1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Telai telaio rigido ma morbido?

Discussione in 'Consigli & Test sui Materiali' iniziata da michela123, 11 Giu 2013.

  1. ggreco

    ggreco Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Giovanni Greco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT Arcadia
    È il più lento con le dimensioni standard, in quanto il 3.5, il black 3.0 ed il 2.5 sono oversize da difesa.
    I miei preferiti sono (ovviamente) quelli in firma, il 6.5 mi è sembrato troppo veloce quando l'ho provato nel secolo scorso, il black 7.0 non lo conosco ma non dovrebbe essere molto diverso dal 6.5, l'8.5 è veloce oltre ogni immaginazione...
     
  2. TableT.maniac

    TableT.maniac The Spin Machine

    Squadra:
    di solito uso il righello
    Dov’è eta beta quando serve?
     
  3. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Nome e Cognome:
    Eugenio Bertagna
    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Perché? :)

    @michela123 ha spiegato bene cosa intendeva.

    Poi, morbidezza (resistenza all'incisione) e rigidità meccanica non sono antitetiche, anche se raramente vanno a braccetto.

    La balsa è un legno morbidissimo ma rigido.

    L'hinoki è un po' meno morbido e un po' meno rigido della balsa.
     
  4. genioboy

    genioboy Mille e 1 notte...insonne

    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Anch'io ho chiara la differenza tra rigido ed elastico, ma vorrei sapere come morbidezza e durezza influiscono sulle caratteristiche della racchetta e sul gioco. Qualcuno può spiegarlo per favore? :oops:
     
  5. Robocell

    Robocell Utente Attivo

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Ciao,

    Concordo con Seguso sulla definizione del Clipper.
    Esiste, tuttavia, anche il Waldner Champ 89.
    Stiff, ma dallo strato superficiale morbido.
    Il tocco di palla, quindi, seppur non così assorbito dalla racchetta (dipende anche dalle gomme), è dolce.
    IMO, come sempre...

    Ciao,
    Rob
     
  6. politiz29

    politiz29 attaccante... nà volta!

    Nome e Cognome:
    Tiziano Poli
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    l'ho già scritto altre volte in altri thread, ma non ricordo dove.... e fa troppo caldo per usare il tasto cerca :D

    Ipotizzando di avere due essenze con la stessa elasticità, ma sul serio ancora si crede che un legno più morbido sullo strato esterno possa portare a differenze sostanziali da quello più duro?
    Questo è un parametro che, se si parla di materiali legnosi, sottoposto a forti sollecitazioni non torna più allo stato originario.
    Per farla breve e facciamo il caso estremo, se tiro una fucilata tale da:
    - colpire la gomma esterna (trattasi di puntinata senza gommapiuma)
    - farla deformare tanto da arrivare a schiacciare anche il legno superficiale del telaio
    - avere un polso da lottatore di sumo da non farmi saltare via la racchetta di mano

    mi ritroverò probabilmente con, una pallina rotta, una puntinata con qualche decina di puntini in meno e
    l'unica differenza tra farlo su una racchetta con strato esterno morbido e una con legno duro, è che nel primo caso mi ritroverò con un bozzo da impatto sul telaio che non tornerà più in piano.

    Secondo la mia poca esperienza in fatto di progettazione di telai artigianali, il parametro della durezza del legno ha poco a che fare con il gioco, piuttosto può servire al falegname per altri scopi legati alla lavorazione.
    Nella risposta del telaio, parlando del solo legno, la fanno da padrone, l'elasticità/rigidità, la tipologia di fibre del legno, il peso specifico, l'orientamento delle fibre negli strati
     
    A genioboy e eta beta piace questo messaggio.
  7. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Nome e Cognome:
    Eugenio Bertagna
    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Tiziano,
    forse ricorderai una vecchissima discussione nella quale, insieme ad altri, io ero perplesso circa il fatto che il tipo di pavimento potesse influire sul gioco.

    La mia obiezione fu : "ma quanto può influire una componente così lontana sul gioco?"

    "C'è prima il piano del tavolo, poi il telaio e infine le gambe" dicevo "come può influire sul rimbalzo di una pallina di pochi grammi? Fosse una palla da tennis scagliata a tutta forza, capirei".

    La risposta fu che proprio perché la pallina è leggera ogni minima variabile incide sul suo comportamento. E fu una risposta valida a spiegare ciò che succede.

    Credo che sia un po' così anche per il legno usato per gli strati esterni del telaio.

    Sono variazioni minime (come ben sai credo pochi a cosiddetti telai combi) ma per qualcuno molto sensibile.. percettibili.

    :birra:
     
    A ggreco e politiz29 piace questo messaggio.
  8. rozzopicchiatore

    rozzopicchiatore Utente Attivo

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Concordo con Seguso, sulla morbidezza del clipper, che non mi piace troppo a dire il vero, essendo io un attaccante "selvaggio", voglio anche sentire nel telaio un rumore selvaggio, forte, che nel clipper non si sente. Ma a livello di risultati, quando gioco con il clipper (wrb), ho dei risultati positivi inaspettati.
    Bohh, non riesco a spiegarmelo, ma effettivamente deve essere un buon telaio. Anche con un suo clone, il nittaku ludeack, ho ottenuto ottimi risultati.
     
  9. skevros

    skevros Utente Attivo

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASD TT Campomaggiore Terni.
    hinoki+carbon.
     
  10. Frdimond

    Frdimond Utente

    Nome e Cognome:
    Francesco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Ciao,
    Joola Rosskopf Emotion
     
    A skevros piace questo elemento.
  11. skevros

    skevros Utente Attivo

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASD TT Campomaggiore Terni.
    concordo,
    se poi se ne trova uno che pesa poco è OK.
     
  12. Zamma

    Zamma Nuovo Utente

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    Valledora Alpignano
    Ti consiglio un Darker 7 strati tutto Hinoki giapponese. Sono telai rigidi e dal tocco morbido, ottima manifattura.
     
  13. li-ning

    li-ning Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Flavio Maietti
    Qualifica Tecnico:
    Tecnico di Base FITeT
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    Tt milano
  14. Marvel64

    Marvel64 Utente stagionato

    Nome e Cognome:
    Maurizio P.
    Squadra:
    ASD GS CRAL Roma Tennis Tavolo
    Provo a spendere i miei 2 cents per rispondere alla perplessità palesata dall'amico Tiziano, che comunque ne sa certamente molto più di noi, essendo il progettista dei telai di Geppetto...;)
    La penso similmente ad Eta Beta: se da una parte è vero che dal punto di vista fisico, i parametri significativi nella risposta all'impatto (specie se piuttosto violento) sono esattamente quelli declinati da Tiziano, è anche vero che il nostro è uno sport che si nutre di sensazioni soggettive.
    Il buon Pettinelli tantissimi anni fa sentenziava che le attitudini musicali offrono un sicuro vantaggio per il pongista (in effetti parecchi tennistavolisti, anche di alto livello, sono musicisti, dilettanti e non), in virtù del ritmo mani-orecchio (concetto ripreso in tempi più recenti dall'ottimo Costantini sul suo sito). Parimenti altri fattori legati alla personale sensibilità alle vibrazioni (il sito ttgearlab.com, molto tecnico, individua addirittura due indici di vibrazioni, per distinguere la sensibilità al dito da quella al palmo) hanno comunque in forte impatto, almeno a livello psicologico, nella conduzione dei colpi.
    Anche a livello personale, avendo provato centinaia di telai, con tutte le possibili combinazioni legno/fibre, ammetto di avere un'immediata predilezione per i legni con tocco morbido.
    In sostanza quindi nel nostro amato sport bisogna riconoscere l'importanza di fattori soggettivi che, pur senza essere direttamente misurabili, partecipano alle sensazioni (direi quasi all'emozione) del gioco, senza per questo dover essere tacciati di esoterismo...:)
     
  15. andras

    andras Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Riccardo Belli
    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    T.T. MONDOVI'
    "rigido ma morbido"..............come disse Cicciolina!!!:D:D:D:D:D:rotfl::rotfl::rotfl::rotfl::rotfl::rotfl::rotfl:
     
    A Maxi42 piace questo elemento.

Condividi questa Pagina