 ai 25 anni (per esempio). E quindi poi costruisci il ruolo del reporter (magari costruisci un bel badge da mettersi addosso) e a quel punto hai un referente per molte società. Con loro costruisci un contatto su Telegram, e comincia a discutere con loro delle idee migliori per far conoscere il nostro sport. Fate un lavoro di gruppo, e nasceranno belle idee! Insomma, non ti appoggiare sui vecchi, se chiedi ai dirigenti delle società di mandarti foto, avrai solo delusioni. Cambia prospettiva. Questo il mio modesto parere.
     
    A luca.franzoso piace questo elemento.
  11. emilio68it

    emilio68it Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Emilio Arbasino
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    A.S.D. T.T. Derthona
    Chiedi e ti sarà dato, ho fatto mille mila foto della festa del Tennistavolo del 6 aprile, in attesa che la Federazione dica dove pubblicarle...
     
  12. remy

    remy Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Remy Curtaz
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT Coumba Freide
    Tutto molto bello questa cosa dei social, dei like e dei mi piace, non dico che non sia utile ma se manca il resto non si va lontano...la cosa fondamentale a mio parere è che ci va qualcuno che crei o porti avanti una società, magari ne diventi presidente, e poi convochi i direttivi, chieda la palestra, contatti le amministrazioni comunali e regionali, si interfacci con il Coni, la federazione, l'agenzia delle entrate, l'assicurazione, i genitori, le vecchie glorie, gli entusiasti, gli assenteisti...purtroppo per fare qualcosa ed essere in regola ci va una quantità di tempo, energia e passione che dubito molti ventenni di adesso siano in grado di fornire. Anche Costantini e Montemagno non credo abbiano la percezione esatta di quanto lavoro sia necessario oggi per tenere in piedi una società che fa servizio sul territorio. E probabilmente non è neanche il loro obiettivo/compito, giustamente una federazione che in teoria già dovrebbe farlo ce l'abbiamo....

    Ben vengano le iniziative di tipo social, ma se non c'è una realtà pronta ad accogliere i nuovi appassionati ho il fondato dubbio che la passione non duri a lungo
     
  13. luca.dalco

    luca.dalco Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Luca Dal Conte
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Sisport Torino
    E' molto bella questa energia e le intenzioni sono mirabili, attenzione solo all'effetto sbornia.

    Il primo messaggio risale a mezzanotte, leggere poi alle 10.29 che sei basito per l'assenza di risposte denota un'urgenza che può essere vettore di grande energia, ma rischia di consumarsi come un fuoco di paglia alla prima difficoltà.

    Proprio perché si tratta di un argomento decisamente più "pesante" rispetto all'ultimo modello di gomma sul mercato o del colore della pallina, è probabile che chi lo legge abbia bisogno di metabolizzare, pensare e magari stare un po' alla finestra e "vedere di nascosto l'effetto che fa".

    Se nell'ambito sociale, in cui per logica dovremmo partecipare tutti il più attivamente possibile, la maggior parte della popolazione resta passiva, a maggior ragione è fisiologico una partecipazione non plebiscitaria.
    Alcuni non si sentono in grado, sicuramente ci sarà chi è già impegnato a fondo il altri campi ed ambiti, molti sanno di non avere la possibilità oggettiva o temporale, qualcuno magari non lo ritiene necessario e sicuramente una gran parte non ha voglia; di tutto ciò va tenuto in conto.

    Ma di una cosa sono certo, chi si imbarca in un'impresa che sia per il bene collettivo deve aspettarsi una strada tutt'altro che facile, pochi aiuti e purtroppo poca riconoscenza; poi, quando l'idea e il lavoro diventassero qualcosa di valido, riconosciuto ed apprezzato, a quel punto è molto più facile trovare qualcuno che chiede (a volte pretende) un posto sul carro dei vincitori.

    So che il mio "discorso" è tutt'altro che motivante, ma proprio perché apprezzo molto chi si impegna, preferisco fare l'avvocato del diavolo e preparare già a quello che è probabile che accada. Detto questo, chiunque abbia ottenuto qualche cosa di più o meno importante nell'ambito sociale, ha dovuto fare i conti con questi fattori, e le persone che hanno quel "qualcosa in più" (forse sana pazzia), ci sono state e ci sono, e tutti dobbiamo essergliene grati.
     
    A tOppabuchi, paolom, Milocco Ettore e 6 altri utenti piace questo messaggio.
  14. 25H

    25H Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Ho letto tutti i vostri commenti, ho creato il gruppo telegram per consiltarci sul nome della pagina istagram e sulle foto da pubblicare.
    Oggi o domani farò un post a parte con il link alla pagina.

    TT ita
     
    A iTzGuG, luca.dalco, SilvaM95 e 1 altro utente piace questo messaggio.
  15. SilvaM95

    SilvaM95 Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Silvana Macedone
    Categoria Atleta:
    3a Cat.
    Squadra:
    CSI Gozzano Lago d'Orta
    Ciao :)
    faccio parte anche io della categoria dei "ventenni" che frequentano il forum. Dopo anni di tennistavolo, la cosa che ho notato è che il problema, più che attirare la gente, è quello di TRATTENERLA in palestra, un po' come ha scritto @emilio68it .
    Anche perché, brutto di da dirsi, ma molte società fanno grandi proclami dicendo di avere allenatori qualificati che seguono amatori e settore giovanile, ma in realtà spesso non è così: i principianti vengono abbandonati al loro destino e i giovani giocatori bruciati. Molte società sono buone nella promozione, vedo tanti ragazzini che iniziano a giocare, ma poi dopo un anno o 2 si stufano, e uno dei motivi è proprio il fatto che a nessuno interessi seguire i ragazzi in palestra e portarli in giro i tornei. Spesso poi, quando si tratta di società piccole, si assistono a vere e proprie "guerre fra poveri", in cui a causa di litigi stupidi i ragazzi smettono (o cambiano squadra e vanno in una società più grande).
    La soluzione è difficile senz'altro, forse, una delle cose che si potrebbe fare è investire di più sulla formazione di nuovi allenatori, visto che, come già dicevo in un'altra discussione, i corsi sono pochi e vengono annunciati sempre troppo tardi, e ultima cosa, non assegnare ruoli troppo importanti a gente incompetente
    Detto ciò, mi unisco anche io al gruppo telegram sperando nel mio piccolo di riuscire a fare qualcosa :)
     
    A emilio68it e superciuk piace questo messaggio.
  16. emilio68it

    emilio68it Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Emilio Arbasino
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    A.S.D. T.T. Derthona
    In effetti...avercelo un istruttore! Devo dire che in Piemonte qualche tentativo di far viaggiare il tecnico regionale c'è stato. Forse sarebbe bello un tour del tecnico in tutte le società, provincia per provincia, non dovrebbe essere nemmeno troppo difficile.
     
    A SilvaM95 e 25H piace questo messaggio.
  17. Diego Armando

    Diego Armando Utente Attivo

    Il numero dei nostri tesserati, in confronto a quelli di molte altre nazioni, è veramente ridicolo. Avevo sentito che solo una città tedesca avesse più tesserati di tutta Italia.
    La tua idea può essere buona, è sicuramente un tentativo di pubblicizzare il nostro sport, che fuori dal nostro mondo non è proprio conosciuto.
    Oggi se un bambino inizia, anche se ben seguito (ed è già cosa rara), si scoccia, dato che ha pochi avversari, le gare vicine a casa sono poche, ecc. Per me serve una formazione per tecnici e dirigenti.
     
    A Milocco Ettore piace questo elemento.
  18. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO

    Per me serve una formazione per tecnici e dirigenti


    Incominciare da chi? E come? Secondo me hai centrato il punto. Ora comincia lo scaricabarile. Quelli comunque deputati alla formazione dei nuovi Tecnici potrebbero rilanciare :"E perchè non cominciare da quelli che già ci sono e pur formati?".Appunto, formati in che? Uno entra in un gruppo, tipo scolaresca,o altra associazione simile, dove trova i ragazzetti o i giovanissimi per far conoscere ed eventualmente apprezzare la nostra disciplina, che fa?
    da dove comincia? Da solo fa secchio dimostrativo, il" leit motive" della nostra proposta didattica, per 24 ragazzetti che pazienti stanno a guardare di fronte?
    Va bene, qualcuno dirà."Si può sempre dividere il gruppo a metà, o in quattro parti". Benissimo! Ma è possibile adattare, dove e quando?, le esigenze organizzative, tempi ed orario, di un gruppo precostituito che non ha come unica finalità esclusiva solo il ping pong, al nostro modo abituale di fare e concepire un'ora di insegnamento o semplice avvicinamento al gioco delle racchette su un tavolo?
    La didattica attuale, quella che conosciamo dai nostri Corsi, è così congegnata e pensata solo per quelli che "sponte loro" vengono già nelle nostre palestre,
    non certo per quei ragazzi che ,pazientemente dobbiamo avvicinare e cercare di convincere circa la bontà e la bellezza del nostro Sport.Problema che le altre Associazioni sportive hanno già affrontato e, con risultati alla mano, in parte risolto.Certo, non tutto tutto il problema, anche qui dipende dall'organizzazione e dalla qualità del servizio offerto.Che comunque ha un costo,ma anche un ricavo se la cosa funziona. Per ora i Tecnici giovanili sono ben pochi, troppo pochi per far fronte ad un eventuale, improvviso e consistente aumento di giovani in palestra. Una soluzione alternativa?Andare verso un "Pool" di tecnici regionali, con specializzazione specifica in ambito giovanile,soprattutto motivatori, un gruppo di 3 o 4 che si muove assieme sul territorio, si presenta e opera laddove si prospettano,in collaborazione con l'Associazione pongistica locale, le migliori possibilità di crescita per il nostro Sport. Certo ci deve essere sempre una disponibilità a collaborare e interagire anche all'interno delle singole Società, dove si vuol coltivare un minimo movimento giovanile. E il lavoro in questo caso non manca,......assieme alle soddisfazioni che verranno in seguito. Altrimenti sorge il solito quesito:"Ma perchè guardano me?devo farlo sempre io?". E il gioco dello scaricabarile continua.

    ettore

     
  19. Mr. Hero

    Mr. Hero Retinologo

    Nome e Cognome:
    ジョン
    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Squadra:
    hell's tt
    Dai 6 anni in su tutti conoscono il ping pong.., il 70% (nonostante l'impegno) non oltrepasserà mai la 5° categoria, oltre la c1 moltissimi dovranno pagare per lezioni con qualche "grande ex" per riuscire a progredire (genitori permettendo), non ultimo .. se non si ha una società con i controcogl.... vicinissimo a casa, la cosa durerà poco, i giovani dovranno avere il massimo supporto dei genitori, ma dopo i 14 anni .. vi sono altri interessi .. molto più stimolanti ed irrefrenabili ..., a molti non piace praticare sport rinchiusi in una palestra, tutto l'anno ...
     
    A njpponjco piace questo elemento.
  20. iTzGuG

    iTzGuG Utente

    Nome e Cognome:
    Guglielmo Di Grazia
    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Squadra:
    Tennis Tavolo Pistoia
    Io faccio parte degli under 18, e vi voglio dire che innanzitutto il tennis tavolo, tra la gente della mia età, è concepito come un divertimento, non tanto uno sport. Intendo che, per esempio, andiamo a casa di X, mangiamo, chiacchieriamo, si gioca a calcio, mettiamo la musica e magari si gioca a ping pong su un tavolo improvvisato e due racchette della decathlon, e ci si diverte un casino.
    Il calcio è diventato popolare anche perché basta avere un pallone e un compagno e puoi giocare e divertirti, e *bene o male chiunque, alla mia età, sa giocare a calcio*. Lo stesso vale per il basket, la pallavolo ecc.
    Mentre sono poche le persone che riescono a fare 4-5 palleggi di fila a ping pong, non ci si diverte e quindi non si gioca.
    Secondo me dovrebbe esserci un maggior interesse nel tennis tavolo da parte delle scuole: non a caso calcio, basket, pallavolo ecc. sono praticati come sport fissi nelle ore di educazione fisica e così la gente ha modo di fare, anche se "obbligata", un minimo di pratica e quindi poter dire "ehi fra, non ci s'ha un ***** da fare, si va al campino a gioca' a calcio/basket ecc.?" perché tutti hanno le basi e anche con quel poco giocando ci si diverte.
    Mentre il tennis tavolo, a scuola, non viene praticamente mai praticato, i ragazzi non hanno modo di capire e acquisire le basi, il "andare il palestra a giocare a ping pong" non viene quasi mai preso in considerazione e quindi le persone con cui puoi giocare a ping pong divertendoti rimangono poche.
    (Io parlo in maniera generica, per me il tennis tavolo è più di uno sport e non è quello che fai con gli amici sulla spiaggia, ma l'opinione di tutti è quella)
     
    A Diego Armando e Milocco Ettore piace questo messaggio.

Condividi questa Pagina