1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Le attività FITeT non devono partire a novembre

Discussione in 'Sezione Nazionale' iniziata da bvzm71, 23 Ott 2020.

  1. Chicco

    Chicco superiperappassionato

    Nome e Cognome:
    eric
    Squadra:
    TTBiella
    sottile polemica. Ormai son convinto che tutti quanti prima o poi verremo a contatto col virus è solo questione di tempo. E non serve a nulla cercare capri espiatori ,il comportamento delle persone è l' unica causa di un diffondersi più o meno velocemente del problema. Le decisioni le prendono facendo errori in buona fede ma la responsabilità è di tutti noi.
     
    A tOppabuchi, Tsunami!, Sartori Giovanni e 2 altri utenti piace questo messaggio.
  2. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Sottile anche l'analisi, fondata su due assunti apparentemente contrastanti: da un lato la convinzione irrazionale e fatalista (prima o poi toccherà a tutti), dall'altro il richiamo razionale alla responsabilità individuale. Stasera avrò materiale interessante su cui riflettere prima di addormentarmi...
     
  3. tOppabuchi

    tOppabuchi misantro-pong

    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Non che ci sia molto da riflettere, secondo me.
    Toccherà a tutti perché ci sono troppi irresponsabili.
    E tu puoi fare attenzione finché vuoi, se ci sono ancora di questi ******* in giro che minimizzano il problema e si comportano come se nulla fosse.
     
    A demonxsd e Tsunami! piace questo messaggio.
  4. cucciolo

    cucciolo Utente Attivo

    le palestre scolastiche sono chiuse da marzo e solo pochissime sono state concesse alle società ed è per questo che hanno sospeso i campionati ed i tamponi non c'entrano nulla. Poi adesso le palestre sono tutte chiuse e mi sembra che ogni attività al chiuso sia proibita quindi di che cosa stete parlando
     
    A Tsunami!, tOppabuchi e demonxsd piace questo messaggio.
  5. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    ...di che cosa state parlando...
    "VORREI, MA NON POSSO...",
    come dire "Mi piacerebbe,ma.. "..
    ettore
     
  6. tOppabuchi

    tOppabuchi misantro-pong

    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Ma poi... i ragazzi che frequentano la scuola non stanno frequentando le LORO palestre.
    Spiegatemi voi se ha senso quindi che un preside faccia allenare e dia il consenso ad utilizzare le palestre ad una società esterna in questo momento.
    Ma nemmeno il più imbecille dei presidi, si andrebbe a prendere questa responsabilità.
     
    A Tsunami! piace questo elemento.
  7. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Dal sondaggio fitet risulta che sono chiuse circa il 40% delle palestre, per cui nel restante 60% i tesserati possono regolarmente giocare, perchè il CONI ha confermato che i tesserati del tennistavolo possono allenarsi Aggiornamento attività in base al DPCM del 3 novembre 2020
     
    A demonxsd piace questo elemento.
  8. genioboy

    genioboy Mille e 1 notte...insonne

    Qualifica Tecnico:
    Nessuna Qualifica
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Potrebbero giocare, ma dopo i successivi DPCM con introduzione del coprifuoco e limitazione agli spostamenti in alcune regioni, il numero di quelli che praticano si sarà ridotto ulteriormente.

    Secondo me l'essere favorevoli a giocare non vuole dire necessariamente che ci sia l'intento di minimizzare l'epidemia. Ad esempio c'è una letteratura scientifica che abbonda sul tema del rafforzamento del sistema immunitario indotto dal praticare dello sport. Uno potrebbe obiettare che sarebbe meglio praticare sport da soli in questo momento, ma siamo sicuri che tutti quelli che non possono andare in palestra in questo momento stiano sudando e consumando calorie con la stessa intensità facendo qualcos'altro individualmente? Lo sport ormai è "chiuso", mentre le tabaccherie sono aperte: possiamo dire che possono esserci altre opinioni e modi per per affrontare il problema della salvaguardia della salute rispetto a quelli proposti, oppure no? Chi non è d'accordo in toto con le misure attuali, ma rispetta comunque la legge, è da considerare un nichilista?
     
    A remy, off-ready e Milocco Ettore piace questo messaggio.
  9. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    in effetti è proprio una questione di tempi, ammesso e non concesso che prima o poi tutti..., il problema sta nel non prenderlo tutti insieme perchè altrimenti il nostro sistema sanitario collassa e moriamo per non poter essere curati adeguatamente.
    e non credo si possa fare affidamento sul comportamento delle persone, non occorreva una laurea per capire che discoteche, movida ecc... era l'occasione ideale per far ripartire il virus però...
    e una volta resisi conto di questo ancora non occorreva una laurea per capire che le scuole, con quello che si tirano dietro, non potevano ripartire (asili e elementari a parte)
    infine, ma siamo sicuri che i soldi del mes, ad esempio in calabria, non sarebbero serviti, ammesso che ci fosse stato qualcuno che non fosse commissario al sistema sanitario "a sua insaputa"
     
    Ultima modifica: 8 Nov 2020
    A off-ready e Tsunami! piace questo messaggio.
  10. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    esattamente, e come persone dotate di un minimo di intelletto dovremmo cercare di evitare che questo succeda rinunciando a tutte quelle attività ed evitando le situazioni di potenziale pericolo, senza che ce lo venga a dire in tv uno seduto alla scrivania con due bandiere alle spalle ed una mascherina sul viso o tanto peggio un pdf pieno di buchi peggio di una rete da pescatore.
    detto questo mi sono stufato di ripetere sempre le stesse cose e visto che non si può andare in palestra esco a correre, così come faccio da quasi 40 anni; dove non so, sul dpcm non è specificato fin dove mi posso spingere : io mi spingo nei boschi, se c'è qualche vigile che mi ferma tornerò indietro.
     
    A Milocco Ettore e tOppabuchi piace questo messaggio.
  11. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    certo, purtroppo sembrava che non andare a ballare o farsi un aperitivo fosse una tragedia...
    ho sentito qualcuno dire "generazioni devastate..."
    mio nonno classe 1895 a 20 anni era in trincea sul carso
    mio babbo classe 1920 nel '43 stava a cefalonia con la div.acqui
    e questi erano "devastati" per un paio di mesi in casa con tv pc cellulari e perchè no, libri??!!

    quasi quasi do ragione a deluca con i suoi lanciafiamme
     
    A demonxsd, Tsunami! e tOppabuchi piace questo messaggio.
  12. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Sento odore di anzianità in questi post...mio mamma quando dicevo che non mi piaceva il minestrone mi ricordava che quand'era bambina pativa la fame e mio papà quando volevo tenere i capelli lunghi mi diceva che era roba da drogati...

    I tempi (e i valori) cambiano, c'è chi ritiene indispensabile andare a Messa, chi andare dal parrucchiere, chi giocare a ping pong (ovviamente rispettando i rispettivi protocolli di sicurezza): chi siamo noi per giudicare?(cit. Bergoglio...)
     
    A demonxsd piace questo elemento.
  13. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    tutto è relativo... ma fino a un certo punto
    mi pare evidente che in discoteca e in autobus pieni non si riesce a rispettare i protocolli però la discoteca non è necessaria, l'autobus si
     
    A demonxsd piace questo elemento.
  14. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Ecco, è proprio su questo punto, del tutto soggettivo, che nascono i conflitti, non solo quelli generazionali.

    Per mio papà ad esempio, il punto lo definiva una persona ben precisa (il Duce) che risparmiava a lui e a tanti altri la fatica di pensare e discutere dove e come "fissare il punto": lui in effetti si è sempre trovato a disagio con il relativismo...
     
    A VUAAZ piace questo elemento.
  15. tOppabuchi

    tOppabuchi misantro-pong

    Categoria Atleta:
    Promozionale
    “Giudichiamo” con buonsenso.
    Quel che può essere indispensabile per il singolo può essere un male per la società...e quindi va regolamentato per il bene comune.
    Se in situazioni di emergenza si pensa al proprio orticello non se ne esce, non dovrebbe essere difficile da capire.

    Un altro che aveva delle necessità, che riteneva necessario fare quel che faceva era Dahmer. A sentir lui non poteva farne a meno...eppure lo hanno fermato.
    Incompetenti e fascisti, proprio.
     
    A VUAAZ piace questo elemento.
  16. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Anche il buonsenso è del tutto soggettivo, per questo esistono le leggi, che definiscono cos'è o non è bene comune
     
  17. tOppabuchi

    tOppabuchi misantro-pong

    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Ci fosse buonsenso, non servirebbero alcune restrizioni.
    Ci fosse buonsenso, non esisterebbero i capricci.

    Invece ci troviamo con le restrizioni...ed a dover discutere con persone capricciose che battono i piedi perché non capiscono che è tutto correlato.
     
    A andreco88, senigallia e VUAAZ piace questo messaggio.
  18. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    in un mondo ideale non servirebbero neppure leggi, che peraltro sono decisioni soggettive prese da singoli individui e valide per tutti indistintamente.
     
    A tOppabuchi piace questo elemento.
  19. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Troviamo che siano di buon senso soltanto le persone che la pensano come noi (cit FRANCOIS DE LA ROCHEFOUCAULD)
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 8 Nov 2020, Data originale: 8 Nov 2020 ---
    Mi permetto di aggiungere che le "decisioni soggettive prese da singoli individui e valide per tutti indistintamente" sono molto diverse quando sono prese da singoli individui nei regimi dittatoriali, rispetto a quelle prese da singoli individui (più spesso gruppi di individui) nei regimi democratici. In genere quelli che hanno teorizzato un mondo senza leggi ci hanno propinato le maggiori fregature...
     
    A eta beta piace questo elemento.
  20. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    a me pare ci sia profonda differenza tra
    chi rischia la salute propria ma soprattutto la salute altrui perchè non può rinunciare alla discoteca e all'aperitivo
    e chi lo fa perchè suo malgrado deve prendere un autobus, non per colpa sua affollato, per andare a lavorare
    il resto son seghe mentali
     
    A andreco88, cucciolo, Tsunami! e 2 altri utenti piace questo messaggio.

Condividi questa Pagina