1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

coronavirus

Discussione in 'Sezione Nazionale' iniziata da Tsunami!, 23 Feb 2020.

  1. TiborKlampar

    TiborKlampar Rabarama's fan Staff Member

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Guarda, io mi sono fatto un paio di ideuzze su sta bestia. La prima è che la genetica dell'ospite impatta in modo decisivo sulle manifestazioni cliniche. Ho visto intere famiglie colpite in modo gravissimo e vicini di casa o conviventi stretti geneticamente "diversi" infischiarsene, nel senso che non si infettavano proprio in modo inspiegabile. Ho visto in famiglie ammalarsi solo le femmine geneticamente imparentate e non farlo i maschi geneticamente simili e conviventi.
    La seconda è che la carica virale a cui si è stati esposti potrebbe avere un peso decisivo. Gli ultimi casi che ho trattato avevano una caratteristica comune, un link diretto o indiretto con le RSA. Oss e infermieri, mariti o mogli di questi. Addirittura un collega che ha lavorato per mesi in reparto Covid ed è riuscito a proteggersi tranquillamente come tutti noi, se l'è presa dalla moglie (rsa, manco a dirlo).
    Resta da valutate l'impatto a lungo termine sui polmoni colpiti, secondo me più che una seconda ondata di infezioni ci sarà una ondata invernale di insuff respiratorie acute su cronica (perché moltissimi sono ormai cronici, mi sa).
     
    A Tsunami!, demonxsd e off-ready piace questo messaggio.
  2. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    quando parli di *non infetti* e *non ammalati* intendi che hanno fatto i tamponi e sono risultati negativi ?
    io ho fatto il test sierologico (prelievo richiesto da ast milano) e sono risultato negativo (IgG), non sarebbe il caso di estenderlo a tutti ?
     
  3. TiborKlampar

    TiborKlampar Rabarama's fan Staff Member

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Proprio cosi, all'epoca avevano fatto il tampone (risultato negativo).
    I sierologici, a mio parere, hanno in significato statistico più che clinico ad oggi. Nel senso che la circolazione del virus oggi si è talmente ridotta che è estremamemte improbabile trovare un asintomatico ancora positivo al tampone.
    La carica virale si è ridotta, non trovando più facili ospiti, e con questa anche la gravità dei quadri clinici (la vera causa, a mio parere, a giustificazione del punto di vista del clinico, vedi Zangrillo).
    Bisogna continiare con mascherine e distanziamento, come c'è stato il paziente 0 ci sarà il paziente ultimo. Quando quest'ultimo guarirà o morirà, il problema sarà risolto.
    Probabilmente, a causa della diffusione a macchia di leopardo dei minus habens in Italia, potrebbe arrivare il vaccino prima che ciò avvenga.
     
    A tOppabuchi, Tsunami! e off-ready piace questo messaggio.
  4. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Essendo il virus un organismo vivo, che cerca quindi di sopravvivere, mi è piaciuta (a sensazione ma anche secondo logica) la teoria dell'epidemiologo (o forse virologo, non ricordo) degli Spedali Riuniti di Brescia, secondo cui il virus si sarebbe evoluto, in quanto la soppressione dell'ospite non sarebbe favorevole alla sua sopravvivenza (del virus).

    In pratica, il ceppo "padano" (o italiano, se vogliamo) si sarebbe evoluto in una forma, che potrebbe diventare endemica ma meno letale, proprio per la sopravvivenza del virus stesso.

    È plausibile o è solo consolatorio?
     
  5. Alexander

    Alexander Ammazza puntini lunghi

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Ciao, allora, ho letto sommariamente, perchè l'articolo è molto lungo. L'articolo nel complesso porta prove e anche riferimenti bibliografici con vari studi e rapporti. Possiamo stare qui a lungo a discutere su quello che non è stato fatto in prevenzione (vedasi mascherine, vedasi zone rosse, RSA ecc). Quello che dico è che il virus effettivamente ha colpito più le persone anziane che quelle di fascia giovane, attenzione ho detto più gli anziani che i giovani, ma sono stati colpiti anche i giovani, e di questi alcuni senza patologie pre-esistenti.
    Gli anziani tipica fascia d'età portatrice di patologie multiple era ovvio sarebbe stata la classe più colpita.
    Troppo terrore? No, perchè anche se possiamo ascrivere sotto certi punti di vista il covid-19 simile come sintomi a una grave influenza (nel 2019 una influenza grave ha fatto il 13% di mortalità mondiale secondo l'OMS), nessuna grave influenza ha mandato in ginocchio un sistema sanitario forte come il nostro. Quindi è giusto il comportamento tenuto nei confronti degli italiani, che come abbiamo visto anche in questi ultimi giorni non è per niente responsabile. Poi possiamo discutere dei tagli alla sanità (che magari avrebbero evitato alcune morti) ma questo è un altro paio di maniche ed è colpa di tutti i governi sia di destra che di sinistra che negli anni hanno sempre tagliato.
    Non mi trovo per nulla d'accordo sui morti rispetto allo scorso anno, il 600% in più registrato a Bergamo non è dato da quello che dice lui, mi dispiace.
    Per il resto quello che dice @TiborKlampar (a proposito sei medico/infermiere?) è essenzialmente corretto, se siamo riusciti a tenerlo a bada è grazie al lockdown.

    Infine...

    Sembra che il covid si stia indebolendo. Uno studio degli spedali civili di Brescia ha isolato l'RNA virale evidenziando delle importanti mutazioni che nel primo ceppo non c'erano (presto l'articolo sarà pubblicato), se questo da un lato può magari farci contenti dall'altro pone un campanello d'allarme sul vaccino che a questo punto (se le mutazioni nell'RNA virale sono importanti) non servirebbe molto, ma anzi servirebbe un farmaco (i cui tempi sono più lunghi sicuramente, anche se in Olanda e negli USA ci stanno già lavorando).
    Quella predetta può essere una possibilità ma potrebbero esserci anche altre tre spiegazioni:
    1) Come dici te @eta beta il virus si è adattato all'ospite (capendo che se li manda in TI o li uccide non può sopravvivere)
    2) Non gli piace il caldo (ma questo potremmo saperlo in una eventuale seconda ondata autunnale/invernale)
    3) ha finito il suo serbatoio naturale (anziani, o persone con patologie multiple e basso sistema immunitario).

    Ai posteri l'ardua sentenza
     
    A ggreco piace questo elemento.
  6. TiborKlampar

    TiborKlampar Rabarama's fan Staff Member

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Sono un anestesista che è stato costretto a fare (ri fare) il rianimatore per due mesi. Dopo decenni.
     
    A Chicco, Tsunami! e eta beta piace questo messaggio.
  7. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Abbiamo un emisfero australe completo che sta entrando in inverno, non sarebbe difficile constatare se il caldo lo indebilisce e il freddo lo aiuta.. come per tutti i virus respiratori.
     
    A ggreco piace questo elemento.
  8. Alexander

    Alexander Ammazza puntini lunghi

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Infatti vedi in America Latina i casini che sta facendo
     
  9. Kubala

    Kubala Utente

    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Le prime due mi sembrano plausibili. La terza meno, se è vero che dai test sierologici sulla popolazione che stanno facendo sembra sia venuto a contatto col virus solo tra il 3 ed il 7% della popolazione.
     

Condividi questa Pagina