1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Cercasi 1a o 2a categoria: offro lauto ingaggio

Discussione in 'Comunicazioni, News, Dubbi, Commenti e Lamentele' iniziata da off-ready, 24 Mar 2021.

  1. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    E se anche....
    ...sì,in città, e non in tutte, è più facile raccogliere in un unico centro-"serbatoio" ravvicinato i giovani sparsi un po'ovunque,stante anche la penuria di larghi spazi all'aperto, ove convogliare e far praticare altri sport più conosciuti.In paesi o centri piccoli normalmente avviene l'incontrario,c'è abbondanza di campi da gioco in cui ci si ritrova al pomeriggio in gran numero e senza bisogno del custode che apra il portone.Ne consegue che è più difficile costruire e poi conservare gruppi giovanili affiatati,lo zoccolo duro che rimpiazzerà e rafforzerà le squadre del futuro.Ragion per cui molte A.D.S. preferiscono o gli è più facile inserire qualche 3a nei Campionati regionali,o provinciali,che pensare ai giovani e ad una qualsivoglia programmazione per il domani.Detto in maccheronico:"Prima magnari,deinde filosafari".Che già così del futuro...
    ettore
     
  2. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    si, succedeva
    un altro bacino da cui attingevo era la classifica dei fuori quadro, da una quindicina di telefonate 3 o 4 li agguantavo e in genere per un paio era l'occasione per ricominciare, tipico "boia deh! sai quant'è che ci pensavo, hai fatto bene. O che gomme ci sono ora? le mie sono imporrite"
     
    A Max e Milocco Ettore piace questo messaggio.
  3. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    ...è proprio così..
    una volta che uno conosce e pratica un po' il nostro sport,come fa a trascurarlo,per poi staccarsene del tutto?
    E' la dimostrazione che basterebbe poco per incentivare ancor più partecipazione nelle giovani leve e poi trovare adeguate riserve e rinfocolare il nostro movimento giovanile.E comunque senza rinunciare ai seniores,quelli che in definitiva pagano per intero la retta d'iscrizione e ritornano pure(Detto tra noi,ma in silenzio,senza che si sappia troppo in giro:"E pare che "rompano" ancor di meno,per cui...).
    ettore
     
  4. Chicco

    Chicco superiperappassionato

    Nome e Cognome:
    eric
    Squadra:
    TTBiella
    Questa di atleti di "livello " che giocano o fanno qualche partita in campionati cosiddetti " inferiori" la sento da decenni.... negli anni ho visto anche stocere il naso per una società che .catapultata in serie A ,giocava con dei quarta categoria.... e allora? qualcuno si era lamentato che erano troppo deboli? embeh? sia ben chiaro che il Campionato a Squadre è un Campionato DI SOCIETA' e non un campionato individuale di categoria. (qualsiasi ... per età, per livello).
    Indicosciapercui non vedo perchè mettere troppi paletti alla diponibilità di utilizzo del proprio parco giocatori . le asd sicuramente più avvantaggiate saranio quelle meglio strutturate e con ampio organico e questo avviene in tutti gli sport. Che poi ci siano delle autolimitazioni dovute a orgoglio personale e altro, questa è una questione solo personale di ognuno , ma non può esser della società.
    Ho dovuto soccombere accettando anche il verdetto di un forte seconda che ha giocato in C2 perchè la sua società voleva (e poteva) salire nella categ superiore.... e allora ? è la società che decide non i giocatori.
    Inoltre che succede quando ,come capita in questo o il prox anno sportivo che dalle nostre costole si è formata una nuova società con alcuni atleti che ,dovendo cominciare dalla D3 saranno sicuramente completamente fuori categoria rispetto al parco giocatori di quel campionato.... che si fa, si cambiano le regole per adattarle ad ogni situazione o capriccio? è la società ,quella che salirà di categoria, non i giocatori.
    Ovviare a ciò? Beh in questo caso vedo bene campionati di sola andata e passaggio diretto alla categoria superiore delle prime due (nel 90 % dei casi sono le quelle che mantengono il primato anche dopo la fine del ritorno) o anche solo della prima ( tanto la società ha comunque fatto una squadra per salire).
    il ritorno lo si fa inserendo l'ultima del girone della categ direttamente superiore (che comunque non sarebbe stata all'altezza di quel livello)
    così avremmo una "parvenza " di omogeneità di forze in campo e un dispendio dimezzato di risorse per le società nel momento in cui decidano il "grande salto"
     
  5. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    In effetti qualcuno si è lamentato, perchè il "problema" dei 4a ctg in serie A è stato risolto con una regola simile, ma inversa, a quella che vorrei introdurre io: possono giocare in serie A solo 1a, 2a e 3a ctg. Limitazioni simili sono state introdotte nei campionati femminili.
    Come vedi quindi, nonostante si tratti di campionati a squadre, è del tutto normale introdurre paletti di categoria.

    Lasciare alle società le decisioni significa non avere una linea di politica sportiva, una direzione, che non può tener conto dei singoli casi (la formazione di una nuova società come nell'esempio che fai tu, oppure il legittimo desiderio di vincere il campionato inserendo un giocatore di alta categoria).

    Attualmente la politica sportiva federale prevede una limitazione per i campionati di alto livello, quindi qualcuno ha avuto la "visione" di salvaguardare la qualità delle serie alte, mentre per i campionati di basso livello la "visione" è quella del "libero mercato", in cui ognuno può fare quello che gli pare.
     
    A Milocco Ettore piace questo elemento.
  6. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Pier, ascolta, se vai nella funzione "cerca" vedrai che il tema è stato ampiamente dibattuto, che io stesso ho stilato una griglia categorie/campionati, e l'ho fatto quando la partecipazione del forum era più numerosa e qualificata.. ma alla fine ho dovuto piegarmi alla logica dei numeri.

    Voglio dire che se avessimo un movimento molto più strutturato e partecipato, tipo Francia e Germania, con Società con centinaia di tesserati, si potrebbe e dovrebbe fare.

    Ma in Italia sembra velleitario anche solo proporlo.
     
    A musicalle piace questo elemento.
  7. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Grazie, darò un'occhiata volentieri.

    La quantità e qualità di partecipazione a uno strumento informale come il forum (o i gruppi di Facebook) sono utili per misurare gli "umori" di una nicchia molto limitata di pongisti, ma sono inutili in termini politici, perchè le modifiche regolamentari richiedono un consenso verificabile (per esempio raccogliendo firme su una proposta specifica) e soprattutto una paziente e costante pressione:muro: sugli organismi decisionali (Bat tester docet;)).

    Sui social invece la gente sta pochi minuti (spesso pochi secondi) sul "pezzo", limitando al minimo impegno e fatica; infatti i risultati di tante chiacchiere, anche in termini elettorali, sono scarsi.
     
    A eta beta piace questo elemento.
  8. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Certo. Ma bisogna anche capire quando non c'è trippa per gatti.
     
    A off-ready piace questo elemento.
  9. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Questo è il vero problema, che non si risolve pensando che il rispettabile parere di quattro gatti, autoreferenziale, dia valore alla trippa...
     
  10. Chicco

    Chicco superiperappassionato

    Nome e Cognome:
    eric
    Squadra:
    TTBiella
    fuori tema .... Pasqua è oggi la trippa a pranzo è un pò troppo....:p:):D:D:D
     
    A off-ready piace questo elemento.
  11. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Ebbene,non ce l'abbiamo un movimento così, con più squadre imperniate sui giovani e che possano combattere con avversari di pari valore,almeno agli inizi di carriera.E' senza dubbio un elemento di estremo sfavore,diciamo trascurato, che non aiuta chi si avvicina al nostro sport.Pensiamo ad un genitore poco conoscitore della nostra disciplina e delle sue problematiche,che accompagni il proprio pargolo alle prime partite e che debba incontrare,come spesso succede atleti ben più smaliziati e avanti in età,con batoste anche inenarrabili che ne conseguono.Di questo si parla,come reagiranno genitori e loro figli?Saranno essi ancor più motivati a proseguire in questa nostra attività? Beh sì,conosco anch'io dei ragazzini,in realtà solo due,fratelli o comunque parenti fra di loro, che all'età di 7-8 anni hanno ben imparato già in casa a fare top e controtop e adesso sotto la guida di istruttori molto qualificati sono in grado di gareggiare con i normali 4a e talvolta di esibire un tennis tavolo persin troppo veloce per un terza,diciamo un po' in disarmo.E non hanno paura di misurarsi con loro,con chiunque,che anzi..Ciò,indubbiamente farà contenti ambito familiare e Società di appartenenza,giusto ma...
    La situazione generale,come sappiamo tutti, è ben diversa,venendo a mancare già dai primi passi la possibilità di misurarsi con i pari categoria nel gioco,onde poter fare graduali miglioramenti nel tempo e quindi cali di motivazione e rinunce ,anche per la poca spinta in casa e familiare in genere a continuare.Tradotto significa per noi ridotta o quasi nulla possibilità di formare gruppi giovanili affiatati e poi lo zoccolo duro di squadre che rimangono nel tempo.Ci giochiamo in pratica una buona fetta di motivazioni,che servono a progredire e nel tempo a continuare.
    Qualcuno dirà :"E noi che ci possiamo fare?Non è sempre stato così?".Numeri e statistiche....Può essere
    e qui ci dividiamo fra coloro che accettano a priori la situazione immobile,quella che è...e altri che pongono il problema di una troppo disarmante disparità nei primi Tornei base provinciali,cercando alcune possibili soluzioni in divenire, nella piega dei Regolamenti...,che poi non accontenterà sicuramente gli altri ,i quali preferiscono non discutere neppure.E allora?Niente e nulla cambierà?
    Vediamo cosa han fatto gli altri sport con problematiche simili al nostro.Prendiamo ad esempio la ginnastica ritmica,sport versatile e molto popolare fra le ragazzine.Io me le ricordo qualche decina di anni fa quando il primo gruppo intimidito e sparuto si affacciava nella nostra stessa palestrina ,dove tutte facevano un po' di tutto,sotto la guida della loro unica insegnante.Nel frattempo tale disciplina s'è arricchita di contenuti,di varianti,di gare,individuali e societarie,di vari attrezzi in particolare.C'era una ragazzina non particolarmente dotata e portata con l'uso delle clavette?ebbene perchè non provare con le strisce o con la palla?Ecco che in breve s'è costituito un gruppo che predilige il gioco della palla e un altro che si esibisce con i cerchi e un altro ancora che ..nel frattempo ,epidemia a parte,le insegnanti e i gruppi si sono moltiplicati,non so neppure quanti 6-7,riempiendo praticamente tutto l'orario della palestrina nostra e cominciando ad essere presente anche in un altro palazzetto vicino.Sport invero per tutti,con mamme entusiaste e sempre presenti davvero.
    Se vogliamo molte discipline sportive si sono arricchite di innumerevoli variazioni sul tema con introduzione di sempre nuove specialità e dando ampio spazio a tutte/tutti.Dal nuoto,agli sport invernali,
    sci paralleli,con varie esibizioni e attrazioni,con medaglie, coppe e spettacolo ben distribuiti.
    Ora prendiamo pure atto che il nostro tennistavolo è sport complesso e fascinoso,dove il ragazzino può in certi casi sfidare l'adulto,ma altrettanto difficile perchè poi alla medaglia vera ci arriva uno solamente,o al massimo la squadra vincitrice.Ma non possiamo fare nulla per diversificarlo almeno un po' a cominciare dalla e nella pratica giovanile?Qui alcune proposte,sempre in tema e quindi niente corse ad ostacoli o lancio del pallone Harris come visto fare in recenti giochi della Gioventù scolastici:
    a)preliminari per scegliere le teste di serie dopo aver svolto una gara di solo battute a punteggio con obiettivi numerici diversificati sul tavolo;
    b)gara di resistenza,semplice palleggio difensivo sul tavolo anche di solo rovescio;
    c)come sopra,ma effettuato con entrambi i lati della racchetta,anche alternati;
    d)scambio di dritto eseguito almeno tre volte,poi s'inizia a contare il punteggio con gioco libero;
    e)scambio di rovescio e poi come sopra gioco libero,
    f)gioco corto su tavolo,quello vicino alla rete,per intenderci se la sfera rimbalza una sola volta sul tavolo il colpo non è valido, e sempre alternando i lati della racchetta con cui colpire la palla
    g)...
    h)...altre idee sempre possibili e migliorative che vadano incontro ai ragazzi,alla loro età e desiderio di essere co/protagonisti,possibilità di ben figurare e scoprire un po' alla volta i lati tecnici e i misteri del nostro sport,dimostrando fin da subito le loro immense ,ma ancor inespresse abiltà,in definitiva dare più spazio e tempo a loro,con ricaduta positiva su amici e famigliari accompagnatori.
    Gli altri sport ci sono arrivati...Da noi, almeno per alcuni :" sembra velleitario solo proporlo
    (...il cambiamento...sic!)",preferiscono cioè lasciare il tennis tavolo fermo e immobile come lo era l'altro secolo. Laddove ,invece qualcosa bisognerà pur provare a modificare,se si vuol andare incontro ai ragazzi d'oggi e ambire ad un rinnovamento sempre più necessario,oltre le proposte TTX e misure modificate ai tavoli da gioco.
    ettore
     
  12. T__T-Rex

    T__T-Rex il T-Rex s'è mangiato le scarpe di Timo Boll

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASD Polisportiva La Potentina
    Domanda: qual è il lauto ingaggio?
    Perché già qui c'è un dettaglio che dovrebbe aiutare a capire di cosa stiamo parlando.
    Il lauto ingaggio è nell'ordine delle decine delle migliaia di euro? Non credo.
    E allora, se oggi, nel TT, è possibile ingaggiare dei prima e seconda, quindi i top players nazionali, per cifre con cui si ingaggia una band musicale che fa cover di questo o quell'artista, come si può pensare di voler mettere poi dei paletti per chi gioca solo per la gloria?
    Se si stesse parlando di compensi importanti, di soldini che girano, la faccenda sarebbe automaticamente risolta: nessuno si sognerebbe di mettere in C2 dei terza, pagarli profumatamente, rischiare infortuni o qualsiasi altra cosa, per poi schierarli nel campionato giusto.
    Prendiamone atto, i compensi nel nostro sport sono sì e no rimborsi spese e finchè tali rimarranno sarà difficile evitare "ascensori" fra campionati, limitarli significherebbe limitare il nostro sport.
    La contraddizione è proprio nel titolo: poter pensare di schierare prima e seconda in una fase di Coppa Italia regionale significa sapere che ci sono prima e seconda che non hanno ancora giocato, che si "fitterebbero" con una manciata di soldini e che questo sport è veramente ko!
     
  13. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Che il tennistavolo non sia una fonte di arricchimento è un dato di fatto e la cosa non mi dispiace affatto, dato che io e i miei compagni non abbiamo mai preso una lira neanche quando siamo arrivati in A2: si tratta di un punto di vista personale, che non pretendo sia condiviso.

    Che il Regolamento consenta di schierare giocatori di livello molto diverso in un torneo a squadre è un altro dato di fatto, che a me non piace: si tratta di un punto di vista personale, che qualcuno condivide, per cui proporrò una modifica regolamentare.

    Esiste già una norma di "equilibrio": possono giocare in serie A solo 1a, 2a e 3a ctg (limitazioni simili sono state introdotte anche nei campionati femminili). Quindi il blocco degli "ascensori" fra campionati è già stato utilizzato per evitare squilibri competititvi, con l'intento di salvaguardare la qualità del gioco e nessuno ha pensato che fose un modo per limitare il nostro sport. Introdurre paletti inversi avrebbe la stessa funzione: evitare eccessivi squilibri competitivi
     
  14. T__T-Rex

    T__T-Rex il T-Rex s'è mangiato le scarpe di Timo Boll

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASD Polisportiva La Potentina
    Il fatto che si giochi in A2 senza compenso fa onore a chi lo fa, non fa onore a quello che è uno sport olimpionico. A questo punto fra me, finto quinta, che gioco in C2, ed un dilettante che giochi in A2, la differenza è in una classifica basata su criteri, per giunta, già criticati in lungo ed in largo.
    Allora, mi chiedo, cosa differenzia davvero un terza da un quarta?
    Il tocco? L'esperienza? O forse la qualità di allenamento?
    Perché se poi si scopre che quest'ultima è una dirimente, il prossimo passaggio sarà proibire determinati campionati a chi si allena di più. Ops, non è un prossimo passaggio, visto che qui da noi sembra proprio che uno dei motivi per cui non si giochi la C2 è il possibile divario fra chi ha potuto allenarsi e chi no...
     
  15. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    se 5 amici, due quarte e tre buone quinte decidono di fondare una nuova società (cosa successa a me) che si fa?
    1) partono dalla d3 vincendo facilmente quella e la d2 successiva?
    2) li ammetti di diritto almeno in d1? e a giudizio di chi e a scapito di chi altro?
    3) gli dici di cercarsi squadre in giro, che però non ci sono e quelli smettono e la nuova società (che oggi c'è e magari nel suo piccolo fa pure proselitismo) non si crea?
    in uno sport dilettantistico io credo di avere il diritto di giocare dove mi piace e con persone che mi piacciono.
    diverso e antipatico il discorso di giocare la prima/seconda giornata, es., in d1 e poi scalare in c1 come da programmazione societaria
    a nostro modesto parere

    [​IMG]
     
    Ultima modifica: 6 Apr 2021 alle 11:01
    A Milocco Ettore e elius piace questo messaggio.
  16. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    4 mici...
    ...eravamo 4 amici,fors'anche al (Roxi) bar...o siamo 4 gatti?per giunta fuori e ancor senza palestra?
    ettore
     
  17. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    4 gatti
     
  18. genioboy

    genioboy Mille e 1 notte...insonne

    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Non so cosa preveda il regolamento, ma ogni anno mi capita di vedere diverse squadre che hanno il diritto di partecipare a categorie superiori che rinunciano e vengono sostituite da altre che senza meriti prendono il loro posto. Da voi non succede?
    Era per dire che una squadra cui non va bene ad es. la D3 non è detto che sia costretta a fare solo questa categoria.
     
    A off-ready piace questo elemento.
  19. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    succede ma non tantissimo e penso vengano sostituite da squadre di società che ne hanno fatto richiesta, con priorità legata alla partecipazione e alla classifica del campionato appena finito, non alla classifica individuale degli ipotetici componenti della squadra
    comunque qui si propongono ed ipotizzano :hail:regole e paletti che impediscano e non costringano, la partecipazione a campionati bassi
     
    Ultima modifica: 6 Apr 2021 alle 14:07
  20. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Il concetto di onore è molto soggettivo già di per sè, figuriamoci in ambito sportivo, ma rischieremmo di fare filosofia e qui il punto è un altro, cioè quello di evitare risultati scontati.

    Nove volte su dieci un terza batte un quarta, quindi le classifiche rispecchiano le differenze in campo e se qualcuno ha una classifica che non rispecchia il suo reale valore si tratta della classica rondine che non fa primavera.
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 6 Apr 2021 alle 14:53, Data originale: 6 Apr 2021 alle 14:46 ---
    I casi particolari non fanno testo e comunque quello che descrivi tu si risolverebbe chiedendo (o comprando) una C2, come descrive @genioboy.

    Il diritto del singolo di giocare dove e con chi gli piace (identico al diritto di giocare nella stessa stagione in due campionati diversi), si scontra con il diritto più generale di avere campionati equilibrati, se questo viene giudicato nell'interesse dello sport.

    Al di là dei nostri modesti e rispettabili pareri, sono le decisioni di politica sportiva quelle che stabiliscono diritti e doveri
     

Condividi questa Pagina