1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

IL BOOSTER E' TOSSICO!!!

Discussione in 'Regole e Regolamenti' iniziata da off-ready, 18 Dic 2020.

  1. Max

    Max Utente Noto

    Squadra:
    TT Aquile Azzurre - Milano
    Ettore, te scherzi, ma lo sai che una trentina d'anni fa con i miei compagni d'allenamento a Prato, con i set a 21, quando giocavamo le partitelle a fine serata avevamo introdotto una regola per cui il punto fatto di spigolo o retina valeva 2? In sè era una minchiata, OK, ma ti assicuro che verso fine set, soprattutto se quest'ultimo era equilibrato, l'adrenalina saliva non di poco ed eravamo incentivati a rischiare tirando vicino alle righe per fare il punto doppio.
     
    A Milocco Ettore piace questo elemento.
  2. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    vi dico la mia in ordine sparso

    per giocare da fermo ci vuole più braccio, più polso e sensibilità e non meno

    se sono fermo e non arrivo a bloccare (come per qualsiasi altra giocata), non ci arrivo nè di lp nè di liscia

    se arrivo a bloccare non mi interessa una lp vetrificata dove il secondo top non lo tiri e palleggi e siamo daccapo, meglio se puoi doppiare e doppi e triplichi, sono contento, alla fine il punto lo faccio io

    il blocco di liscia è più facile che di lp in quanto fa parabola e tende a "entrare" mentre il blocco di lp disegna la traettoria contraria e tende ad "allungare" e uscire

    il blocco di liscia è più facile doppiarlo ma solo per una questione di abitudine e di allenamento, se uno ha sempre giocato con puntinari ha problemi con il blocco di liscia che zompa e gli schizza addosso

    il blocco ed in genere il controllo, di anti è nettamente più facile che di lp, se ci arrivi la butti sempre di la, però sempre uguale

    se trovi giocatori intelligenti che evitano di spappolarsi contro una lp, il diritto ci vuole anche in d2 e d1 altrimenti il punto non lo fai

    una lp poco o punto vetrificata permette di aprire anche 0X, diversi puntinari lo fanno e ci vuole polso e tempi eccellenti

    mie opinioni ovviamente

    infine vi svelo un mio segreto, a me la lp serve per la risposta al servizio, per il blocco quando posso metto la liscia, frega niente della vetrificazione

    ah, e il booster è tossico (per l'OT)
     
    Ultima modifica: 28 Dic 2020
  3. andras

    andras Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Riccardo Belli
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    T.T. MONDOVI'
    Uno dei principali problemi del tennistavolo è la gestione del disequilibrio, che dal lato pratico si manifesta quanto devi recuperare la posizione e la coordinazione dopo un colpo, più un colpo comporta l utilizzo di parti del colpo per creare qualità di palla più sarà difficile recuperare per eseguire il colpo successivo.....di solito è per questo che ci si allena ....un materiale che ti permette di eseguire un colpo muovendoti di meno o usando solo una piccola parte del corpo fa si che crei poco disequilibrio e quindi puoi tenere il ritmo di persone che vanno più veloci di te, questa è la spiegazione di quello che tempo fa Roberto negro diceva parlando della sua antitop cioè che a lui quella gomma serviva per rallentare il gioco e permettergli di fare i buchi con il suo dritto senza a livelli di A1 non avrebbe avuto il timing per reggere gli scambi e giocare colpi di qualità.......
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 28 Dic 2020, Data originale: 28 Dic 2020 ---
    È lo stesso motivo per cui bloccare è più facile che fare controtop
     
    A off-ready piace questo elemento.
  4. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    certo, ovviamente, però per rallentare basta una liscia lenta, anti e lp servono anche per meglio controllare lo spin
     
  5. paolom

    paolom Moderatore Staff Member

    Nome e Cognome:
    Paolo
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Concordo con te sugli errori di metodo, tutt'altro che scientifico. Però il fine non era misurare un coefficiente, ma allontanare un certo tipo di giocatore, con l'approvazione di chi governa i massimi sistemi, giustificata dalla necessità di far rispettare le regole, scaricando dalla responsabilità della verifica i GA di turno, il cui "insindacabile giudizio" dovrebbe valere qualcosa. Oppure no.
     
    A off-ready e eta beta piace questo messaggio.
  6. andras

    andras Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Riccardo Belli
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    T.T. MONDOVI'
    E no perché se rallenti e basta dai una palla con poca qualità, che permette un ulteriore colpo aggressivo la trattata ha proprio questo vantaggio la "qualità" di palla che torna è tale da non permettere un ulteriore attacco o crea un "disturbo" che genera una successiva palla di bassa qualità e permette l attacco facile da parte dell utilizzatore di trattata.
    È quello che succede nei video del mitico dott. Neubauer (2-3 volte campione del mondo veterani) .
     
  7. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Siamo nell'ambito del controllo racchette quindi non posso trovarmi d'accordo con questa filosofia.

    Il prossimo passo sarebbe identificare il booster con un autovelox.

    Sorvolerei sul fatto che è uno strumento che verifica un attrito statico e non uno dinamico, ma non può passare un COF di confronto non congruente.
     
  8. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    ma io non parlo di lp vetrificate
    le mie considerazioni un pò alla rinfusa si riferiscono a lp regolari
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 28 Dic 2020, Data originale: 28 Dic 2020 ---
    abbiamo scoperto che una cosa semplice è più semplice di una complicata?
     
  9. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Negro usa da anni un'antitop spalmata con olio di silicone (che lui definisce un "rinnovatore") proprio per ovviare alla sua scarsa mobilità. Il controllo dello spin a quel livello non è un problema, mentre la velocità della pallina (e la conseguente necessità di trovarsi nel posto giusto, con la posizione giusta) è fondamentale per poter competere.
     
    A tOppabuchi e andras piace questo messaggio.
  10. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    @paolom : posso anche essere d'accordo sul fatto che l'intento di uno strumento semplice non sia la misurazione del COF ma è stato fissato un limite preciso (0.5). Perciò il discrimine deve essere fatto con la coppia di materiali richiesta.

    Ho fatto spesso l'esempio eclatante della sabbia. La stessa sabbia che fa scivolare le gomme nostre auto sull'asfalto, se interposta tra le ruote d'acciaio della locomotiva e l'acciaio della rotaia, aumenta il grip della ruota.

    È un esempio estremo ma fa capire come il coefficiente d'attrito non sia caratteristica di un materiale ma bensì di una coppia di materiali.
     

Condividi questa Pagina