1. Benvenuto/a sul forum di Tennis-Tavolo.com! Iscriviti è GRATUITO!
    Iscrivendoti con il pulsante qui a destra potrai partecipare attivamente nelle discussioni, pubblicare video e foto, accedere al mercatino e conoscere tanti amici che condividono la tua passione per il TennisTavolo. Cosa aspetti? L'iscrizione è gratuita! Sei già registrato/a e non ricordi la password? Clicca QUI.
  2. Clicca QUI per risparmiate sugli acquisti con le offerte di Amazon.it

Le "famose" (e false) Regole da Oratorio

Discussione in 'Regole e Regolamenti' iniziata da ZioDrake, 7 Apr 2007.

Status Discussione:
ATTENZIONE! - L'ultima risposta a questa discussione ha più di 365 giorni!
Valuta se potrebbe aver senso aprire una nuova discussione sull'argomento o se il tuo intervento possa essere utile ad essa.
  1. riobak

    riobak Nuovo Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Noi infatti, prima di fare gare ufficiali, al circolo dove giocavo da ragazzino, utilizzavamo queste regole :cool:
     
  2. Aragorn

    Aragorn Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    e quali sono quelle giuste ?
     
  3. jody

    jody Came ooon!!

    Categoria Atleta:
    4a Cat.
    Squadra:
    TT ABBA - Brescia
    Tutte quelle che sembrano false :)))))))))))
     
  4. Aragorn

    Aragorn Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Non mi è d'aiuto . Qualcuno potrebbe fare una lista delle regole generali e fondamentali di questo gioco , per esempio come si batte ecc. ? ;)
     
  5. politiz29

    politiz29 attaccante... nà volta!

    Nome e Cognome:
    Tiziano Poli
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    forse ti è sfuggito lo spirito iniziale di questo post... se vuoi imparare bene le regole ufficiali, ti consiglio vivamente di andare su fitet.org e scaricarti il regolamento tecnico ufficiale 2010-2011, li ci troverai tante altre regole molto interessanti... e poi è d'obbligo per un giocatore conoscere il regolamento ufficiale (onde farsi fregare dagli altri) ;)
     
  6. Aragorn

    Aragorn Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Ho letto tutto. Grazie politiz 29 . Ma quando uno batte , a parte la storia di lanciarla su 16 cm, si può battere con qualunque stile , sia di dritto e sia di rovescio?o_O :mumble:
     
  7. politiz29

    politiz29 attaccante... nà volta!

    Nome e Cognome:
    Tiziano Poli
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    certamente, basta che la pallina sia visibile, che tu non la ostruisca col braccio o col corpo in qualche modo e che il movimento parta dalla parte superiore del tavolo e non da sotto come spesso si vede fare in giro (ma si vede fare di peggio :muro:)
    Ho visto fare dei servizi che più strambi non si può... altro che stile... un incubo direi, però tutto sommato regolarissimi dal punto di vista "normativo" ;) e alcuni pure maledettamente efficaci come difficoltà di ricezione.
     
  8. Aragorn

    Aragorn Utente

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    Ho certi servizietti efficaci che ho studiato e messo in pratica sin da quando ero un bambino piccolo. Questo mi fa ben speare
     
  9. LCU64

    LCU64 Utente

    Nome e Cognome:
    Baldoni Luca
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    La regola più bella da bar era: "chi perde paga da bere" quella la rimpiango molto.
     
  10. lele

    lele Table tennis for ever !

    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    se è solo per quello...esiste ancora. Quante volte, tra di noi, facciamo che chi vince paga la birretta....
     
  11. Sette

    Sette 'zzo guardi?

    Nome e Cognome:
    Omar Biagi
    Categoria Atleta:
    5a Cat.
    Squadra:
    TT Forte Dei Marmi 2008
    manca la "diretta".
    se sul servizio la palla tocca direttamente la rete senza aver toccato prima il tavolo, si ripete. e mi sembra anche giusto! :D
     
    A eta beta piace questo elemento.
  12. LCU64

    LCU64 Utente

    Nome e Cognome:
    Baldoni Luca
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    A questo punto visto il mio infimo livello dovrò aprire un conto al bar.... Ma l'importante è bere qualcosa insieme!
     
  13. don Carlo

    don Carlo Nuovo Utente

    Ciao a tutti, mi sono ritrovato per caso in questo blog perchè cerco un regolamento per il gioco del ping pong, ops scusate, tennis da tavolo, :)
    da mettere nel salone parrocchiale.
    ho visto in rete e quello ufficiale è un pò difficilotto da capire, almeno per me.
    in rete ho visto questo: le regole sbagliate, e mi sono chiesto: non è che saresta così gentili da fare un regolamento versione oratorio, quindi con linguaggio semplice.

    Grazie a tutti per la disponibilità e buon gioco
     
  14. politiz29

    politiz29 attaccante... nà volta!

    Nome e Cognome:
    Tiziano Poli
    Categoria Atleta:
    Non Tesserato
    salve Don
    credo che la cosa più semplice per l'oratorio sia prendere il regolamento Fitet ufficiale ed eliminare alcuni paragrafi, tipo quello legato ai materiali per esempio, o l'expedite sistem... poi le regole di gioco vere e proprie io le lascerei tutte, altrimenti sarebbe come fare una partita di calcetto e dire ai giocatori che si può toccare con le mani la palla ;)
    --- Messaggio Unito Automaticamente, 9 Mar 2013, Data originale: 9 Mar 2013 ---
    a tempo perso ho fatto un "estratto" delle regole essenziali, ho tolto anche quelle poche regole in più per i diversamente abili se dovessero servire basta reinserirle.
    In caso di incomprensioni su alcune regole, siamo qui pronti a chiarirle, in grassetto le regole che di solito vengono trasformate in "regole da oratorio" :D .
    Naturalmente se qualcuno vuole contribuire si faccia avanti


    1. Il Tavolo.
    - la superficie di gioco comprende i bordi superiori del tavolo ma non i lati del tavolo sotto i bordi.


    2.La Rete.
    2.1 - la “ rete” consiste nella rete, la sua sospensione ed i paletti di sostegno, inclusi i morsetti di fissaggio al tavolo.
    2.2 - la rete deve essere sospesa ad una corda fissata a ciascuna estremità ad un paletto verticale alto centimetri 15,25; i limiti esterni del paletto si devono trovare a centimetri 15,25 dalla linea laterale.
    2.3 - il bordo superiore della rete, per tutta la sua lunghezza, deve essere a centimetri 15,25 della superficie di gioco.
    2.4 - la parte inferiore della rete, per tutta la sua lunghezza, deve essere il più possibile a contatto con la superficie di gioco e le sue estremità devono essere il più possibile a contatto con i paletti di sostegno.

    4.La Racchetta.
    - la racchetta può essere di qualsiasi dimensione, forma e peso ma il telaio deve essere piatto e rigido.
    - il telaio, qualsiasi strato all’interno del telaio e qualsiasi strato di materiale di copertura o adesivo, sul lato usato per colpire la pallina, devono essere continui e di spessore uniforme.



    6. Definizioni.
    6.1 - uno scambio (rally) è il periodo durante il quale la pallina è in gioco.
    6.2 - la pallina è in gioco dall’ultimo momento nel quale essa è ferma sul palmo della mano libera prima di essere intenzionalmente proiettata verso l’alto nell’esecuzione del servizio, fino a quando lo scambio si conclude con un punto o con un colpo nullo.
    6.3 - un colpo nullo (let) è uno scambio il cui punto non viene conteggiato.
    6.4 - un punto (point) è uno scambio che viene conteggiato.
    6.5 - la mano della racchetta (racket hand) è la mano che tiene la racchetta.
    6.6 - la mano libera (free hand) è la mano che non tiene la racchetta. Il braccio libero è il braccio della mano libera.
    6.7 - un giocatore colpisce (strikes) la pallina se la tocca con la racchetta tenuta con la mano, o con la mano che tiene la racchetta sotto il polso.
    6.8 - un giocatore ostruisce la pallina se egli, o qualsiasi cosa indossi o porti, la tocca in gioco quando la stessa è al di sopra o in movimento verso la superficie di gioco e non ha ancora oltrepassato la sua linea di fondo, sempre ché non abbia già toccato la sua metà campo dopo essere stata colpita dal giocatore avversario.
    6.9 - il battitore (server) è il giocatore tenuto a colpire per primo la pallina in uno scambio.
    6.10 - il ribattitore (receiver) è il giocatore tenuto a colpire per secondo la pallina in uno scambio.
    6.13 - ogni cosa che un giocatore indossa o porta (wears or carries) comprende ogni cosa che questi indossava o portava diversa dalla pallina all’inizio dello scambio.
    6.14 - la pallina deve essere considerata come passante al di sopra o intorno alla rete se passa ovunque tranne che tra la rete ed i suoi supporti o tra la rete e la superficie di gioco.
    6.15 - la linea di fondo (end line) si considera prolungata indefinitamente in entrambe le direzioni.

    7. Un Servizio Valido.

    7.1 - il servizio inizierà con la pallina liberamente posta sul palmo aperto della mano libera, ed immobile, del battitore.
    7.2 - il battitore deve quindi lanciare la pallina quasi verticalmente verso l’alto e senza imprimere effetto così che si sollevi dal palmo della mano libera di almeno16 centimetri e ricadere senza che abbia toccato nulla prima di essere colpita dal battitore.

    7.3 - mentre la pallina sta discendendo il battitore la deve colpire in modo che nel singolo essa tocchi dapprima il suo campo e poi, dopo essere passata al di sopra o attorno alla rete, tocchi il campo del ribattitore; nel doppio, la pallina deve toccare successivamente la metà campo destra del battitore e del ribattitore.
    7.4 - dall’inizio del servizio finché è colpita, la pallina deve essere al di sopra del livello della superficie di gioco e oltre la linea di fondo del battitore, ed essa non deve essere nascosta al ribattitore da nessuna parte del corpo o dall’abbigliamento del battitore o del suo compagno di doppio.
    7.5 - appena la pallina è stata lanciata, il braccio e la mano libere del battitore devono essere rimosse dallo spazio fra la pallina e la rete.
    Lo spazio tra la pallina e la rete è delimitato dalla pallina, dalla rete e dalla proiezione verticale dei suoi sostegni.

    8. Il Rinvio.

    8.1 - la pallina, servita o rinviata, deve essere colpita così che passi sopra o attorno alla “ rete ” e tocchi il campo dell’avversario, o direttamente o dopo aver toccato la “ rete ”.

    9. L’Ordine di Gioco.

    9.1 - nel singolare, il battitore deve prima effettuare un servizio, il ribattitore deve poi effettuare un rinvio e quindi battitore e ribattitore alternativamente devono effettuare ciascuno un rinvio.
    9.2 - nel doppio, il battitore deve prima effettuare un servizio, il ribattitore deve poi effettuare un rinvio, il compagno del battitore deve quindi effettuare un rinvio, il compagno del ribattitore deve effettuare un rinvio e quindi ciascun giocatore, secondo questa sequenza, deve effettuare un rinvio.

    10. Un Colpo Nullo.

    10.1 - lo scambio deve considerarsi colpo nullo:
    10.1.1 - se la pallina, nel servizio, nel passare sopra o intorno alla “rete”, la tocchi, sempre che il servizio sia per il resto valido, o sia stata ostruita dal ribattitore o dal suo compagno.
    10.1.2 - se il servizio è eseguito quando, il giocatore o coppia che ribatte non sia pronto sempre che né il ribattitore né il suo compagno tentino di colpire la pallina.
    10.1.5.1 - ritorna verso la rete dopo aver toccato la metà campo del ribattitore, oppure
    10.1.5.2 - si ferma nella metà campo del ribattitore oppure
    10.1.5.3 - in una gara di singolo rimbalza sulla metà campo del ribattitore uscendo poi da una delle sue linee laterali.
    10.2 - il gioco può essere interrotto per:
    10.2.1 - correggere un errore nell’ordine di servizio, risposta o cambio campo.
    10.2.4 - condizioni di gioco disturbate in modo tale che potrebbero influenzare l’esito dello scambio.


    11. Il Punto.

    11.1 - salvo il caso dello scambio dichiarato colpo nullo, un giocatore acquisisce un punto:
    11.1.1 - se il suo avversario non esegue un servizio corretto.
    11.1.2 - se il suo avversario non esegue un rinvio corretto.
    11.1.3 - se la pallina, dopo essere stata servita o rinviata, tocca qualunque cosa tranne che la rete prima di essere colpita dal suo avversario.
    11.1.4 - se la pallina, dopo essere stata colpita dal suo avversario, passa al di sopra della sua parte del tavolo o oltre la linea di fondo senza aver toccato il suo campo.
    11.1.5 - se il suo avversario ostruisce la pallina.
    11.1.6 - se il suo avversario colpisce deliberatamente la pallina due volte di seguito.
    11.1.8 - se il suo avversario, o qualsiasi cosa indossi o porti, muove la superficie di gioco.
    11.1.9 - se il suo avversario, o qualsiasi cosa indossi o porti, tocca la rete.
    11.1.10 - se la mano libera del suo avversario tocca la superficie di gioco.
    11.1.11 - se, nel doppio, il suo avversario colpisce la pallina fuori dal proprio turno.
    11.1.13.2 – l’avversario tocca il tavolo con qualsiasi mano prima di colpire la pallina;

    12. Una Partita.

    12.1 - una partita sarà vinta da un giocatore o coppia che per prima totalizza 11 punti, ma quando entrambi i giocatori o coppie totalizzano 10 punti, la partita sarà vinta dal giocatore o coppia che per primo totalizza 2 punti consecutivi più del suo avversario o coppia.

    13. Un Incontro.

    13.1 - un incontro deve essere disputato al meglio di qualsiasi numero dispari di partite.

    14.La Sceltadel Servizio, della Risposta e del Campo.

    14.1 - il diritto di scegliere l’ordine iniziale di servizio, di risposta ed il campo deve essere deciso per sorteggio, e il vincitore può scegliere di servire o ricevere per primo o di iniziare in un determinato campo.
    14.2 - quando un giocatore od una coppia hanno scelto di servire o di ricevere per primi o il campo, all’altro giocatore o coppia resterà l’altra scelta.
    14.3 - dopo che sono stati conteggiati 2 punti il giocatore o coppia che ribatte diverrà battitore e così fino al termine della partita o finché entrambi i giocatori o coppie raggiungano i 10 punti, nel qual caso la successione del servizio e della risposta deve rimanere la stessa, ma ogni giocatore o coppia deve servire per un solo punto a turno.
    14.4 - nel doppio, la coppia che ha diritto di servire per prima in ciascun set deve decidere quale dei giocatori inizierà a servire e la coppia avversaria deve decidere poi quale dei giocatori riceverà per primo; nelle successivi set dell’incontro, scelto il primo battitore, il primo ribattitore deve essere il giocatore che serviva su di lui nel set immediatamente precedente.
    14.5 - nel doppio, a ciascun cambio di servizio il precedente ribattitore diventerà battitore e il compagno del precedente battitore diventerà ribattitore.
    14.6 - il giocatore o coppia che serve per primo in un set deve ricevere per primo nel set immediatamente successivo di un incontro e, nell’ultimo possibile set di un incontro di doppio, la coppia che deve ricevere successivamente, deve cambiare l’ordine di ribattuta quando una coppia raggiunge i 5 punti.
    14.7 - il giocatore o coppia che inizia un set in un campo deve cambiare campo nel set immediatamente seguente dell’incontro e, nell’ultimo possibile set di un incontro, i giocatori devono cambiare campo quando il primo giocatore o coppia raggiunge i 5 punti.

    15. Errori nell’Ordine di Servizio, di Risposta o di Campo.

    15.1 - se un giocatore serve o riceve fuori turno, il gioco deve essere interrotto appena l’errore è scoperto e deve riprendere con quei giocatori che avrebbero dovuto rispettivamente servire e ricevere al punteggio raggiunto, seguendo la successione stabilita all’inizio della partita e, nel doppio, l’ordine di servizio scelto dalla coppia che aveva il diritto di servire per prima nel set durante il quale è stato scoperto l’errore.

    15.2 - se i giocatori non hanno cambiato il campo quando avrebbero dovuto effettuarlo, il gioco deve essere interrotto appena l’errore è scoperto ed i giocatori dovranno cambiare campo secondo la successione stabilita all’inizio della partita.
    15.3 - in ogni caso, tutti i punti assegnati prima della scoperta di un errore devono essere considerati acquisiti.
     
  15. cunni

    cunni Utente Noto

    Categoria Atleta:
    3a Cat.
    Comunque...potrei sbagliarmi, ma non ho trovato sul regolamento da nessuna parte la regola che dice che non si può parlare!!!
    Più di una volta in partita ho ceduto il punto per aver parlato prima della fine del punto...ma a questo punto mi chiedo dove c'è scritto che non si può?
     
  16. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Nome e Cognome:
    Eugenio Bertagna
    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    dev'essere una di quelle regole non scritte che se non rispetti to trattano come un appestato.. in inglese lo chiamano gentlemen agreement. :D Una volta, a un campionato italiano uno fermó la pallina perchè io esclamai un 'azz prima di colpire la pallina che mi stava arrivando sul petto. Protestai perché avevo parlato prima di colpire e quindi non potevo aver disturbato l'avversario. Morale..
     
  17. cunni

    cunni Utente Noto

    Categoria Atleta:
    3a Cat.
    Ma quindi si parla di fair play....!?
     
  18. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Nome e Cognome:
    Eugenio Bertagna
    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    ... morale, la volta seguente che mi capita una cosa simile concedo il punto del 9 pari mentre sarei andato sul 10-8 per me.. e finisco poi per perdere la partita... :( sì... forse è una forma di fair play coattivo :) ma bisognerebbe leggere tra le righe del regolamento... certi arzigogoli stanno sempre .. tra le pieghe e tra le righe. :D
     
    Ultima modifica: 9 Mar 2013
  19. Mascalzone

    Mascalzone Utente Attivo

    Squadra:
    A.S. Roma T.T.
    Credo che quella del fair play, su un tavolo dell'oratorio, sia la prima regola a saltare.
    Ho dei ricordi bellissimi nella stanza delle suore (da noi al paesetto il tavolo lo avevano loro): partite giocate con racchette di legno e ciuffi di spugna (la gomma nemmeno sapevamo esistesse), urla selvagge e stire a chi subiva appunto i famosi "cappotti", difficoltà aggiunte verso quelli più bravi, fatte di prese in giro, cartocci tirati, calzoncini abbassati, ecc.. Il tutto ovviamente DURANTE il gioco.
    Belle lezioni di vita!!!
    Imparare a vincere senza presunzione (o si aveva il branco contro).
    Imparare a non essere proprio l'ultimo (o si aveva il branco contro).
    Imparare ad essere multitasking (ho letto, non ricordo dove, che il termine è stato inventato in un oratorio inglese durante una partita di PING PONG). Infatti bisognava contemporaneamente: giocare a pp, difendersi dagli scherni anche fisici dei compagni, litigare con racchette spesso assemblate in emergenza con dello scotch, contrattaccare ai doppi attacchi (sportivi e sociali), tenere d'occhio la porta per eventuali incursioni improvvise di Suor Marinoska (la nostra era di origine polacca e proveniva da una Regione famosa per la girata d'orecchiE), urlare agli altri senza farsi sentire dalle suore.. e cosa più difficile di tutte: fare tutto questo cercando di non "logorarsi" troppo o quando tornavo a casa mammachilasentiva!!! :)
     
    Ultima modifica: 10 Mar 2013
  20. eta beta

    eta beta Pnaftalin Balls

    Nome e Cognome:
    Eugenio Bertagna
    Categoria Atleta:
    Promozionale
    Squadra:
    TT Ossola 2000 Domodossola
    Bravo Mascalzone! :approved: Pezzo simpatico.

    Però "giocare a pp" non si può guardare. Già siamo messi male aldifuori delle nostre catacombe! TT o pingpong.. "giocare a pp" mi rifiuto.. a meno che non sia il famoso gioco a chi ha il getto più lungo. :D
     
    Ultima modifica: 11 Mar 2013
    A Mascalzone piace questo elemento.
Status Discussione:
ATTENZIONE! - L'ultima risposta a questa discussione ha più di 365 giorni!
Valuta se potrebbe aver senso aprire una nuova discussione sull'argomento o se il tuo intervento possa essere utile ad essa.

Condividi questa Pagina