1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Analisi tecnica video

Discussione in 'Video' iniziata da manteman, 5 Set 2011.

  1. ricsco

    ricsco Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Riccardo
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Squadra:
    Pierino Mazzetto C
    Caro Ettore, sarò forse per te sarò un po' troppo spiccio ma: poche ciance, aspetto le vostre analisi puntuali compresa la tua, avete tempo fino a mercoledì prossimo per completare l'esercizio.
    Io voglio discutere qui di tecnica pongistica e non di filosofia di musica di matematica o altro. In base al vostro interesse sulle cose concrete la discussione continua, altrimenti per me si chiude e vado a cercarmi forum più interessanti.
    Intendiamo, non è superbia la mia, anzi sono una persona umile e chi mi conosce bene lo sa. Però prima i fatti e poi le parole.
    Cordialità,
    Riccardo
     
  2. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Dato che hai tirato fuori tu la storia dei solfeggi e di Mozart come esempio significativo per una vera e proficua educazione musicale,anche calzante per un certo verso e che una sua ragion d'essere,ammettiamolo, pure ce l'ha, mi preme di sottolineare come le menti illuminate che guidano e han guidato finora la parte didattica,cioè l'insegnamento del tennis tavolo e l'educazione allo sport in generale,lasciata come ben sappiamo in mano prettamente a Tecnici provenienti da ex scuole Isef,al pari dei più frettolosi e incapaci,pur volenterosi docenti in ambito musicale, conoscendo ben loro a menadito lo spartito,essi si siano preoccupati più dei solfeggi che della musica e del suo intrinseco valore.Cioè più degli esercizi,degli schemi,delle ripetute,delle secchiate,delle attività fisiche pre e post allenamento, della prestazione vieppiù muscolare e mai a loro dire soddisfacente del singolo,della codificazione punto su punto.Insomma di tutto ciò che hanno assorbito a grandi linee nel loro percorso scolastico,invece di considerare la persona,in questo caso i ragazzi e ragazzini,possibili futuri pongisti, dei loro reali bisogni formativi,provare e mettersi in gioco,assaporare un qualche sentimento positivo facendo semplicemente rimbalzare ritmicamente una pallina,rendere viva e signifivativa un'ora di lezione attorno al tavolo verde
    in rapporto alla loro età e gruppi di coetanei con cui si confrontano.Ragazzini che chiedono di essere valorizzati nelle e per le loro peculiarità,quelle che sono durante tutto il loro permanere e progredire in palestra,diversificando le attività più mirate a ciò che di bello e di attraente conservano e rimangono più a lungo impresse nella memoria ,se rapportate a uno Sport che ti fa star bene con Te stesso e con gli altri, rispetto alla conquista di una medaglietta o alla prima vittoria.Insomma rendere più attraente il nostro Sport,esaltare il tanto di Bellezza, Divertimento e Salute che gli sono propri e per tutti,un po' come succede nella musica.Perchè non partire proprio da Mozart e far ascoltare alcune delle sue intramontabili Serenate diurne o notturne per appassionare e avvicinare davvero più gente possibile,al posto dei noiosissimi solfeggi,che allontanano i più?
    Ora andiamo a vedere la partita in questione,magari partendo dai momenti più interessanti e dai punti più salienti.Che qualcuno inizi...
    ettore
     
  3. off-ready

    off-ready Meglio un sedere gelato che un gelato nel sedere

    Nome e Cognome:
    Pier Offredi
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT Aquile Azzurre
  4. ricsco

    ricsco Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Riccardo
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Squadra:
    Pierino Mazzetto C
    Ciao Off-Ready, si ce ne sono tanti di software del genere. Da tecnico ti dico che ne conosco abbastanza per tenermene alla larga, non perché non mi piacciono le moderne tecnologie applicate allo sport, anzi ne sono un fautore, ma perché:
    1) Disabituano a far funzionare il software e hardware più importanti: occhi e cervello
    2) Costano cari e quindi solo le grandi società se lo possono permettere
    3) Richiedono personale qualificato solo a gestirla
    4) Troppi dati analizzati generano entropia o disordine che annebbia il cervello e dopo un po' sei cotto.

    Ripeto, a me piace la tecnologia e non voglio con questo suscitare un'altra reazione di fautori e simpatizzanti di simili strumenti. Quando ci sarà un'app valida che per pochi euro sullo smartphone dopo aver filmato una partita mi dà i parametri che servono effettivamente, senza tutta la fuffa accessoria potendoli selezionare da una lista, allora ne riparleremo.
    (e poi detto tra noi, come faranno a campare i tecnici che elargiscono consigli del tipo: gomito alto, gomito basso, piede più avanti di tre centimetri, avambraccio che deve fare un angolo di 73,5 gradi col braccio e altre amenità del genere? Lasciamoli pure continuare a lavorare...:p)

    Se conoscete l'inglese, vi segnalo questo sito:
    Dashboard - TableTennisDaily Academy
    e il canale youtube collegato.
    Interessante l'analisi del sw di analisi match che sponsorizzano OSAI: OSAI - Power digital experiences in live sports
    Vi allego un video di esempio:

    Visualizza: https://www.youtube.com/watch?v=ZI04x8mMIyM

    A partire dal settimo minuto vi da' un esempio dell'analisi della partita tra i simpatici Tom e Dan.
    Se volete farvi venire il mal di testa con cose così fate pure, (io per adesso!) passo...

    Non risponderò quindi ad altri commenti su questi software, per me l'argomento è chiuso.

    Grazie per l'attenzione.
    Ric.
     
    A off-ready piace questo elemento.
  5. andras

    andras Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Riccardo Belli
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    T.T. MONDOVI'
    Che poi il tecnico mi serve mentre gioco a dirmi cosa fare se devo aspettare le fine della partita ad analizzare cosa ho fatto e cosa avrei dovuto cambiare del gioco non serve nessun software basta una ripresa col cellulare.
     
    A VUAAZ e Sartori Giovanni piace questo messaggio.
  6. Milocco Ettore

    Milocco Ettore Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Ettore Milocco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT FIUMICELO
    Analisi tecnica video

    Mi sa che si finisce a parlare più del "Video",come contenitore,che del contenuto,...... cioè dell' "Analisi Tecnica" vera e propria.Speriamo di no.
    ettore
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 23 Nov 2021, Data originale: 20 Nov 2021 ---
    Allora iniziamo a commentare la finale di Lignano 2021 ,under 19 fra Israeli e Skarsholm.

    Il primo set è esemplare: il danese sbaglia molti rovesci. Nei set successivi invece martella l'avversario da tutte le parti...[/Quote]
    L'israeliano è superiore al servizio, e si vede con la mia analisi. Basta leggere attentamente i numeri.

    Ci ho messo un bel po' per districarmi fra le tante partite nel video della terza giornata di Lignano, soffermandomi anche in una precedente dello stesso danese,ma con altro avversario e poi sulla battaglia dei nostri piccoli Faso e Trevisan,anche interessantissima dal punto di vista tecnico,a mio modesto parere.Comunque per adesso sono arrivato a "vedere" i primi due set,con le principali caratteristiche dei due giocatori in questione e già questo mi permette di riportare alcune considerazioni.Lo faccio sempre alla luce dei più blasonati giocatori e giocatrici,quelli che ovviamente per meriti acquisiti e.... ritengo pure per qualità intrinseca dei colpi,sono più completi, sanno adottare e adattarsi alle più consone e redditizie tattiche o strategie,in corso d'opera,dimostrano alfin più costanza e tenuta mentale fin dal primo colpo,in confronto fra loro e parametrando il tutto con quello che succede nei normali campi da gioco,provando a decifrare i momenti chiave di partite come questa.
    Oggi vediamo,come auspicato alcuni aspetti riguardanti la battuta al servizio e la risposta.Sulla qualità delle battute di entrambi nulla da eccepire,oneste e condotte nei primi colpi per tastare i punti deboli e quelli meno deboli del corrispettivo avversario.Arrivati al primo giro di boa del primo set,fase ancor di studio,da lì comincia un altra partita più tattica,nel tentativo,ciascuno,di far prevalere le proprie qualità e individuare meglio la strada che può portare alla vittoria.
    Osserviamo allora le qualità dei due contendenti.
    Starsholm,il danese:D dotato di un dritto profondo e secco,ancor di più se anticipato,quando può chiudere molto bene su palle in arrivo,soprattutto quelle arrotate,ma prive di sufficiente forza e trazione in avanti.Il problema suo è che deve trovare il giusto timing,cioè rispondere a dovere alla battuta di servizio dell'israeliano,cercando di evitare il successivo di lui rovescio.Per far questo risponde tagliato a sua volta di rovescio,più spesso sul lungolinea per sorprendere il dirimpettaio giovane finalista con il dritto incrociato sulla palla di ritorno..E' la sua tattica preferita,quando lo fa....bene,ma...
    Israeli,l''israeliano.Dotato a sua volta di un pronto e repentino rovescio a molla,di grande polso,veramente fastidiosissimo per l'avversario e di dritto aziona un top a giravolta,molto avvitato su se stesso come banderuola,veloce lo è,ma un po' leggero,nel senso che lo esegue soprattutto su palla neutra o quella più comoda in fase discendente e va a vincere comunque il primo set.

    Vediamo il secondo set.Il danese Skarsholm in risposta,non gioca più con la racchetta piatta di rovescio,oppure in back sul lungolinea,che ha permesso la pronta reazione in top del suo avversario,ma va fin da subito a ricercare soluzioni alternative,condotte per la maggior parte con delicati appoggi sotto rete o cercando altre angolazioni,ma stavolta con la racchetta semiaperta di dritto,il che permette un più ampio gioco di polso e maggior imprevedibilità,oltrechè accorciare i tempi di preparazione al suo formidabile dritto.Il bello è che, nella pausa precedente fra i due set,il tecnico israeliano,neanche prevedesse il possibile sviluppo e la piega che andrà ad asssumere la condotta di gioco successiva,si sbraccia con il suo assistito affinchè provi a variare e ad azionare in modo più deciso e profondo con il rovescio,partendo da più basso e non solo sopra o nei pressi del bordo tavolo,per poi far spostare velocemente l'avversario nell'angolo più ostico e lontano. Lo si può sbirciare nell'angolino alto a sinistra del video, solo che a Israeli questa tattica non gli riesce proprio,sempre a causa della grande varietà e sorpresa di risposte attuata dal danese.E da quel momento la trama della partita cambia,all'israeliano riescono soli colpi mezzi,non sufficientemente carichi come il primo set e il danese Skarsholm va a nozze,potendo esibire il campionario di chiusure di cui e con cui va a nozze.
    Ovviamente c'è,ci sarà dell'altro e grazie a ulteriori e senza dubbio ancor più accurate osservazioni,
    andiamo a vedere...e arricchire i nostri punti di vista.
    ettore
     
  7. ricsco

    ricsco Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Riccardo
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    6a Cat.
    Squadra:
    Pierino Mazzetto C
    COME PROMESSO ECCO ALLEGATA LA MIA ANALISI TECNICA Skarsholm-Israeli.
    Premessa: le mie sono considerazioni personali derivanti dalla mia esperienza di giocatore e di tecnico. Se qualche altro tecnico abituato a fare analisi di tipo “classico” finisce a leggere questa conversazione su questo forum e storcerà il naso di fronte alla mia analisi io accetto le sue critiche senza problemi. Il mio punto di vista è in un certo senso “alternativo” o “complementare” a quello classico: avete capito che non è il mio forte discettare sul numero di gradi di angolo di apertura racchetta, piede più avanti di tre centimetri e cose simili.

    Quante volte vi sentite dire (o avete detto):
    “Fai molti errori!”, già, ma quanti e quali?
    “Sbagli l’apertura di rovescio!”, già, ma perché e in che condizione?
    “Il tuo gioco di attacco non va bene!”, già, ma perché?
    “Il mio avversario, pur sbagliando più di me, mi batte, come mai?”

    Se vi siete riconosciuti in queste situazioni, consolatevi, siete in buona compagnia.
    Per rispondere in modo esauriente a queste domande non basta il solo consiglio diretto, estemporaneo, magari avuto dal vostro allenatore che vi segue nell’angolo, ci vuole anche metodo e calcolo.

    Qui si parla di analisi tecnica successiva ad un incontro in base alle riprese video e di consigli utili da dare dopo l’incontro, a freddo, agli allievi per il loro miglioramento.
    Io adotto questa definizione: “miglioramento continuo”, perchè secondo me si può migliorare sempre, ad ogni età.

    La novità che voglio mettere in rilievo è la mia analisi quantitativa e qualitativa basata su dati oggettivi registrati su un foglio di calcolo tipo excel.

    Sapendo quanti e quali errori avete fatto, quanti e quali i punti vincenti, quante volte avete subito o imposto il vostro gioco (io la chiamo prevalenza, altri la chiamano iniziativa) potete in seguito preparare delle sedute di allenamento più mirate e orientate ad obiettivi qualitativi e quantitativi.

    Quindi il mio metodo consiste nel fare un’analisi accurata dell’incontro punto per punto e mettere i dati su uno o due fogli di calcolo. Quando ho i numeri ben chiari sotto gli occhi si capisce dove migliorare e quali allenamenti fare.

    Riassumendo:
    A) Analisi punto per punto della partita (io faccio girare il video dell’incontro da analizzare a velocità dimezzata e vado avanti e indietro finché non metto ogni punto nella casella corretta), file analisi tecnica incontro Skarsholm Israeli, foglio1, pagina 1. (Per favore notate come in questo file excel siano inserite funzioni di calcolo e di controllo punteggio: servono a verificare che l’analisi punto per punto sia corretta)

    B) Analisi tecnica in sintesi in cui si fanno considerazioni generali, file: "analisi tecnica incontro Skarsholm Israeli", foglio1, pagina 2.

    C) Schemi di allenamento ed esercizi proposti per il miglioramento, registrazione dei progressi e degli obiettivi raggiunti file: "schemi di allenamento Skarsholm Israeli", e "abbreviazioni usate".

    La parte C) è una parte che evolve col tempo, con pazienza si scrivono i suggerimenti principali da dare all’allievo e i suoi progressi. Solo avendo l’allievo davanti al tecnico durante la sessione di allenamento si può compilare bene perchè serve anche annotare non solo i risultati, ma anche le reazioni dell’allievo ai consigli dati e alle percentuali migliorate negli esercizi. Qui lo stile di ogni tecnico può fare ottenere di più o di meno, anche e soprattutto in base all’esperienza (sia del tecnico che dell’allievo). All’allievo rimangono le stampe dei fogli in modo che abbia modo di rifletterci anche dopo con comodo a casa.

    Per l’incontro in questione (finale dei giovanili under 19 di Lignano tra Skarsholm e Israeli) condivido liberamente con gli utenti di questo Forum il primo file excel che uso per le mie analisi A) B) e una stampa pdf del secondo file excel che uso C) con gli schemi di alcuni allenamenti generici che faccio fare ai miei allievi.

    Così come sono li condivido qui liberamente, fatene quello che volete, magari però citando la fonte ossia questo Forum che mi ha cortesemente ospitato e l’autore di questa conversazione, ricsco.

    Se poi vi sono piaciute le mie considerazioni e ritenete utile questo metodo potete a vostra discrezione offrirmi l’equivalente di una birra e una pizza facendo una donazione tramite paypal sul mio account: riccardotennistavolo@gmail.com

    Chi mi sosterrà riceverà via mail il secondo file excel con gli schemi in originale della parte C) (sempre relativi all’incontro in oggetto) differenziati per atleta e potrà magari chiedermi anche ulteriori approfondimenti sul metodo e suggerimenti; solo tramite posta elettronica io aiuterò tutti i sostenitori volentieri per quanto mi è possibile. Quando e se avrò elaborato delle versioni successive a questi fogli, i sostenitori riceveranno le migliorie.

    Ribadisco: cercherò di rispondere via posta elettronica a tutti tranne ai perditempo, rompipalline (non solo di ping-pong!), filosofi, ciarlatani, troll. Sul mio lavoro sono serissimo e il mio tipico senso dell’umorismo cala drasticamente, quindi siete avvisati.

    Sto lavorando ad un’altra analisi tecnica riferita esclusivamente e specificatamente al Servizio e la Risposta al Servizio. Non faccio tempistiche di uscita: finché non sono soddisfatto del risultato non farò uscire nulla. Magari ci rivedremo tra un po’ di tempo su questo o altro Forum con questo argomento trattato da me. Vediamo anche che interesse suscitano queste mie considerazioni.

    Buona analisi tecnica quindi e saluti a tutti i pongisti!

    Riccardo
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 24 Nov 2021, Data originale: 24 Nov 2021 ---
    Aggiungo un altro file: analisi tecnica incontro tennistavolo.xls
    vuoto, in modo da agevolarvi ancora se possibile nella compilazione di un referto per conto vostro.
     

    Files Allegati:

    A Mikiol piace questo elemento.

Condividi questa Pagina