1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Più informazioni QUI. Puoi nascondere questa notifica cliccando sulla X a destra. ====>
    Chiudi
  3. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Torneo Giovanile Bolzano - San Michele/Appiano 2016/2017

Discussione in 'Video' iniziata da John Locke QDL, 22 Ott 2016.

  1. pamaz

    pamaz Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Paolo Mazza
    Non certamente al livello di Mutti , Pinto etc, ma mio figlio (11 anni) era al torneo di Appiano. Ha avuto una giornata orrenda ed ha giocato girone e prima eliminatoria al 30% di quello che sa fare, rischiando addirittura di perdere con ragazzini meno bravi, ma che quel giorno avevano certamente più determinazione di lui. Poi si è trovato davanti uno dei forti, cioè Vallino Costassa. Nonostante la giovane età di mio figlio, la sua impostazione è di un gioco molto di tocco e poco sparato. Vallino al contrario ha una impostazione molto potente e precisa, però secondo me poco fantasiosa. Impostazione da "stoccata in anticipo " .
    L'esito della partita era prevedibile ( mio figlio ha giustamente perso), ma notavo che basta far uscire dallo schemino preconfezionato anche i più bravi, che si vedono subito dove vanno in difficoltà. Da questo punto di vista, se al tocco si unisce l'esperienza di saper osservare e gestire un po la partita, (cosa che a 11 anni non mi aspetto succeda con piena consapevolezza) mi sa che questi "giocatori d'artiglieria" possono avere vita difficile. Confido in un ritorno al gioco raffinato e non di sola potenza. Molto dipende dagli allenatori.
     
  2. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Nome e Cognome:
    Eugenio Bertagna
    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Il problema è nell'acquisizione dei fondamentali.

    Catalin Negrila non insegnava il top di dritto finchè i suoi allievi (su tutti Leo Mutti e Damiano Seretti) non sapevano scambiare con assoluta regolarità e controllo. Poi il palleggio tagliato.. solo dopo il top di dritto.. poi quello di rovescio.. il controtop.. e per finire il flick. Ma non di corsa.. con la giusta pazienza affinchè i colpi fossero acquisiti e fatti propri in modo da poterli tirare fuori al momento giusto con sicurezza.

    Oggi c'è fretta, dopo due lezioni sullo scambio si passa subito al topspin.. altrimenti ti mollano e cambiano sport! :(

    Se non hai la tecnica per gestire tutti i colpi ti conviene tirare tutto.. con tanto allenamento la metti dentro al 90%. Basta che per una influenza smetti pe una settimana e devi ricominciare tutto da capo.

    Daniele Pinto i colpi ce li ha tutti.. speriamo non li perda per strada inseguendo la "botta continua".

    Avete visto nel video quando Muttino ha dovuto recuperare con un chop dove l'ha messa?

    P.S. : a mio avviso Muttino ha un modo di usare la colonna vertebrale nel caricamento del top di dritto molto sollecitante perché parte arcuando la colonna all'indietro. Mi auguro per lui che esegua esercizi di preparazione atletica per rinforzare le fasce lombari e che lo segua un buon ortopedico.
     
    Ultima modifica: 25 Ott 2016
  3. pamaz

    pamaz Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Paolo Mazza
    Una bella scuola in questo senso è giocare con i "vecchiotti" con antitop e puntinate, che basano tutto sul mandarti a zonzo per il tavolo e rompere il ritmo. Ma senza prenderli a pallate. Semplicemente facendoli giocare nella stessa maniera a cui vorrebbero costringerti loro.
     
    A Ragnolo e eta beta piace questo messaggio.
  4. Ragnolo

    Ragnolo Utente Noto

    Qualifica Tecnico:
    Allenatore FITeT
    Categoria Atleta:
    Fuori Quadro
    Infatti.. contro noi "vecchiotti" devono giocare così.. altrimenti se iniziano a tirare bordate e (magari) ritornato "impestate" se non hanno testa.. doppiano a casaccio e vedono la pallina o andare in rete o prendere l'aere modello sputnik..
    Doppio allenamento.. giocare di tocco.. e PENSARE!!
    Ecco perché nella nostra società li alleniamo anche con gomme impestate..
     
  5. pamaz

    pamaz Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Paolo Mazza
    E' quello che è successo a mio figlio. Che ormai non lascia più grandi speranze manco ai "vecchiotti" della zona, che ormai lo temono (e mi sa che lo odiano ). Quando incontra una puntinata lui è felicissimo. :banana:
     
  6. Ragnolo

    Ragnolo Utente Noto

    Qualifica Tecnico:
    Allenatore FITeT
    Categoria Atleta:
    Fuori Quadro
    Giocare contro le puntinate/frictionless é più un fatto mentale che altro.. noi abbiamo notato come spesso i giocatori (di tutte le età) siano facili prede di "fisime mentali" di fronte a giocatori "normali" con tali gomme.
    Ecco perché abbiamo intrapreso questo percorso: abituarli a trovare di tutto, dalla osx, alla frictionless più oleosa.. solo che per allenarli sto durando una fatica immensa: usare telai da attacco, da difesa pura, allround.. con gomme con diversi millimetraggi per far capire loro le differenze è stancante.. e sempre più spesso mi prendono letteralmente a "pallate".. complice la plastic ball.. tra poco sarò disoccupato!! :muro:
     

Condividi questa Pagina