1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Regolamento Classifiche "da rivedere"

Discussione in 'Regole e Regolamenti' iniziata da cunni, 26 Apr 2018.

  1. LO YETI

    LO YETI Utente Noto

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Beh, sempre proporzionati alla categoria, ma i premi in denaro potrebbero starci per tutti, anche un 4^-5^-6^ ctg spende dei bei soldini per partecipare ai tornei... Per le categorie più basse potrebbe essere un rimborso spese nel vero senso della parola!
     
    A Antoniogatto piace questo elemento.
  2. ggreco

    ggreco Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Giovanni Greco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT Arcadia
    Io non ho ascoltato il filmato, ma Tu non hai neanche correttamente interpretato il mio scritto, magari non mi sono spiegato bene: hai presente la differenza tra motivazioni primarie e secondarie? I soldi ed i punti in classifica sono motivazioni secondarie, mentre andrebbero alimentate le motivazioni primarie nei ragazzini, se vogliamo creare giocatori appassionati di lungo periodo e non limoni da spremere in pochi anni.
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 29 Apr 2018, Data originale: 29 Apr 2018 ---
    Mai affermato questo, dico solo che i premi come la classifica sono motivazioni SECONDARIE, soprattutto per i giocatori giovani ed in formazione.
     
  3. adygoro

    adygoro Utente Noto

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    ggreco, che c entrano i ragazzini? i ragazzini fino a 15 16 anni non hanno bisogno di motivazioni perche di uno sport si innamorano ... il problema è dopo ... infatti i nostri smettono .. chiediti il perche ...
     
  4. FabioS

    FabioS Utente Noto

    Nome e Cognome:
    Fabio
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Allora, parto innanzitutto dal fatto che forse avresti dovuto ascoltarlo, prima di scrivere che non sei d'accordo con me!
    Semplicemente perché quello è un presupposto fondamentale ed è parte integrante del mio discorso!
    Diversamente, si potrebbe dire che hai commentato una cosa di cui non conosci i contenuti (o perlomeno non li conosci tutti) ed a cui hai dato inevitabilmente una interpretazione casuale e personale!
    In altre parole, il "giornale" si legge tutto, non solo quello che ci piace o solo le figure!

    Passando alla questione delle motivazioni ti dico questo:
    tu hai voluto fare una considerazione edotta ma penso francamente che la cosa non sia riuscita granché bene!
    Maslow diceva che "i bisogni fondamentali dell’uomo coincidono con le motivazioni", per cui, parlando di motivazioni primarie, dovremmo forse spingere i ragazzi a concentrarsi di più sui loro bisogni fisiologici.......su come e quanto dormire.....su come, quando e quanto alimentarsi.....su come, quando e quanto fare attività sessuale?:mumble::mumble::mumble::azz::azz::azz:
    Dai, siamo seri!
    In un ambito extra-familiare ed extra-scolastico, quale quello sportivo, appunto, puoi occuparti quasi esclusivamente di bisogni/motivazioni secondarie, cioè il bisogno di appartenere a un gruppo, oppure il bisogno di autostima e di fiducia nelle proprie possibilità, il desiderio di crescere e realizzarsi ecc.
    Ma non vedo quale disturbo possano arrecare le classifiche in tutto ciò!
    Anzi, il riscontro diretto e la "quantificazione" numerica del proprio livello di bravura, non può far altro che da stimolo, proprio nella direzione di cui sopra.
    Sempre parere personale, s'intende!!... ;)
     
  5. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Nome e Cognome:
    Eugenio Bertagna
    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Ma... questa federazione deve riscrivere il regolamento classifiche o un trattato di socio-antropologia? :nerd:
     
    A adygoro piace questo elemento.
  6. Tsunami!

    Tsunami! Moderatore mercatino Staff Member

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT tennistavolo Parabiago
    le due cose sono legate, uno a cui piace praticare uno sport e non partecipa per la paura che la sconfitta gli faccia perdere troppi punti in classifica...
     
    A cucciolo, ggreco, LO YETI e 1 altro utente piace questo messaggio.
  7. ggreco

    ggreco Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Giovanni Greco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT Arcadia
    C'entrano, infatti le motivazioni primarie si costruiscono in tenera età.
     
  8. LO YETI

    LO YETI Utente Noto

    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    In effetti fa proprio ridere! Potrei capire il mero calcolo per entrare in un determinato ranking , ma sempre giocando..... Intendo: se devo salire vinco se devo scendere perdo (anche questo è un controsenso ma se ti serve una partita persa per entrare in un ranking, non è poi così un grosso scandalo e soprattutto sei sempre in regola....) ;) Tante teste, tante soluzioni, tanti modi di pensare ma sempre nel rispetto degli altri!:D:approved:
     
  9. adygoro

    adygoro Utente Noto

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    ggreco ... stai facendo un discorso di tipo amatoriale, lo sport non è solo amatorialità .. lo sport è anche impegno, sacrificio ... i ragazzini non hanno bisogno di particolare insegnamenti perche si avvicinano allo sport per innamoramento, e gli stessi genitori, sanno gia che nella pratica del tennistavolo non avranno riscontri economici di rilievo ... ne ho cresciuto qualcuno di ragazzino ... a 16 17 anni cambiano i bisogni primari dei ragazzi .. e a 18 20 anni hanno esigenze gia di altro tipo ... se sono un amatore, vado in palestra a giochicchiare un paio di volte a settimana, e mi sta bene cosi ... se sono un atleta, e mi alleno tutti i giorni, per poter garantire a me stesso ed alla mia asd determinati risultati, devo poter avere anche un riscontro economico ... altrimenti smetto, mollo, è quello che accade da noi ..

    gli altri paesi piu poveri, progrediscono molto di piu perche il tennistavolo per loro è un opportunità .. se non lo diventa anche da noi ... non saremo mai nessuno, e anzi stiamo diventando anche meno di quello che eravamo
     
    A Ric Grig, ttsermide, FabioS e 2 altri utenti piace questo messaggio.
  10. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Nome e Cognome:
    Eugenio Bertagna
    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    "La scimmia nuda" è già stato scritto da Desmond Morris. :)
     
  11. ggreco

    ggreco Utente Attivo

    Nome e Cognome:
    Giovanni Greco
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    ASDTT Arcadia
    Lo sport nasce amatoriale, solo successivamente diventa opportunità economica.
    Per carità, è giusto che in età più avanzata giocatori, tecnici, dirigenti ed arbitri abbiano un riscontro economico, secondo il livello raggiunto, ma non stavo parlando di questo, anzi, io sarei per il modello cinese basato sul finanziamento statale, da buon keynesiano, ma mi fermo qui perché vado nel campo OT della politica...
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 30 Apr 2018, Data originale: 30 Apr 2018 ---
    Tornando al discorso classifiche, ci sono due diversi principi ispiratori:
    - Quello attuale della stabilità, dove se sei il numero uno in tabellone DEVI vincere tutte le partite per non perdere punti o guadagnarne pochi.
    - Quello della mobilità dove più giochi e più guadagni in classifica, e dove la partecipazione alla categoria superiore è solo opportunità.
    Trovare il giusto equilibrio tra le due impostazioni può essere proibitivo, vista anche la presenza di mine vaganti che giocano tre tornei all'anno sottocasa (riferimento puramente casuale...).
     
  12. cunni

    cunni Utente Noto

    Categoria Atleta:
    3a Cat.
    Basterebbe avere assegnazioni sempre positive per migliorare le cose.
    Se vinco prendo pochi o tanti punti a seconda della metodologia di calcolo scelta e dell'avversario.
    Se perdo non prendo niente e non perdo niente.
    Semplice ma non demoralizzante e quindi non disincentivante
     
  13. adygoro

    adygoro Utente Noto

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    il fatto che piu giochi e piu devi valere mi sembra una cosa non giusta... anzi, direi che non lo è proprio .. pero' certo nell attuale sistema punti e se si lascia la classifica unica, sarà obbligatoriamente cosi .. infatti le classifiche con ranking per posizione saranno sempre false ...

    pero poiche ci sono queste volontà di avere questo sistema che piace agli amatori, il sistema misto resta il migliore
     
  14. tOppabuchi

    tOppabuchi misantro-pong

    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Ma per piacere....
    Facciamo che se sei più alto in classifica nemmeno giochi, va.
    Prendi punti e nemmeno ti muovi da casa.:rotfl:
     

Condividi questa Pagina