1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Cercasi 1a o 2a categoria: offro lauto ingaggio

Discussione in 'Comunicazioni, News, Dubbi, Commenti e Lamentele' iniziata da off-ready, 24 Mar 2021.

  1. T__T-Rex

    T__T-Rex il T-Rex s'è mangiato le scarpe di Timo Boll

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASD Polisportiva La Potentina
    Comunque alla fin fine sono d'accordo: un quarta alto che si presenti in D2 e faccia metà campionato per poi salirsene in D1 finisce per scontrarsi con il diritto ad avere un campionato equilibrato...
     
  2. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    no, finisce per scontrarsi con il diritto ad avere un campionato equo intendendo per equo che ogni squadra incontri le stesse difficoltà.
    mentre che un campionato debba essere equilibrato a me non sembra un diritto.

    in un torneo il quarto di girone 9 su 10 perde dal primo però i gironi si fanno con le teste di serie, mica col criterio di avere gironi omogenei, che pure sarebbero più avvincenti
    in f1 le più forti partono in pole, partissero in fondo alla griglia la gara sarebbe più equilibrata
     
    Ultima modifica: 6 Apr 2021 alle 15:44
  3. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    L'esempio del campionato equo è quello dell'NBA, in cui esistono tetti salariali (per evitare che le squadre con più soldi prendano i giocatori più forti) e diritti per l'acquisto delle matricole migliori riservati alle squadre più deboli.

    Nei tornei l'equità sta nel non far giocare tra loro categorie troppo diverse e infatti i terza non giocano con i sesta e i quinta.

    In F1 alla proposta di griglia di partenza a posizioni invertite è stato messo il veto da Mercedes (guarda caso), ma viene applicata in F.2 e F.3 con le prime otto posizioni.

    Nello sci gli atleti con i migliori tempi della prima manche scendono per ultimi con le condizioni peggiori della pista
     
    A AndreaTT piace questo elemento.
  4. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    opinioni.
    tu hai la tua io la mia.

    a me una quarta che gioca tutto il campionato in d2 distribuendo equamente difficoltà non da fastidio
    un quarta che fa 2 o 3 partite in d2, magari mirate contro alcune squadre, e magari si fa il suo bel 100% e poi se ne va a giocare in d1 dove gli compete, quello mi da fastidio e mi sta sulle palle.
    non capisco come uno come te attento a equità, giustizia, pulizia e onestà non colga la differenza

    però oh, opinioni.
    io ho la mia, tu hai la tua.
    Non proverò a fartela cambiare che mi sembra inutile ma nemmeno cesserò di dire la mia



    [​IMG]
     
    Ultima modifica: 6 Apr 2021 alle 16:38
    A T__T-Rex e Sartori Giovanni piace questo messaggio.
  5. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Premesso che ognuno ha la sua idea (ce lo siamo ripetuto abbondantemente), non sto dicendo che mi piacciano i giocatori-jolly che salgono da un campionato all'altro, anzi la mia idea di limitare una serie a una determinata categoria eviterebbe anche questo oggettivo squilibrio.
     
  6. Chicco

    Chicco superiperappassionato

    Nome e Cognome:
    eric
    Squadra:
    TTBiella
    parole solo parole.... i giocatori sono a disposizione della società e i campionati pure sono di società. le società fanno quello che il regolamento gli permette di fare con i giocatori che han a disposizione. Questi ultimi non han quasi mai nessuna colpa. E' pur vero che certe limitazioni andrebbero messe Ma il problema è che con gli anni e le certe esigenze del settore giovanile di un certo interesse han fatto si che si inserissero a poco a poco norme che poi si sono dovute applicare a livello generale (evidentemente per evitare che si considerassero "norme ad hoc") finendo così per creare situazioni un pò antipatiche.
     
  7. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Un'interessante variazione sul tema arriva dal mondo del tennis, dove le squadre partecipanti alle divisioni nazionali di serie A1, A2 e B e regionale di serie C, devono inserire obbligatoriamente nella formazione almeno due giocatori del vivaio (cioè che sono sempre stati tesserati nella stessa società) di età inferiore a 30 anni.

    Inoltre nei campionati regionali i componenti di ogni squadra, risultanti nella lista presentata all'atto dell'iscrizione, possono essere integrati solo con altri giocatori che abbiano una classifica uguale o inferiore a quella del giocatore di più bassa classifica inserito nella predetta lista.
     
    A Milocco Ettore piace questo elemento.
  8. T__T-Rex

    T__T-Rex il T-Rex s'è mangiato le scarpe di Timo Boll

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASD Polisportiva La Potentina
    Ci sono cose che non capisco: se una cosa non mi piace non la faccio.
    Se una cosa non mi piace e non la faccio dico la mia e cerco di convincere gli altri delle mie motivazioni.
    Se una cosa la faccio, anche se non mi piace, accetto che la facciano anche gli altri, in tutte le gradazioni consentite.
    il thread parte dal dato di fatto che una società ha schierato atleti di categoria superiore in una fase regionale, ovviamente legittimata dal regolamento.
    Si parla di cambiare il regolamento per evitare questi comportamenti "antisportivi".
    Quindi, niente "giganti" a competere con i "lillipuziani".
    Qui da noi abbiamo fatto di meglio, abbiamo bloccato le serie regionali per non far soffrire le squadre, alcune anche con atleti "blasonati", che, non essendosi allenate, soffrirebbero il confronto con chi invece ha potuto farlo. Potrebbe essere un ulteriore paletto da inserire.
    E poi, perché non limitare anche la C1? E gli stranieri?
    Interessante anche la proposta del vivaio, noi abbiamo iscritto una squadra ai nazionali giovanili, ci siamo fermati ai 3 titolari perché non ci sono giovani in società, altre asd non hanno nemmeno il numero minimo…
    Last but not least, parlando di tetti salariali, a cosa servirebbe una soluzione del genere in serie amatoriali, visto che persino in A2 si gioca per la gloria?
    Il paragone fra il nostro sport e quelli (NBA-F1-F2 etc) ben più ricchi di seguito e soldini non regge…
    Con stima
    Il clone di Ettore ;)
     
    A lupo alberto piace questo elemento.
  9. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Sono partito dai campionati regionali perchè la sperequazione tra "giganti" e "lillipuziani" è più evidente, ma non avrei niente in contrario a stabilire limitazioni anche nella C1.

    Limitando gli stranieri c'è il rischio di fare discriminazioni, il criterio del limite di categoria è "universale"
     
  10. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    ci vogliono incentivi non proibizioni e paletti
    es.
    premi in denaro alle società che fanno "politica" per i giovani, corsi nelle scuole, corsi in palestra, partecipazioni ai tornei giovanili
    non obblighi
    noi siamo un gruppo di amici over 50 e un paio di universitari piovuti da fuori, se ci imponi, la presenza di giovani, di un vivaio noi chiudiamo.
    chi è che ha detto: esticatzi?! ho sentito, siamo 4 gatti è vero, ma 4 su un totale di 10 dato che il tt italiano fa meno gatti di una colonia del colosseo, e se piccole realtà chiudono non mi pare positivo.
    mo vado a mangiare, ma torno, tranquilli
     
    A Chicco, musicalle e T__T-Rex piace questo messaggio.
  11. elius

    elius Utente Noto

    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Non c'è solo una squadra, guardando le classifiche dei giocatori iscritti, vi sono almeno 9 squadre con giocatori oltre i 9000 punti, esempio S. Salvatore ( Calabrese 10416 e berta 9506).
     
  12. T__T-Rex

    T__T-Rex il T-Rex s'è mangiato le scarpe di Timo Boll

    Nome e Cognome:
    Mario Capaldo
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASD Polisportiva La Potentina
    Quindi alla fine buona parte delle società si è organizzata. Vuoi con atleti già tesserati vuoi con nuovi acquisti.
    Io ne sarei contento, potrei esserne scontento se fossi il primo in classifica dopo di loro e giocassi in squadra con il secondo ed il terzo, diversamente ne sarei contento.
    E sarei contento anche per il movimento stesso del tt regionale, in un anno del genere ben venga qualunque occasione di giocare/vedere del bel tt…
    E se poi, in ogni incontro, uscisse lo spazio per far giocare anche qualche "lillipuziano", beh… perché no?!?
     
  13. Chicco

    Chicco superiperappassionato

    Nome e Cognome:
    eric
    Squadra:
    TTBiella
    sono concetti da affrontare su piani diversi che difficilmente riescono a soddisfare tutte le aspettative . principale causa è da addebitarsi alla scarsità del movimento che obbliga a determinate scelte (sbagliate o giuste a seconda dei punti di vista).
    un concetto è quello del classico appassionato che pretende di divertirsi solo coi propri pari livello (più o meno)
    altro concetto quello di dare opportunità ai giovani di giocare con atleti veramente "di un altro pianeta" (con risvolti di stimolo ,o solo fare un'esperienza speciale,di crescita sportiva ,non certo tecnica)
    Ancora una volta sono le società le uniche che devono tener conto di tutti questi aspetti , tenendo presente i regolamenti vigenti.
    Mai come quest'anno (covid:rolleyes:) dei nostri ragazzini di 11 anni hanno avuto l'occasione di misurarsi con dei navigati 3 categ (occasione la coppa italia nb) e non ho avuto alcun riscontro negativo ,anzi si potessero avere maggiori opportunità..... Invece siamo legati a meri tornei di categoria ,a campionati che si pretenderebbero "chiusi" (con paletti et simili) etc per la sola "soddisfazione" personale o di classifica (che da sempre aborro e che ritengo il "male" per eccellenza per come viene interpretata).
     
    A T__T-Rex e lupo alberto piace questo messaggio.
  14. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    :clap.:clap.:clap.

    per un ragazzino giocare contro uno bravo è occasione di crescita da prendere al volo
     
    A T__T-Rex piace questo elemento.
  15. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    E qui si apre un quesito: meglio salvaguardare qualche vecchio dinosauro in via di estinzione (tra cui mi ci metto anch'io), che potrebbe divertirsi anche negli appositi campionati veterani, oppure stimolare, medianti obblighi, l'inserimento dei giovani, che sono il futuro?
    Ovviamente la domanda è retorica, perchè la mia opinione l'ho già dichiarata, però in altri sport la scelta è stata fatta già da tempo e i risultati si sono visti.
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 8 Apr 2021 alle 10:08, Data originale: 8 Apr 2021 alle 10:07 ---
    Certo e suppongo che in altre regioni ci sia anche gente con 12.000 punti, il che non diminuisce le mie perplessità...
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 8 Apr 2021 alle 10:14 ---
    Non ne faccio una questione personale: probabilmente noi non avremmo vinto i playoff regionali neanche in assenza dei "giganti", ma sarei stato contento in ogni caso, perchè avrei giocato in un torneo senza sperequazioni.

    Il punto quindi, lo ripeto, non è la soddisfazione e la contentezza dei singoli, ma l'interesse generale del tennis tavolo, che secondo me è salvaguardato se si punta sull'equilibrio delle forze, come del resto avviene nei tornei individuali, in cui ben pochi 6a sarebbero stimolati a giocare se si trovassero sempre di fronte 3a o 2a ctg
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 8 Apr 2021 alle 10:21 ---
    In condizioni normali ai tornei di ctg superiore si accede per merito e per i più giovani esistono anche apposite wild card, che consentono di misurarsi con atleti di ctg superiore.

    Nei campionati a squadre il punto in discussione (cioè l'obbligo di paletti) non è la soddisfazione personale o l'ossessione dei singoli di non perdere punti in classifica, che secondo me possono e devono essere tranquillamente sacrificati per l'interesse generale, rappresentato dalla riduzione della sperequazione
     
    A Milocco Ettore piace questo elemento.
  16. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    stimolare medianti obblighi è praticamente un ossimoro
    non vedo come la presenza di un quarta in una d2 serva a "salvaguardare qualche vecchio dinosauro"
    pali e paletti magari si
    gli altri sport ... sono altri sport

    una cosa che si potrebbe fare è corredare l'iscrizione di una squadra con una rosa di 5 giocatori, non più modificabile, la cui somma punti stia in un certo range; in questo modo avresti squadre equilibrate così Off sitranquillizza ed eviteremmo giocatori che alla terza di campionato fanno il salto della quaglia cosi mi metto comodo anch'io


    una domanda:
    secondo voi è più disdicevole, eticamente scorretto e dannoso per il tt
    1) una squadra che vince un campionato (che poi non è detto) perchè ha un giocatore forte?
    2) un giocatore forte che fa un paio di giornate in d2 poi scala in campionati superiori?

    ammesso che entrambe le cose siano da evitare, quale vi sembra la peggiore? dovendo rimediare una alla volta, da quale partiresti?
     
    Ultima modifica: 8 Apr 2021 alle 12:43
  17. Max

    Max Utente Noto

    Squadra:
    TT Aquile Azzurre - Milano
    Vinicio, di sicuro la seconda che hai detto è quella prioritaria perchè il campionato ne risulta falsato in modo inequivocabile.
    Nemmeno la prima mi piace, ma io questa la vedo più dalla parte del singolo giocatore ed è una questione non tanto di etica ma di convenienza.

    Cerco di spiegarmi: se fossi un terza forte, tipo che ne so intorno al 130-140 d'Italia, io in C2 non ci giocherei mai. Avversari comunque non sprovveduti e particolarmente agguerriti quando mi incontrano dall'altra parte della rete, una manciata di punti se vinco (il che non è automatico e me la devo comunque giocare tutta, oltre all'avversario ci sono tutte quelle variabili - tavolo, luce, palline ecc - che ben sappiamo) e un botto di punti persi se faccio negativo... chi me lo fa fare? Piuttosto, visto che per chi lo pratica a buon livello e coltiva qualche ambizione (e non parlo certo di uno scarsone come il sottoscritto) il tennistavolo è e resta sport prevalentemente individuale, mi alleno e mi preparo per i tornei regionali e nazionali, di terza e assoluti se riesco a qualificarmi.
     
  18. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    concordo, quando per un paio d'anni ho frequentato diversi tornei mi iscrivevo sempre al quarta : le perdevo tutte ma mi divertivo un sacco ed ho imparato molto, dal fatto che non hai mai chiuso il punto perchè l'avversario è più forte di te e la palla te la ributta di là anche quando pensi che non ce la faccia, alla concentrazione da tenere sempre anche quando ti asciughi ogni 6 punti...
     
  19. lupo alberto

    lupo alberto a tempo a tempo, chi sà sà e chi un sà su' danno

    ed ovvio che anch'io la vedo come te, io addirittura vedo la seconda come scorretta ed eticamente disonesta, la prima tranquillamente innocua.
    forse sei troppo giovane ma magari ricordi l'ottimo Campanini, seconda cat. fino a poco tempo prima, giocare in d1 quando col Capoliveri cercò di portare il tt all'Elba (per la cronaca peraltro senza mai vincere il campionato)

    ho posto la domanda perchè mi sembra di rivedere quanto successo per lp trattate, lisce gonfiate, e servizi scorretti
    a parole tutti contro, in pratica si è agito abbastanza contro le lp trattate, un pochetto ma non tanto contro le lisce gonfiate, vicini allo zero per i servizi.


    assolutamente si
     
  20. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
    Il divieto di fumo nei locali pubblici è stato un ottimo stimolo a smettere di fumare...

    Ottima l'idea dell'iscrizione con i nomi dei giocatori, non modificabile, con somma punti!

    Non scomoderei l'etica in nessuno dei due casi, visto che il rispetto dei regolamenti è la base della correttezza sportiva. Mi limito quindi a valutare il danno per il TT, che secondo me è identico
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 8 Apr 2021 alle 16:47, Data originale: 8 Apr 2021 alle 16:19 ---
    A livello individuale il problema dell'interesse generale (del tennistavolo) non si pone. Anch'io, quando avevo qualche chance in più, partecipavo ai tornei nelle categorie superiori alla mia, con la speranza di raccogliere qualche scalpo e con la certezza di fare un ottimo "allenamento" gratuito con sparring di alto livello.

    Ritengo invece dannoso per il movimento nel suo insieme (nel senso che disincentiva la partecipazione) l'esistenza di campionati squilibrati. Se escludiamo i primi 500-1000 giocatori italiani, che non si pongono problemi di spereqazione e giocano volentieri in qualsiasi campionato (ponendosi il problema opposto, cioè di non sprecare "cartucce", nel senso espresso da @Max, nei campionati minori), il resto della truppa, cioè il 95% dei pongisti, fa campionati regionali, con scarse possibilità di promozione nelle serie nazionali e quindi con l'obbiettivo di giocarsela dignitosamente con i pari livello.
     

Condividi questa Pagina